Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La depressione come complemento al COVID-19 può essere controllata meglio dei sintomi comuni

La pandemia ha aumentato il rischio di depressione a causa degli isolamenti. E la stessa infezione da coronavirus può anche causare depressione (Getty Images)

La pandemia di coronavirus sta causando anche problemi di salute mentale. Fino al 40% delle persone infette dal coronavirus può sviluppare sintomi di depressione entro sei mesi dall’infezione.

Uno studio scientifico condotto in Italia ha contribuito a un risultato promettente: Le persone con depressione dopo COVID-19 rispondono meglio al trattamento farmacologico rispetto ad altri pazienti che hanno anche il disturbo che non hanno avuto l’infezione.

La depressione è una malattia comune in tutto il mondo, che si stima colpisca più di 300 milioni di persone, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. È un disturbo diverso dai soliti sbalzi d’umore e brevi risposte emotive ai problemi della vita quotidiana. Può diventare un grave problema di salute, soprattutto quando è a lungo termine e da moderato a grave. Può causare grandi sofferenze e interrompere le attività lavorative, scolastiche e familiari.

Ci sono vari fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare la depressione. In alcuni paesi, come il Regno Unito, si registra già un aumento dei casi di depressione dovuti alla pandemia. I tassi di questo disturbo erano superiori del 70% rispetto a prima della pandemiaMa si sono rifiutati da quando le restrizioni al movimento sono state revocate, secondo un sondaggio ufficiale.

I tassi di depressione in Gran Bretagna hanno iniziato a diminuire dopo un aumento vertiginoso durante la pandemia di coronavirus lo scorso anno, secondo l’Office for National Statistics. Le donne e i giovani sono stati i più colpiti.

Nel Regno Unito, i tassi di depressione sono superiori del 70% rispetto a prima della pandemia (Reuters/Hannah McKay)
Nel Regno Unito, i tassi di depressione sono superiori del 70% rispetto a prima della pandemia (Reuters/Hannah McKay)

È anche temuto Più casi di depressione dall’epidemia, Poiché sempre più persone sono affette da COVID per lunghi periodi, un gruppo di oltre 50 sintomi che include di tutto, dalle difficoltà respiratorie e dall’affaticamento alla depressione.

Dopo il COVID-19, alcune persone sperimentano altri sintomi come annebbiamento cerebrale, perdita di memoria, confusione, disorientamento, problemi di comprensione, difficoltà a trovare parole, emicranie o mal di testa persistenti, perdita del gusto e dell’olfatto e sequele nella capacità di mobilitarsi. Se la persona interessata presenta uno di questi sintomi, si consiglia di consultare un medico di famiglia. In alcuni casi, potrebbe essere necessario rivolgersi a uno specialista.

READ  Studi britannici che includono la Spagna nell'elenco dei paesi ad altissimo rischio

è previsto che Il COVID-19 genera una risposta infiammatoria nel corpo che può essere uno dei principali fattori nel successivo sviluppo della depressione. Un team guidato dal Dr. Mario Mazza, dell’Università San Raffaele di Milano, Italia, ha presentato i risultati preliminari di uno studio alla conferenza del Collegio Europeo di Psicofarmacologia e Neuropsicologia a Lisbona, Portogallo, e sono stati accettati per la pubblicazione dalla rivista . Neuropsicofarmacologia europea.

Uno studio in Italia ha studiato l'effetto di farmaci noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) in pazienti affetti da depressione dopo COVID-19 (Getty Images)
Uno studio in Italia ha studiato l’effetto di farmaci noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) in pazienti affetti da depressione dopo COVID-19 (Getty Images)

Suggerisci una ricerca Circa il 90% dei pazienti che hanno avuto esperienza di COVID-19 risponde a una classe di farmaci antidepressivi, un numero molto più alto del previsto. Hanno studiato l’effetto di farmaci noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), una classe di composti generalmente indicati nel trattamento dei disturbi depressivi, dei disturbi d’ansia e di alcuni disturbi della personalità.

consultazione Infobae, il dott. Marcelo Sitkovic, direttore medico dell’Istituto di neuroscienze cognitive (Ineco), ha commentato:: “Lo sappiamo Nella depressione si attiva l’intero sistema di risposta infiammatoria. Pertanto, non sorprende che quando viene infettato dal virus Corona, si generi un’infiammazione nel corpo e quindi possa apparire un’immagine di depressione”.

Lo specialista argentino ha aggiunto: “I pazienti con l’emergente coronavirus o COVID per periodi prolungati possono avere una risposta migliore ai farmaci antidepressivi. NSIl risultato è il fatto che si tratta di una depressione grave e senza altri fattori. Pertanto, le possibilità di una buona risposta al farmaco sono maggiori. Inoltre, si presume che farmaci come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) abbiano la capacità di modulare l’infiammazione nel corpo”.

I farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) indicati per la depressione hanno la capacità di modulare l'infiammazione nel corpo.
I farmaci inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) indicati per la depressione hanno la capacità di modulare l’infiammazione nel corpo.

In una dichiarazione sul suo studio, il dott. Maza ha considerato: “Sappiamo che il COVID-19 ha causato un’epidemia di problemi di salute mentale. La depressione post-COVID-19 è un problema serio, con circa il 40% dei pazienti che sviluppa depressione entro sei mesi. di infezione. Ma questo studio suggerisce che i pazienti che hanno contratto il COVID hanno maggiori probabilità di avere la loro depressione sotto controllo di quanto pensassimo».

READ  Più della metà degli studenti di medicina soffre di ansia

In genere, fino a quattro pazienti su dieci rispondono agli antidepressivi. Ma il team di ricercatori italiani ha scoperto che nove sopravvissuti al COVID-19 su 10 continuano a combattere la depressione dopo aver superato l’infezione con l’assunzione di farmaci. Il team di accademici con sede a Milano ha previsto un tasso di successo inferiore al 70%. Questo è uno studio sperimentale, ma “suggerisce che la depressione post-Covid può essere curata”.

Lo studio in Italia ha incluso 58 pazienti che hanno sviluppato depressione sei mesi dopo l’infezione con il virus Corona. Sono stati somministrati sertralina, paroxetina, fluvoxamina, fluoxetina o citalopram. I volontari hanno preso un questionario sui loro sintomi prima di ricevere i farmaci. Le stesse domande sono state poste quattro settimane dopo.

Cinquantatre su 58 pazienti hanno affermato che la loro depressione è migliorata in modo significativo dopo l’assunzione dei farmaci. “Di solito ci aspetteremmo che 40 pazienti su 58 rispondano positivamente al trattamento”, ha affermato il dott. Maza. I risultati non erano influenzati dal sesso, dal tipo di antidepressivo assunto o dal fatto che il paziente avesse avuto in precedenza problemi di salute mentale. Gli esperti dello studio, che non è stato ancora rivisto, hanno scritto che ciò indica un “tasso di risposta più elevato agli antidepressivi nella depressione post-Covid”.

Il team ora condurrà una prova più ampia. Vogliono anche esaminare se gli antidepressivi possono aiutare a trattare altri sintomi di COVID a lungo termine, come il declino cognitivo e l’affaticamento. Un’altra esperta, la dott.ssa Livia de Becker, psichiatra dell’Università di Anversa in Belgio, che non è stata coinvolta nello studio, ha dichiarato: “Anche se ancora non comprendiamo tutte le cause della prolungata malattia da Covid, questo studio suggerisce che il post-Covid depressione SINTOMI-19 risponde bene agli antidepressivi che contengono serotonina.

Secondo la Mayo Clinic (Europe Press), un regolare esercizio aerobico può anche aiutare ad alleviare la depressione e l'ansia.
Secondo la Mayo Clinic (Europe Press), un regolare esercizio aerobico può anche aiutare ad alleviare la depressione e l’ansia.

Lo specialista si aspetta ulteriori risultati: “Questo non mi sorprende, poiché studi recenti hanno indicato che questi composti possono anche proteggere i pazienti da una grave malattia COVID-19 e diversi antidepressivi sono attualmente allo studio come opzioni di trattamento COVID-19. Spero che i risultati attuali stimoleranno ulteriori ricerche sui meccanismi attraverso i quali gli antidepressivi possono aiutare a combattere le malattie sia acute che a lungo termine da COVID-19″.

READ  Il giro del mondo in 5 minuti di lettura: le notizie di oggi

Secondo la Mayo Clinic, L’esercizio aerobico regolare può anche aiutare ad alleviare la depressione e l’ansia.

Aiuta a rilasciare endorfine, che sono sostanze chimiche naturali del cervello simili ai cannabinoidi (cannabinoidi endogeni) e altre sostanze chimiche naturali del cervello che possono promuovere sensazioni di benessere. Calma anche l’ansia e le consente di staccarsi dal ciclo di pensieri negativi che alimentano la depressione e l’ansia.

Continuare a leggere:

In che modo il COVID-19 può influenzare le prestazioni sessuali degli uomini
Il consumo di sostanze psicotrope in Argentina è aumentato di 4 volte rispetto ai farmaci in generale a causa dell’epidemia
È un biologo molecolare e depresso, ma nessuno gli credeva: ha studiato di più sul cervello ed è riuscito ad andare avanti