Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La controversa pratica di prendere il sole nell’ano, una tendenza nei social network


Quale strana tecnica viene promossa dagli influencer per “attirare” energia e “riempire il corpo di vitamina D”? Tuttavia, i medici sconsigliano di farlo.


25 aprile 2022 · 2:30 del pomeriggio

Sono passate alcune settimane ormai Nel Social media Un certo esercizio è diventato una tendenza che, secondo influencer e proprietari di Instagram che lo hanno pubblicato, si caratterizza per la sua capacità di “ricaricare energia” e “riempire l’organismo di vitamina D”.. Questa tecnica è conosciuta con il nome “Botul crogiolarsi” (“prendere il sole anale”, in spagnolo) Consiste nell’abbronzarsi con le gambe sollevate, lasciando esposta la zona rettale.

Il trend inizia a prendere piede tra i cosiddetti “wellness influencer” nel 2019, attirando l’attenzione dei portali di notizie in stato unitoInghilterra e Australiae ha continuato a raccogliere il sostegno di alcune delle figure più importanti dell’intrattenimento di Hollywood. Di recente, la tendenza è stata avvertita nel Paese da un influencer argentino.

dal tuo account ufficiale InstagramMusica e influencer Pilar Cabrera l’ho chiamato Quasi 60mila followers Per staccare qualche secondo dalla tua routine quotidiana esponendo le tue parti intime al sole:Bella giornata per prendere il sole nell’anoHa scritto in un post: “Entro 30 secondi o un minuto (perché ti farà venire voglia di rimanere un po’ più a lungo) attiverai quell’energia positiva e aumenterai il boom di quel giorno. Sensazione unica Provalo e dimmi“, Egli ha detto.

asoleo_anal_viral_instagram_crop1650751865444.jpg_986419851.webp

Tuttavia, il fatto è che molti esperti di salute Hanno dovuto pronunciare il comando a causa del massiccio aumento di detto esercizio e lo hanno confermato I presunti benefici che porta sono infondati S L’unica cosa che può causare sono ustioni nella zona e, nei casi più gravi, provocare il cancro.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci