Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Federal Reserve e la Banca Centrale Europea si affrettano a cambiare la loro politica di fronte al colpo di inflazione | mercati

In una lunga giornata, ieri la Federal Reserve statunitense e la Banca Centrale Europea hanno cospirato per cercare di frenare l’inflazione, da un lato, e in Europa, per porre fine alla speculazione a caccia di ocean bond, soprattutto da Spagna e Italia. Due movimenti si sono verificati a grande profondità nelle due maggiori regioni monetarie del mondo per un periodo di 12 ore. Come prima cosa in mattinata la Banca Centrale Europea ha annunciato un incontro urgente per prendere provvedimenti, in vista della data prevista dalla Federal Reserve in cui era previsto un rialzo del tasso di interesse di 75 punti base, come già avvenuto.

Le principali autorità monetarie si trovano ad affrontare lo stesso problema, un rialzo dei prezzi sconosciuto da diversi decenni, ma con sfumature: da un lato, un mercato che opera a velocità diverse, come nell’eurozona, e dall’altro, la radicata minaccia di recessione in 2023, nel caso degli stati Uniti. Il complesso enigma che ieri ha costretto le autorità monetarie di entrambe le sponde dell’Atlantico a fare un passo.

Per la prima volta, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha pubblicamente sostenuto l’aumento dei tassi di interesse a un livello molto restrittivo nonostante i rischi di calmare il mercato del lavoro e aumentare la disoccupazione, una strategia che in passato ha spesso portato alla stagnazione economica. Powell. In questo senso, le aspettative sui tassi sono aumentate di oltre 75 punti base: se a marzo i funzionari della Fed si aspettavano tassi al 2,75% nel 2023, la previsione mediana è ora un altro punto, 3,75%.

“È molto chiaro che la Fed farà tutto il necessario per ridurre drasticamente l’inflazione e che il tasso finirà vicino al 4% o superiore”, ha detto a Bloomberg Peter Yee, direttore del reddito fisso del Northern Trust. Gestione. “Sebbene Powell abbia cercato di minimizzare un altro aumento di 75 punti base il mese prossimo, ha affermato che i tassi di interesse sono ancora troppo bassi”.

READ  Horacio Rodriguez Laretta ha incontrato gli ambasciatori del G7 e ha chiesto di "ristabilire la fiducia internazionale"

Un cambio di posizione comporta rischi non solo per l’economia, ma per i mercati finanziari, anche europei, al punto che i tassi di interesse statunitensi sono il riferimento per tutto il mondo. Quando la Fed alza i tassi di interesse, gli asset rischiosi in tutto il mondo ne risentono, come quest’anno. E più in alto andavano, maggiore era la pressione. Questo aiuta a spiegare la fretta con cui la Banca centrale europea ha convocato ieri il suo Consiglio direttivo per discutere dell’aumento dei premi di rischio alla periferia dell’EUR.

L’inizio del ritiro dello stimolo da parte della Banca Centrale Europea e l’annuncio di Christine Lagarde la scorsa settimana di un rialzo dei tassi, insieme al ruolo della Fed, hanno aumentato i premi per il rischio periferico, una situazione che ricorda gli anni peggiori per l’euro. La crisi del 2011 e del 2012, che ha quasi spazzato via la moneta europea. I tassi di debito sono aumentati verticalmente in tutto il mondo, ma lo spread tra debito tedesco e spagnolo o italiano è diminuito da 70 a 130 punti (spagnolo) e da 130 a 240 (italiano).

La Banca Centrale Europea ha più volte avvertito di voler evitare la frammentazione finanziaria causata da questo fenomeno: poiché il mercato estrapola i premi di rischio di ciascun Paese agli asset di società o enti ivi localizzati, questi spread minano l’unità dell’eurozona. Le parole dei funzionari europei non hanno paralizzato la punizione del mercato della periferia, motivo per cui ieri la Banca Centrale Europea ha ufficialmente attivato i suoi piani per mettere in atto un meccanismo di mantenimento degli spread. Mentre ciò accade, utilizzerai le scadenze dei debiti acquistati durante la pandemia su base discrezionale.

READ  Hoy hace 50 anni: Población ganadera en el país era de 1,5 milioni di cabezas

La situazione è un dilemma per la banca. Come sottolinea Alberto Matilan, capo economista di Mapfre Inversión, la BCE ha tre diversi nemici con cui confrontarsi: margini elevati, crescita bassa in alcuni paesi e inflazione. “Ognuno dei tre ha bisogno di metriche diverse e generalmente contraddittorie”, spiega. “Il meccanismo di acquisto di attività per sostenere gli spread potrebbe ridurre la diminuzione della liquidità necessaria per combattere l’inflazione. Consentire all’inflazione di fluire aggraverebbe i problemi di crescita, sebbene potrebbe alleviare in una certa misura il debito. Ridurre la liquidità per combattere l’inflazione. Germania, riassume.

Il cambiamento nella politica monetaria statunitense, che deve ancora arrivare, ha già causato debolezza nei mercati, specialmente in asset molto caldi come tecnologia, debito di bassa qualità o criptovalute. L’S&P 500 è in territorio di correzione (più del 20% in calo dal suo massimo e in Europa i mercati azionari scendono del 15% su base annua (Ibex è in calo meno, circa il 7% da gennaio). Le obbligazioni spagnole salgono a livelli mai visti da allora 2014. E mentre ieri i mercati hanno alzato i tassi di interesse statunitensi, sono ancora fragili.