Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La commedia di fantascienza italiana dimenticata che prende il nome dalla variante Covid-19 e da altri film che ti aspetti

La pandemia continua ad allertare il mondo dopo aver appreso in Sudafrica che esiste un nuovo tipo di covid-19 globale battezzato come omicron e ovviamente non ci è voluto tempo per scoprire che c’era un film con lo stesso nome, e alcuni altre opere letterarie che includevano nei titoli e nelle trame. L’italiano “Omicron” è un’esilarante commedia di fantascienza È diventato virale sui social network.

Non sorprende che un’opera di fantascienza abbia un titolo simileIl virus è stato chiamato così per continuare la serie di nomi che iniziano con le lettere dell’alfabeto greco. Si è così passati dalle varianti Alpha e Delta a Omicron, in cui sono state omesse le lettere “nu” e “xi”. Questo uso non dovrebbe essere nuovo perché ὂμικρόν (Ο ο) è la quindicesima lettera dell’alfabeto e significa letteralmente “o minuscolo”.

Nominato per il Leone d’Oro Award

Consideriamo ora quanti film di fantascienza incorporano questo alfabeto nei loro titoli, e non ci sorprenderà che il nome della nuova variante corrisponda al nome di alcuni film che trattano di alieni. Uno di questi è “Omicron” (1963), diretto da Ugo Gregoretti e Ruota attorno a un essere alieno che entra nel corpo della Terra per apprendere e raccogliere dati sulla Terra, anche se è più di un semplice agente di front-end per un’invasione.

C’era un po’ di confusione nelle reti a causa di adesivo falso Dove il nome è stato cambiato inOmicron variabile“, Anche cambiando il poster con un misto di immagini da “Encounters in Stage Four” (1974) e “La minaccia di Andromeda” (1971). Tuttavia, l’origine c’è e ha avuto qualche ripercussione all’epoca. Le avventure di un alieno che proviene da un pianeta chiamato Ultra, racconta dei suoi tentativi di conquistare la Terra nel tentativo di comprendere la razza umana.

Questa trama e questo sviluppo è molto simile a quello dell’ultima serie Resident Alien, tra le altre cose, che vediamo nel film molte delle metafore che vedremo in molti film di fantascienza successivi, in particolare La parte in cui l’alieno inizia a leggere libri in pochi secondiAssorbe l’informazione e la cultura dell’umanità ad alta velocità, una scena che il film americano “Short Circuit” (Short Circuit, 1985) ripete passo dopo passo con il robot n. 5.

Non è stato l’unico film che ha fatto il suo

Lo stile narrativo è una commedia veloce e pura nello stile dei Three Stooges, che a volte ricorda il cinema futuristico di Sam Raimi. “Micron” è stato interpretato da attori come Renato Salvatore, Mara Carisi, F Gustave D’Arpe, Gaetano Quartararo, Dante Di Pinto e Rosemary Dexter, che sono apparsi per la prima volta in questo film, Ha anche ricevuto una nomination al Leone d’Oro alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Gli 11 migliori film realistici su epidemie e virus mortali

Ma non è l’unica che ha preceduto il virus. In effetti, anche l’ultimo film “The Visitor from Planet Omicron” (2013) parla di un alieno (che viaggia in moto), ma Questo virus porta un virus mortale che minaccia la terra, creando una coincidenza inquietante. Il nome Omicron è apparso nella serie ‘Futurama’ dove c’erano, ancora, extraterrestri chiamati omicroni, a causa della loro origine, il pianeta Omicron Persei 8.

visitatore

In Spagna, lo YouTuber El Chico Morera, che gestisce anche cinema, presenta un cortometraggio chiamato anche Omicron. Nel 1999, era un altro film di fantascienza di media lunghezza chiamato Project Omicron, quindi alla fine, Questa non è una coincidenza, un miracolo o una premonizione che siamo condannati, ma l’inestricabile connessione storica dell’uso dell’alfabeto greco con la scienza, e attraverso l’apparente convergenza del genere cinematografico (e letterario) della fantascienza.

READ  Ispera, lo squalo miracoloso nato in una vasca in Sardegna dove c'erano solo femmine

L’unica cosa che possiamo concludere è che sembra che per ricordare il cinema in bianco e nero prima degli anni Settanta sia necessaria una catastrofe globale.