Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La domanda del dipartimento medico è triplicata per i pazienti COVID dell’OSEP

7 gennaio 2022 – 23:42

L’anno scorso, il governo, l’OSEP e il dipartimento medico hanno firmato un accordo per l’agenzia per monitorare i casi positivi di coronavirus per coloro che hanno un lavoro sociale per i dipendenti del settore pubblico. La strategia mirava a decomprimere la domanda che aveva il sistema pubblico. Il capo dell’istituto, Gabriel Correa, ha commentato che al culmine dell’epidemia, venivano curati in media 170 pazienti al giorno. Al momento, hanno un ordine di 500 casi al giorno. Tuttavia, hanno confermato di avere i professionisti e hanno negato qualsiasi ritardo da parte dell’ente.

Il Ministero della Salute ha un elenco di pazienti risultati positivi. Nel caso di quelli con OSEP, vengono indirizzati al dipartimento medico e l’ente designa uno specialista per il follow-up. Quelli senza lavoro sociale e quelli senza OSEP continuano a ricevere l’attenzione dei seguaci del Ministero della Salute.

“L’anno scorso abbiamo avuto più di 10.000 pazienti seguite al telefono. Abbiamo fornito medici, specialisti in infezioni, pediatri e ginecologi in gravidanza. Abbiamo fatto un ottimo lavoro e fatto dei progressi. Ad esempio, scriviamo ricette per medicinali, vengono inviate da WhatsApp il paziente, e con questa prescrizione attraverso la farmacia convenzionata con l’assistenza sociale possono acquistare il medicinale e portarlo a casa.Se il paziente necessita di qualche tipo di assistenza domiciliare, la chiamiamo ambulanza, tramite ECA o Vital, controllano e facci sapere se è necessario il ricovero. È un lavoro duro E ora con questa nuova ondata, stiamo ricevendo poco più di 500 pazienti, e Correa ha spiegato in dichiarazioni a “The Ancaste”, che stiamo lavorando a pieno regime, sopportando in mente che è un mese in cui molte persone trascorrono le vacanze.

READ  Una nuova funzionalità di Apple che andrà a beneficio della salute degli utenti

Come misura da tenere in considerazione, il capo dell’ente medico ha osservato che lo scorso anno, al culmine dell’epidemia, erano stati curati quotidianamente 170 pazienti; Oggi la domanda di cure è triplicata o quadruplicata.

Dal dipartimento medico, hanno negato di aver avuto un ritardo nella fornitura del servizio e attribuito questo più ai precedenti passaggi compiuti dal sistema. “Il ritardo nelle cure non è dovuto al dipartimento medico, i pazienti semplicemente ci passano davanti e risolviamo il problema. Prima, il dipartimento sanitario controlla se hanno un lavoro sociale, poi vanno all’OSEP e dall’OSEP ci passano. Il Il dipartimento medico non ha alcun tipo di ritardo nella cura del paziente”.

Correa ha anche osservato che bisogna tener conto del contesto dell’epidemia e della pressione sul sistema delle cure primarie. “A volte sorgono difficoltà perché ci sono pazienti che erroneamente lasciano i propri dati personali per comunicare. Non c’è alcun ritardo da parte del dipartimento medico e la procedura ha un onere amministrativo come la salute e l’OSEP, questo ritardo non ci si addice”, Handle.

Ha valutato che “la differenza rispetto all’anno scorso è che i casi finora non sono molto gravi. Prima di entrare in ospedale ci sono stati molti decessi. Finora la situazione può essere gestita”.

solitudine

L’accordo con l’OSEP è stato firmato lo scorso anno e viene attuato solo con questo servizio sociale dove non è stato firmato alcun accordo con altri. Correa ha spiegato che l’OSEP paga un’unità sanitaria che corrisponde ai giorni di follow-up. “Il medico di follow-up deve fare le certificazioni proxy, ma oltre a questo, non solo il paziente affiliato all’OSEP, ma anche altre persone della casa, anche se non hanno l’OSEP, vengono curate. Cioè, se c’è un’infezione nell’abitazione dell’agente, ce ne occupiamo anche con altri detenuti e molti di loro non hanno assistenza sociale L’unità pagata presuppone che per un periodo di sette giorni, il medico di controllo debba fare uno o due telefonate al paziente;

READ  Chi ama e chi odia 'Cuba' Granma

Infine, il professionista ha indicato che le cure erano garantite, nonostante la significativa crescita della curva dei casi. Ha anche commentato che i tecnici IT sono incaricati di eseguire tutti i caricamenti di dati, un’altra parte del sistema.

Trasferimento

  • 1577: Questi sono i casi di COVID-19 rilevati giovedì 6 gennaio, secondo il sito web del governo.
  • 67.289: è il numero totale di casi COVID registrati in Catamarca dall’inizio dell’epidemia.
  • 25%: è la percentuale di posti letto ad ossigeno occupati da pazienti Covid. Dispone di 42 pazienti ricoverati su 169 posti letto disponibili.
  • 110.533: Sono i casi positivi che si sono registrati ieri in tutto il Paese. Ci sono stati 42 morti. I casi confermati sono 6.135.836.