Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Francia dichiara un’economia di guerra e potrebbe interferire nelle fabbriche di gas

La Francia sta scivolando sempre più a fondo nell’economia di guerra, almeno per quanto riguarda il settore energetico. La legge sul “potere d’acquisto”, che sarà presentata al Consiglio dei ministri nei prossimi giorni, prevede una sezione sulla “sovranità energetica” che conferisce allo Stato poteri senza precedenti per sfruttare a piacimento l’infrastruttura del gas francese durante questo inverno in caso di la fornitura. crisi.

La versione provvisoria del testo del disegno di legge prevede l’acquisizione di distributori di benzina, e Riempimento forzato degli impianti di stoccaggio – Se non possono essere rispettati, gli operatori di stoccaggio (Storengy, una controllata di Engie e Térega) dovranno creare essi stessi gli stock necessari – con le eccezioni per accelerare l’installazione del terminale di importazione di GNL a Le Havre e riavviare l’impianto presso il centrale a carbone di Saint-Avold (denominata Emile-Huchet), che Chiuso definitivamente a marzo Ma spera di lavorare di nuovo dal 1 ottobre, ha appreso il giornale riverbero.

Nel caso di Le Havre, l’intenzione è di accelerare l’installazione di a Terminale di importazione galleggiante di gas naturale liquefatto (GNL) di Total Energy nel porto della Senna. Lo Stato francese spera di iniziare, al più tardi, a settembre 2023, in modo da essere pienamente operativo nell’inverno del prossimo anno.

Per mantenere gli obiettivi prefissati, possono Elimina una serie di azioni e licenze che potrebbero ritardare i lavoriQuesto per facilitare la realizzazione del tubo di collegamento che collegherà il porto alla rete del gas.

Gazel Energie, la società che gestisce la centrale a carbone di Emile-Huchet, potrà invece rivitalizzare e I contratti hanno, in via eccezionale, una durata massima di 36 mesi e hanno gli stessi dipendenti che avevano prima della chiusura. A proposito di quest’ultimo, i sindacati hanno espresso sconcerto che, come si suol dire, “solo quaranta dipendenti verranno assunti di nuovo invece dei previsti settanta”.

Il paese conta davvero Attualmente con una centrale elettrica a carbone, Cerdemais è di 1,2 GW. A questo si aggiungerà lo stabilimento di Saint-Avold (Emile-Huchet) che ha chiuso a marzo e che dovrebbe tornare operativo dal 1 ottobre.

centrali termiche

La Francia non è l’unico Paese dell’Unione Europea che ha scelto di aprire centrali elettriche a carbone per far fronte alla riduzione dei flussi di gas dalla Russia e garantire la sicurezza dell’approvvigionamento il prossimo inverno nel Vecchio Continente. Piani simili sono già stati anticipati da paesi come Germania e Austria. Inoltre, Polonia, Italia, Paesi Bassi e Grecia sono tra i primi paesi europei ad adottare misure per sovvenzionare l’elettricità prodotta da questo combustibile fossile.

Tuttavia, alcuni esperti hanno già avvertito che il piano di apertura delle fabbriche potrebbe essere minacciato proprio dalla carenza di carbone. Dal 10 agosto non sarà possibile importare questo combustibile fossile da Mosca, Che rappresenta il 46% del consumo totale dell’UE, rispetto al 40% del gas e al 27% del petrolio, secondo i dati della Commissione Europea.

L’aumento della domanda minaccia di erodere il ritmo dell’offerta, poiché le capacità di produzione di carbone non sono state ampliate negli ultimi anni. “Ci sono alcuni problemi di approvvigionamento nazionale per il prossimo inverno”, avverte la Rete europea dei gestori dei sistemi di trasmissione dell’energia elettrica (ENTSO-E) in un recente rapporto.

con tutto, I prezzi del carbone assisteranno a una crescita senza precedenti nel 2022Pertanto, prezzi più elevati potrebbero portare a una nuova ondata di investimenti nella catena di approvvigionamento.

CommentiIl WhatsAppIl WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn

READ  Fisher Investments: le economie potrebbero rimbalzare senza stimoli