Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La comunità di Puebla ha chiesto l’unità della regione per fermare il “declino fascista” | Il settimo incontro del Forum che riunisce i leader dei progressisti in America Latina

Con l’appello all’unità latinoamericana per contrastare la minaccia dell’estrema destra, il settimo incontro di Gruppo Pueblae Si chiama “Cambia ora!” Forum di discussione che riunisce decine di leader progressisti dell’America Latina e della Spagna celebrare, durante un incontro sempre di persona da Città del Messico, vittoria Xiumara Castro in Honduras E confida nelle vittorie Gabriel Borek A dicembre in Cile e Luiz Inacio Lula da Silva l’anno prossimo in Brasile. Anche la preoccupazione per le conseguenze sociali ed economiche della pandemia di coronavirus non è stata esclusa dal dibattito.

All’incontro del Gruppo Puebla nella capitale messicana hanno partecipato l’ex Presidente del Brasile, Dilma Rousseffdall’Ecuador Rafael Correadal Paraguay foto di Fernando Lugoe dalla Colombia, Ernesto Samper, tra l’altro. Come ha condiviso a distanza il presidente dell’Argentina, Alberto Fernandez, omologo della Bolivia, Luigi Ars, L’ex presidente del Brasile, Lola da Silva.

Unità per negoziare “su un piano di parità”

“L’America Latina insieme può fare molto”L’ex presidente del Brasile ha detto, Lula da Silva, Durante il 7° incontro tenuto dal 3° Forum Regionale di persona. Lula ha detto che bisogna lavorare per “ricostruire l’unità dell’America Latina e dei Caraibi” perché “Insieme possiamo negoziare su un piano di parità con Cina e Stati Uniti e possiamo essere in grado di concludere accordi più favorevoli con l’Unione europea”.

Il leader della sinistra brasiliana e potenziale candidato presidenziale nel 2022 ha indicato che se agissero collettivamente, i paesi dell’America Latina potrebbero esportare prodotti a valore aggiunto e non solo materie prime. In un’altra parte del suo discorso, Lula ha avvertito che “Le Nazioni Unite non sono più ciò che rappresentano”. Per questo motivo “è necessaria una nuova governance globale con l’autorità morale per risolvere le controversie e costruire più uguaglianza nel mondo”.

La pandemia di COVID-19 è stato uno dei temi più affrontati dai leader presenti all’incontro. Lula ha sottolineato che questo ha peggiorato la situazione in America Latina, perché oggi ci sono molti lavoratori che hanno perso il lavoro, immigrati e affamati. Da parte sua, il Presidente della Bolivia, Luigi Ars, Richiesto “Prendere misure comuni per prendersi cura gli uni degli altri” e promuovere la distribuzione di vaccini in tutto il mondo.

READ  Hanno restituito il corpo di Sandra Melina Parra, una colombiana assassinata a Lima, in Perù

Allerta per “sbarco fascista”

Riferendosi all’attuale Bolivia, Arcey ha messo in guardia contro un “raggruppamento di destra” che cerca di creare “le condizioni” per una ripetizione del “golpe”. Come quello che esisteva contro Evo Morales nel 2019. “Stanno iniziando a usare argomenti per delegittimare i guadagni di una competizione elettorale molto chiara e cercare di stancare il governo. È una questione che vorrei rendere pubblica”, ha detto il presidente in in linea con quanto espresso lunedì a La Paz, durante Chiudi la grande marcia per la patria..

Allo stesso modo, l’ex presidente colombiano Ernesto Samper ha avvertito di uno “sbarco fascista” nella regione, questione denunciata anche da diversi ex presidenti presenti, come l’ecuadoriano Rafael Correa e lo spagnolo Jose Luis Rodriguez Zapatero. Samper ha concluso: “Questo declino fascista non ci spaventa. Abbiamo qualcosa da affrontare”. In questo senso, Corea Io lo prendo “La destra elimina la politica per guadagnare ciò che non ha vinto alle elezioni”..

“Il Gruppo di Puebla deve generare il pensiero latinoamericano” di fronte al neoliberismo, ha detto l’ex presidente ecuadoriano. “Oggi vogliono convincerci che le ideologie sono troppe, e questo è il momento in cui il dibattito ideologico deve essere l’ultimo. La nostra ideologia, l’ideologia progressista, deve essere la superiorità dell’uomo sul capitaleIn un mondo assolutamente dominato dall’impero del capitale”.

Su questo punto l’ex presidente brasiliano Dilma Rousseff È considerato in America Latina Democrazie “attaccate” Ha citato il rovesciamento dell’honduregno Manuel Zelaya nel 2009, il suo licenziamento nel 2016, la partenza di Evo Morales dalla Bolivia nel 2019 e che ora stanno “attaccando” il presidente del Perù, Pedro Castillo, con un processo politico contro di lui.

READ  La Corea del Nord ha testato un nuovo missile e ha avvertito che ha già la capacità di sparare da un sottomarino

Elogio per Xiomara Castro e Gabriel Boric

Oltre ad aver paura della “destra” nella zona, c’era tutto il tempo per farlo celebrare Vittoria del candidato presidenziale della Libertad y Retardación (Libre), Xiomara CastroChe metteranno fine a 12 anni di governo del Partito Nazionale. L’ex presidente del Paraguay, foto di Fernando Lugoconfermato La vittoria elettorale di Castro è stata “trasparente e ha reso felice l’intero continente”. “Spero che il vento gentile si trasformi in un uragano che nessuno può fermare”, ha detto.

A questo proposito, l’ex capo del governo spagnolo ha detto, Jose Luis Rodriguez Zapatero, maneggiare: “Ciomara Castro sarà il primo presidente dell’Honduras nella storia. È una notizia molto importante, è molto importante in questo Centroamerica sempre con tanti problemi sociali”. Zapatero ha anche mostrato “tutto il sostegno” al candidato della sinistra cilena, Gabriel Borek, nel secondo turno delle elezioni presidenziali di dicembre contro l’estrema destra Jose Antonio Cast, perché il Cile non torni al passato che ci ferisce e ci commuove.

La vittoria di Lula in Brasile cambierà il continente e il sistema internazionale Speriamo che Messico e Brasile abbiano una stretta alleanza con due presidenti progressisti in un momento così cruciale della storia”, ha aggiunto l’ex presidente spagnolo a proposito della vittoria finale del Brasile alle elezioni del prossimo anno.

Il Gruppo Puebla comprende 54 leader progressisti provenienti da 16 paesi. Martedì si terrà a Città del Messico il settimo incontro del Forum Regionale, che proseguirà le attività previste per mercoledì. I suoi assi centrali sono il dibattito sui nuovi modelli di sviluppo solidale e la definizione di un’agenda progressista per il continente dopo le profonde conseguenze politiche, economiche e sociali portate dalla pandemia, secondo gli organizzatori.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci