Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Francia ha esposto esplicitamente la propaganda del governo Sanchez: “Medcat non è la risposta”.

Come al solito, martedì scorso praticamente tutti i media spagnoli erano d’accordo con la propaganda del governo e guardando Per una presunta correzione della Francia nella sua contrarietà al progetto del gasdotto che collegherebbe la Spagna con il Nord Europa, dopo le “pressioni” esercitate da Pedro Sanchez e dal ministro degli Esteri tedesco Olaf Schulz, incontrati lo stesso giorno, a Berlino.

Come riportato da Libertad Digitali media spagnoli si sono rivolti a una debole risposta del ministro dell’Economia francese Bruno Le Marie, che si è limitato a dire “Studieremo il suggerimento dei nostri amici” Nel cambio di posizione causato “dalla pressione esercitata da Sanchez e Schultz”. Il fatto è che anche la Francia non ha cambiato di un solo atomo il suo rifiuto del MedCat, e questa pressione non è stata la stessa del fatto che Sanchez e Schultz non hanno nemmeno osato menzionare Macron. Oltre al fatto che il ministro dell’Economia francese non ha molto da dire su una questione che tocca la politica estera e geostrategica della Francia e dipende dalla Presidenza della Repubblica, è chiaro che la Francia non ha bisogno di “studiare” un progetto come il Midcat che conosce da anni. Lo rifiuta esattamente; Perché l’ha studiato e ha capito che danneggia i suoi interessi. Così, mentre tutti i titoli spagnoli si aprivano a pagina intera con il presunto cambio di posizione della Francia, ciò bastava appena per sfogliare figaro anche le Monde Vediamo che le notizie sulla stampa francese non esistevano nemmeno.

Se c’è qualche dubbio, Lo scienziato dopo giovedì Informazioni che risolvono il problema. Fonti del ministero dell’Energia francese hanno confermato al giornalista Carlos Segovia che non ci sono cambiamenti e che la Francia ha Medcat.Non una risposta all’attuale crisi energetica“.” Dall’inizio della crisi energetica, le interconnessioni con il Belgio, da un lato, e con la Svizzera e l’Italia, dall’altro, che riforniscono tutta l’Europa dell’Est, Germania compresa, sono state interamente utilizzate nella direzione delle esportazioni: ad agosto sono sono stati saturati rispettivamente dell’87% e del 97%”, hanno aggiunto dal ministero francese.

READ  La vecchia guardia del M5E frena il piano di Conte per ristabilire la festa

L’ultima volta che Macron ha parlato della questione è stato durante la sua recente visita in Algeria, in cui ha licenziato il governo Sanchez e ha chiarito il rifiuto francese di Medcat. All’opposizione francese si aggiunge il bombardamento dei rapporti con l’Algeria, quando Sanchez ha ceduto il Sahara al Marocco, rendendo inutile il progetto, poiché l’Italia è ormai la via principale per l’importazione del gas algerino.

La verità è che Sanchez non ha mai fatto pressioni su Macron, ma piuttosto su Macron si è ridottoAccettazione che l’Italia controlli le spedizioni di gas verso il Nord Europa e proponga un’alternativa Gasdotto sottomarino con l’Italia, che non sono nemmeno progettati e sono del tutto inutili e superflui. La Germania, dal canto suo, ritiene già che non ci saranno altre alternative e progetti come Rafforzamento ed espansione dei gasdotti con la Norvegia.