Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La destra conquista la maggioranza in Svezia e il premier si dimette | I Democratici svedesi di estrema destra hanno vinto 20 punti e faranno parte del governo

Il primo ministro svedese, la socialdemocratica Magdalena Andersson, ha annunciato mercoledì che presenterà le sue dimissioni dopo aver confermato la sconfitta del blocco di centrosinistra contro l’opposizione di destra alle elezioni legislative di domenica.

Il 99,7 per cento dei collegi elettorali è stato contato e l’opposizione di destra ha vinto le elezioni con tre seggi, da 176 a 173, secondo il conteggio dell’autorità elettorale questo mercoledì, che include votazioni esterne e voti anticipati inviati nei tempi previsti, ma non lo hanno fatto arrivare in orario.

Al termine dell’ultima giornata di scrutinio dopo le elezioni tenutesi domenica, il primo ministro uscente, la socialdemocratica Magdalena Anderson, ha ammesso la sconfitta per il suo blocco e ha annunciato le sue dimissioni, che entreranno in vigore giovedì.

I socialdemocratici, la forza più votata del secolo scorso, hanno difeso la loro prima posizione con il 30,4 per cento, in crescita di due punti rispetto al 2018. Al secondo posto c’erano i democratici svedesi di estrema destra (SD), in crescita del 20,6 per cento, al secondo posto. del Partito conservatore guidato dal leader dell’opposizione Ulf Christerson, che è sceso di sette decimi a 19.1.

“Quasi tutti i voti sono stati contati, ma il risultato elettorale iniziale è abbastanza chiaro”, ha detto Anderson in una conferenza stampa. Il primo ministro uscente ha previsto che sarebbe stata una legislatura difficile e complicata a causa della piccola differenza ed ha espresso preoccupazione per l’ascesa dei socialdemocratici.

“Questo mette a disagio molti svedesi. Vedo questa preoccupazione e la condividoSollecitando la lotta contro l’odio e l’intolleranza, il Presidente del Consiglio ha sottolineato e invitato le altre tre forze di destra a porre dei limiti all’SD. La leader socialdemocratica ha anche sottolineato che il suo partito ha avuto un forte risultato elettorale ed è stato chiaramente il più grande in Svezia.

READ  Il Brasile implementerà un vaccino di richiamo e ridurrà il tempo tra le dosi

Il risultato finale pone il blocco di opposizione con il 49,6 per cento dei voti contro 49 del centrosinistra e la differenza tra i blocchi è da uno a tre seggi, rispetto al risultato diffuso lunedì.quando non erano ancora stati conteggiati i cosiddetti “voti del mercoledì”.

Lunedì poco più di 44.500 voti hanno separato i due blocchi, il che ha mantenuto la prudenza in questi giorni in attesa di un risultato finale, anche se i quattro partiti del blocco di destra hanno tenuto riunioni e i media svedesi hanno già speculato su una possibile assegnazione dei portafogli ministeriali. Il “voto del mercoledì” storicamente ha avuto scarsi effetti sul risultato finale, ad eccezione del 1979, quando vinse la destra, dopo che i due blocchi si separarono la notte delle elezioni per 8.500 voti.

L’SPD si è rivelato il più grande vincitore alle elezioni, e non è stata solo la forza più in crescita, ma anche la forza che ha strappato la leadership del blocco di destra ai conservatori, che aveva occupato dal 1979, e che avrebbe avere un impatto diretto sulla formazione del governo dopo un decennio di isolamento.

Questa formazione di estrema destra è stata storicamente sottoposta a “cordone sanitario” dal resto delle forze armate da quando è entrata in parlamento nel 2010, il che spiega perché i socialdemocratici hanno governato la minoranza nelle ultime due legislature nonostante il fatto che nell’aula era la maggioranza della destra.

Nell’ultimo accordo era necessario un accordo con centristi e liberali, rompendo l’alleanza di centrodestra che esisteva dal 2004, per mantenere l’isolamento, anche se i conservatori, democristiani e liberali, che hanno nuovamente cambiato posizione, per molto tempo ha sostenuto la negoziazione con l’estrema destra, sebbene non sia nel governo.

READ  Elezioni in Cile: i cileni puniscono i partiti politici per aver eletto i propri elettori | internazionale

I media svedesi stanno discutendo di voci secondo cui i conservatori e i democristiani potrebbero formare una minoranza esecutiva guidata da Christerson e sostenuta dall’estero dalle altre forze del blocco. Tuttavia, l’SPD ha rivendicato un ruolo centrale e aspirava a far parte del governo, ha detto il suo leader, Jimmy O’Keison, la notte delle elezioni.

La minaccia è stata soddisfatta

Il cambiamento è storico, mai prima d’ora un governo svedese si è appoggiato a governare nell’SD, il grande vincitore in questo appuntamento elettorale con il 20,6% dei voti e il titolo di secondo partito del paese appena emesso. “Ora il lavoro ricomincia a fare bene la Svezia”, ​​ha risposto sui social network il suo leader dal 2005, Jamie Okeson, promettendo di essere una forza costruttiva e avviatrice.

Il leader del partito di destra è grato per i voti e per la campagna elettorale, che ha definito brillante. Inoltre, ha sottolineato che l’SD è il secondo partito più grande del Paese. Ora bastano gli otto anni falliti di politica socialdemocratica per condurre il Paese sulla strada sbagliata. È tempo di ricominciare a ricostruire sicurezza, lusso e coesione. È ora di mettere la Svezia al primo posto. I Democratici svedesi saranno una forza costruttiva e motivante in questo lavoro”.Espresso dalla destra nei suoi social. “Il processo inizia con i dettagli su come sarà strutturata la squadra vincente, ed è un processo che richiederà molto tempo, tutto per costruire una nuova tavola stabile a lungo termine”.Ha aggiunto.

Il partito SD, che è stato descritto come conservatore a livello nazionale, anti-immigrazione (in particolare anti-Islam), euroscettico e di estrema destra, è stato fondato nel 1988. Il partito si è normalizzato sulla scena politica svedese e ha aumentato la sua rappresentanza fino a entrare in Parlamento nel 2010 con 5.7 per cento dei voti. Da lì, i voti sono aumentati in ogni elezione.

READ  Solo un miracolo la salverà.

Ma sebbene l’SD sia il partito della maggioranza di destra, il suo leader non riesce a ottenere il sostegno di altre formazioni per diventare primo ministro, una posizione promessa da Ulf Christerson. Kristerson, capo del Partito conservatore, ha subito risposto alle sue reti: “Grazie per la fiducia. Ora metteremo ordine in Svezia!”