Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La dittatura cubana ha condannato il giornalista Lázaro Yuri Valle Roca a 5 anni di carcere per aver chiesto libere elezioni.

Il giornalista freelance cubano Lazaro Yuri Valle Roca è stato un bersaglio della dittatura cubana per più di un decennio.

Il giornalista e attivista cubano Lázaro Yuri Valle Roca – detenuto dal giugno 2021 – è stato condannato a 5 anni di carcere per “propaganda ostile persistente” per la sua richiesta di libere elezioni.

Nello stesso caso, l’alieno Tijerino Castro ha ricevuto quattro anni per la continua propaganda nemica, Ruslán Hernández Reyes, due anni, e Yusniel Milián González, un anno, entrambi per propaganda nemica.

Il contenuto della sentenza era stato pubblicato il giorno prima sui social dall’attivista Iralides Frumita, la moglie del chiamante.

L’arbitro accusa Valle Roca e Tigrina di avere “un’organizzazione non governativa illegale che si fa chiamare ‘Delibera’ dove tenevano incontri con lo scopo di pianificare, filmare e trasmettere azioni contrarie all’ordine sociale e politico a Cuba”. Sui social network “per diffondere nel mondo un quadro dell’instabilità sociale e politica all’interno del Paese”.

La corte di Castro rileva che Tigerino Castro ha scritto opuscoli contenenti “un approccio contrario all’attuale ordine sociale e politico a Cuba” e in cui come leggende casa e vitaE il Una canzone che critica il governo cubano e lo slogan delle proteste del 2021, e “Il popolo chiede democrazia”.

Lázaro Yuri Valle Roca ha riferito sui suoi social network la brutalità del regime di Castro
Lázaro Yuri Valle Roca ha riferito sui suoi social network la brutalità del regime di Castro

Inoltre, la sentenza afferma che I detenuti hanno organizzato una manifestazione il 4 giugno 2021, che è stata filmata e pubblicata sull’account Facebook dell’ONG Delibera por Valle Roca.

Giorni dopo, aggiunge la sentenza, i detenuti hanno lanciato in vari punti i volantini stampati mentre il giornalista li registrava per poi caricarli sulle reti delle ONG.

Home and Life, la canzone che ha scatenato l’ira del regime castrista

Secondo la corte, queste frasi sulla libertà e sui diritti umani fondamentali che non sono applicati tempestivamente, come la libertà di espressione, sono fraintese in un contesto diverso.. Furono accusati di antipropaganda pronunciando frasi di Martí e Maceo, che, senza dubbio, se fossero stati vivi, sarebbero stati nemici della dittatura per molti aspetti simili e peggio ancora al potere coloniale spagnolo a cui si opponevano.Il giornalista Jose Raul Gallego ha rassicurato il verdetto.

READ  Chiudi la soia al massimo 3 mesi dopo aver minacciato di battere il record nell'ultimo decennio

Valle Roca è in carcere temporaneo dal 15 giugno 2021, quando è stato fermato dalla polizia dopo essere stato chiamato in questura, presumibilmente perché l’indagine del 2020 sul reato di resistenza sarà chiusa. Il giorno prima del suo arresto, Valle aveva riferito di aver rilasciato volantini con messaggi a favore della democrazia da un edificio dell’Avana, sul suo canale YouTube “Deliberate”.

Durante la sua prigionia, il giornalista ha subito 15 tipi di tortura descritti da Prisoners Defenders (PD), che ha presentato alle Nazioni Unite un documento che condanna i modelli di abuso nelle carceri cubane.

L’elenco è composto da: rifiuto di cure mediche, lavoro forzato al di fuori dell’ambito della punizione penale, obbligo di mantenere posizioni scomode o dannose, punizione dell’isolamento, uso della temperatura come meccanismo di tortura, abuso fisico, trasporto in luoghi sconosciuti, confusione intenzionale . Privazione di acqua o cibo, sonno e comunicazione con avvocati e parenti, minacce alla loro incolumità e all’incolumità dei propri cari, dispiegamento di armi o oggetti di tortura, esposizione intenzionale ad angoscia e incertezza dovute alle condizioni e all’umiliazione di un familiare, umiliazioni e abuso.

Il caso di Valle Roca, 60 anni, è stato menzionato con particolare interesse nel rapporto semestrale su Cuba dell’American Press Association (IAPA), presentato ad aprile. Inoltre, l’Istituto cubano per la libertà di espressione e di stampa, in un comunicato, ha condannato la sentenza contro il giornalista e ha chiesto al governo di rilasciarlo immediatamente. Allo stesso modo, il Cuban Human Rights Monitor, una ONG con sede a Madrid, ha condannato la sentenza.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Le evacuazioni continuano a Mariupol in mezzo a nuovi combattimenti

Continuare a leggere: