Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La cometa Leonardo: “cancellerà” la Terra e sarà visibile ad occhio nudo questo fine settimana

Cometa C/2021A1, battezzata Leonardo dal suo scopritore, Gregory J. Leonard, può essere visto in Sud America A metà dicembre, tra il dodicesimo e il quattordicesimo, quando è più vicino alla Terra.

Che giorno vedremo la cometa Leonardo?

Gli scienziati non sono stati in grado di dire quando raggiungerà il suo picco perché la polvere e il gas emessi da esso sono così imprevedibili. Come affermato in un post della NASA.

“C’è la possibilità che – al momento – sarà abbastanza luminoso da vedere ad occhio nudo ma con le comete non si sa mai, purtroppo”, dicono gli esperti nell’articolo dell’agenzia.

Secondo gli astronomi, nelle prime due settimane di dicembre, la cometa Leonard sarà a est dell’orizzonte prima dell’alba. In quei giorni sarà molto più luminoso e quindi più difficile da notare.

Dal 14 dicembre diventerà un oggetto serale, poiché sarà visibile poco dopo il tramonto. La cometa rifletterà la sua posizione da nord a sudspiega la NASA, in modo che i paesi sudamericani possano vederlo vicino alla linea dell’orizzonte occidentale.

La cometa Leonardo trasmessa online

Come è stata scoperta la cometa di Leonardo?

Leonardo è stato rivelato Per la prima volta all’Osservatorio del Monte Limone, con sede in Arizona, il 3 gennaio. A quel tempo, la luce era debole, la sua magnitudine 19, che è 160.000 volte più debole delle stelle meno luminose che possono essere viste senza un telescopio.

Gregorio lo scoprì quando si trovavano a cinque unità astronomiche dal sole vicino a Giove. L’unità astronomica ha una lunghezza di 149,565 milioni di km e rappresenta la distanza media tra la Terra e il Sole.

READ  Gli scienziati hanno determinato quale potrebbe essere stato il dinosauro vivente più lungo

cometa Percorre una lunghissima curva ellittica piatta che fa la sua massima distanza dal Sole a 3.500 AU: 523 miliardi di km.

Poiché la cometa viaggia in un’orbita chiusa, potrebbe essere passata vicino al sole circa 70.000 anni fa. Ciò significa che la sua superficie può essere ricoperta da sostanze altamente volatili, come azoto, monossido di carbonio o anidride carbonica. Il ghiaccio evapora lontano dal sole, generando una maggiore luminosità nella cometa, una luminosità che diminuisce man mano che si avvicina.