Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La cometa Leonard sarà visibile dalla Terra tra 80.000 anni: come la vedi dal Messico

Questa immagine della cometa Leonard è composta da 62 immagini scattate con un telescopio di medie dimensioni. Catturato nel cielo scuro delle montagne della Sierra orientale vicino al lago John in California, USA (Foto: Dan Bartlett/NASA)

nel 2020, No sì affascinato il mondo. Per diverse settimane, la cometa è stata vista nei cieli di Zacatecas, Cancun o Tamaulipas. Il suo bagliore e la coda possono essere visti ad occhio nudo e attirano tutti gli occhi. Le cartoline erano magiche ed era un’opportunità unica nella vita, perché ci sarebbero voluti 6.800 anni per tornare, quindi nessuno voleva perdersi lo spettacolo.

Dopo che Neowise è passato, pensavamo che ci sarebbero voluti decenni per vedere uno spettacolo celeste di questa grandezza. Tuttavia, l’universo ci ha sorpreso ancora e il 2021 si concluderà con un evento cosmico unico. Nelle prime settimane di dicembre attraverserà il cielo Cometa Leonardo Il grande gigante di ghiaccio prende 80.000 anni per girare intorno al sole.

Era il 3 gennaio 2021 quando lo scoprirono per la prima volta. L’astronomo Gregory J. Leonard stava esaminando una serie di immagini del telescopio al Mount Lemon Observatory dell’Università dell’Arizona negli Stati Uniti, quando ha scoperto una strana foschia che non appariva nei registri. Presto appresero che il punto era una cometa sconosciuta che si avvicinava al sole e la classificarono come c/2021a1 Leonardo.

Leonard è stato scoperto come un punto debole nel gennaio 2021, quando Era dietro Marte. Ma la tua coscienza ti porterà nel passato Vicino alla Terra e a Venere a dicembre, prima che si avvicini al sole all’inizio di gennaio 2022 – ha spiegato la NASA sul suo sito web.

READ  15 nuove funzionalità di Android 12 da provare

Una visita a questo globo ha generato grandi aspettative negli ultimi giorni, perché le previsioni dicono che potremo vederlo ad occhio nudo dal 30 novembre, senza dover utilizzare strumenti di monitoraggio professionali. L’agenzia spaziale statunitense ritiene che ciò sia possibile, ma avverte che è difficile fare previsioni accurate.

difficile da indovinare Quando e come apparirà una cometa luminosa, perché non sappiamo quanta polvere e gas emetterà. Questo può variare di giorno in giorno, ha detto la NASA, che controlla la quantità di luce solare diffusa e riflessa verso di noi.

L’ultima volta che Leonard ha passato il Sole è stato 80.000 anni fa. Da allora, ha vagato per lo spazio in un lungo ciclo che culminerà a gennaio. 35.000 anni fa, la cometa è tornata sulla stella, ma una volta raggiunta la stella, lascerà il nostro sistema solare e non tornerà più.

Per questo motivo, organizzazioni di astronomia, agenzie spaziali ed esperti hanno emesso suggerimenti e raccomandazioni per seguire questo spettacolo unico. La NASA è molto ottimista e crede che gli osservatori di tutto il mondo saranno in grado di vedere la funzione ad occhio nudo. E se alla fine questo non accadrà, allora sicuramente sarà facile trovarlo con un binocolo o un piccolo telescopio.

(Foto: Quartoscuro)
(Foto: Quartoscuro)

Cosa ne pensi di Leonard dal Messico?

C/2021 A1 Leonard raggiungerà la distanza minima dalla Terra prossimamente 12 dicembre. Quella notte sarà anche molto vicina al raggiungimento della sua massima luminosità, quindi sarà il momento migliore per cercarla nel cielo.

Questa cometa passerà a una distanza più breve dalla Terra Il 12 dicembre 2021, “Sono le 08:54 EDT”, ha detto la NASA.

READ  Samsung è stata vittima di un hack di tethering Galaxy

In Messico, si può vedere quel giorno, poco prima dell’alba. Il consiglio è di pensarci su Tra le 05:00 e le 05:30 Fino all’alba apparirà nella regione orientale della volta celeste e intorno alle 07:54 – Central Time – la stella raggiungerà il perielio, il punto della sua orbita più vicino al nostro pianeta.

Come riportato da Joel Castro, da L’Istituto di Astronomia dell’Università Nazionale Autonoma del Messico (UNAM), I migliori spettacoli si svolgeranno nella prima metà di dicembre, soprattutto nelle ore dell’alba. Per osservarlo ad occhio nudo è d’obbligo cercare luoghi con cieli bui, lontani dall’inquinamento luminoso delle grandi città, e con un orizzonte limpido. Altrimenti sarà difficile da capire.

A partire da questo martedì 30 novembre, Leonard può iniziare ad apparire nella volta celeste, vicino all’Orsa Maggiore. Aumenterà gradualmente la luminosità e tra di loro si verificherà la massima luminosità 13 e 14 dicembre, secondo la NASA, anche se il momento esatto è difficile da definire.

“A seconda della polvere e del gas, la luminosità massima tipica dovrebbe essere intorno al 13 o 14 dicembre 2021, circa un giorno o due dopo aver superato il punto più vicino alla Terra”, ha spiegato l’agenzia spaziale.

Dopodiché, comincerà lentamente a svanire e sarà molto più difficile trovarlo in cielo. Nella seconda metà del mese si consiglia di provarlo di notte, con lo sguardo rivolto a ovest. Ogni volta sarà più vicino all’orizzonte e negli ultimi giorni dell’anno scomparirà, e potrà essere visto solo con un binocolo o un telescopio.

Quindi, il 3 gennaio 2022, Leonard toccherà il fondo, la sua distanza più bassa da Astro Rey. Dopodiché, lascerà il sistema solare e non tornerà mai più.

READ  Video: il telescopio James Webb è stato ripreso mentre viaggiava a tutta velocità nello spazio

Da dove viene Leonardo?

Le comete provengono da due regioni del sistema solare. La prima è di breve durata, perché impiega meno di 200 anni per girare intorno alla stella, e ha origine nella fascia di Kuiper, che si trova tra 30 e 100 volte la distanza dalla Terra al Sole (unità astronomiche).

Quest’ultimo è longevo, perché impiega più di due secoli per completare la sua orbita. Vengono dal misterioso Noby de Ort Una palla di roccia ghiacciata oltre 2.000 AU. Qui Leonardo è cresciuto. Gli esperti suggeriscono che le perturbazioni gravitazionali tra le rocce stesse, o l’attrazione gravitazionale dei pianeti giganti, fanno sì che le comete si scaglino verso le regioni esterne del Sistema Solare e si avvicinino alla nostra stella.

Continuare a leggere: