Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Croce Rossa di Granada si prende cura di 200 persone arrivate dall’Ucraina in fuga dalla guerra

Con il massiccio esodo di persone verso altri paesi, tutta la Croce Rossa nei paesi europei (Slovacchia, Romania, Russia, Bielorussia, Moldavia, Ungheria, Germania, Austria, Italia, ecc, compresa la Spagna) si sta rivolgendo a Accoglienza e assistenza per le persone in arrivo Dall’Ucraina, con attenzione Pronto soccorso, alloggio temporaneo, consegna di cibo, acqua, beni di prima necessità, assistenza sanitaria urgente, supporto psicosociale, oltre a SIM card In modo che le persone possano comunicare con i loro parenti.

In Spagna, La Croce Rossa ha aiutato circa 25.000 persone dei paesi colpiti (68% delle donne) nei dispositivi attenzionali utilizzati nella maggior parte delle società indipendenti. A Granada 216 persone sono state assistite personalmente e 91 sono state ospitate Nella prima accoglienza i dispositivi messi a disposizione dalla Croce Rossa, all’interno del Sistema Internazionale di Accoglienza e Protezione del Ministero dell’Integrazione, della Previdenza Sociale e delle Migrazioni.



Questi dispositivi includono sia centri della Croce Rossa designati per accogliere richiedenti asilo di diversa origine, sia luoghi di ristorazione preparati per rispondere al previsto aumento dell’arrivo di ucraini (a Granada, si stima che dovrebbero essere ricoverate più di 500 persone).

Consulenza e protezione internazionale

notevolmente separato Da persone dall’Ucraina Hai parenti o una rete di contatti in Spagna Con chi resta, così viene data la prima attenzione, supporto nei trasporti (se necessario) Consulenza legale per beneficiare della protezione temporanea Conforme alle direttive UE e non richiede ulteriori attenzioni. In questo senso, le squadre di protezione internazionale La Croce Rossa ha aiutato 216 persone a Granada, Molti di loro erano già nel nostro Paese, molti altri sono arrivati ​​dallo stato ucraino e stanno con i loro parenti e connazionali. È stato dimostrato che il ruolo dei volontari di origine ucraina, che svolgono lavori di traduzione, è molto importante per poter prendersi cura di tutte queste persone nella loro lingua madre.

READ  Victoria Donda ha doppiato Ricardo Arjona per le sue critiche al linguaggio inclusivo: "Quando vuoi, te lo spieghiamo"

Il lavoro della Croce Rossa in Spagna è anche incentrato su diversi assi: Da un lato, la formulazione di Strutture di accoglienza per aeroporti e stazioni ferroviariecome quelli di Barajas (Madrid), El Prat (Barcellona), Tenerife Sur (Isole Canarie) e presso le stazioni ferroviarie di Sants Barcelona, ​​Figueres, Girona (Catalogna), Atocha e Chamartín (Madrid), Montego (Extremadura ), Castellón, Valencia e Alicante (Comunità Valenciana) per offrire assistenza iniziale ai rifugiati, trasferimento in altre località, accoglienza presso le risorse della Croce Rossa o rinvio ad altre organizzazioni.

Un altro obiettivo è facilitare la cura degli sfollati. Per fare ciò, il Ministero dell’Integrazione in collaborazione con il Ministero dell’Interno e gli enti che fanno parte del sistema di accoglienza (compresa la Croce Rossa) sta creando 4 centri a Madrid, Barcellona, ​​​​Alicante e Málaga. La Croce Rossa spagnola è l’entità di riferimento nei centri di Barcellona e Alicante.

Prendersi cura dei bambini

Un altro spazio importante incentrato sull’attenzione per ragazzi, ragazze e giovani adulti. Le squadre di volontariato giovanile della Croce Rossa hanno il compito di svolgere il primo intervento nei punti di accesso e di accoglienza del nostro Paese, svolgendo attività finalizzate al tempo libero e al tempo libero di bambini e ragazzi, accompagnando e prendendosi cura dei loro bisogni, fornendo servizi semplici e informazioni accessibili su ciò che sta accadendo alla loro comprensione e alla creazione di spazi ricreativi.

Tutte queste azioni sono possibili grazie a Sono già oltre 1.000 i volontari coinvolti su tutto il territorio nazionale.

Il Università di Granada La campagna di reclutamento dei volontari ha mobilitato l’intera comunità universitaria, con un focus particolare su profili quali traduttori, avvocati, psicologi e assistenti sociali. Dal suo lancio lo scorso marzo, l’organizzazione ha risposto a più di 350 richieste, che andranno progressivamente consolidate a seconda delle esigenze del programma.

READ  In mezzo al mare: Michele Salas, figlia di Luis Miguel, ha fatto saltare la rete