Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Generalitat stanzia fino a 14.700 euro per un contratto di predottorato per la ricerca sull’alloggio fuori comunità

Valenza (EP). Ministero dell’Innovazione, Università, Scienza e Società Digitale Assegnerà borse fino a 14.700 euro a un totale di 75 ricercatori pre-dottorato Risiedere in centri di ricerca al di fuori della regione di Valencia nel 2022.

Nello specifico, la Generalitat Valenciana sosterrà un totale di 400.000 euro per spese derivanti da alloggio, mantenimento e spostamento di 75 ricercatori pre-dottorato.

L’importo di ciascun sostegno è determinato in base al Paese di destinazione, nonché al numero di mesi di permanenza, quindi l’assistenza in questo bando sarà concessa in un range compreso tra 1.075 e 14.700 euro, ha indicato la Generalitat in un comunicato.

Queste borse di studio fanno parte del programma R+S+i sviluppato dalla Direzione Generale della Scienza e della Ricerca, che ha una dotazione globale di 55 milioni di euro per il 2022, distribuiti su 14 modalità di sovvenzione.

Con questo aiuto, il Ministero dell’Innovazione contribuisce alla promozione dell’occupazione e allo sviluppo della professione di ricercatore degli scienziati valenciani al fine di posizionare la comunità valenciana come un’autonomia di ricerca competitiva e attraente.

Oltre alle cinque università pubbliche di Valencia, i beneficiari appartengono a Cardenal Herrera CEU, CSIC e altri sette centri di ricerca valenciani.

54 beneficiari

La destinazione scelta da 54 beneficiari per completare la propria residenza sono centri di ricerca dislocati in città europee, con nove residenze in centri in Gran Bretagna e sette in Germania e Italia. Inoltre, sei studenti svilupperanno la residenza in altri centri spagnoli.

Dei 21 ricercatori pre-dottorato che condurranno la loro ricerca fuori dall’Europa, nove sono diretti negli Stati Uniti, tre in Canada, tre in Australia, tre in Giappone e uno in Ecuador, Cile e Messico.

READ  L'"autoritarismo a breve termine" che sta complicando l'Uruguay e come uscirne - Affari - 08/08/2021

Inoltre, per la prima volta, il numero di donne beneficiarie di queste sovvenzioni ha raggiunto quasi il 60 per cento.

Politica di incentivazione della stabilità

Ministro dell’Innovazione, Università, Scienza e Società Digitale, Giuseppina BeneE ha sottolineato “i tanti provvedimenti presi dall’Autorità generale per le varie fasi del sistema della ricerca”. Ha sottolineato che “ai vari programmi che attuiamo, dobbiamo aggiungere lo sviluppo della politica degli incentivi per raggiungere la stabilità”.

Ha sottolineato che “abbiamo bisogno di scienziati e studiosi, e dobbiamo spingere i giovani perché abbiamo bisogno di quel talento nel servire i cittadini”, osservando che “con queste sovvenzioni, i ricercatori possono conoscere temporaneamente altri centri di ricerca per questo. Possono acquisire nuove tecnologie , accedere a strutture scientifiche e consultare gruppi Attività bibliografiche, documentarie o altre attività importanti nel contesto di un progetto di tesi.

Da parte sua, il direttore generale della Scienza e dell’innovazione, Angel Carbonell, ha sottolineato “l’importanza che i ricercatori pre-dottorato visitino altri laboratori e possano confrontare il lavoro che svolgono nel loro centro”. Ha espresso: “Queste residenze pre-dottorato rappresentano un’opportunità per i ricercatori di iniziare a creare le proprie reti”.