Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Cina si prepara a lasciare il mondo senza turisti cinesi. È un dramma dell’economia globale

Se l’ombra del COVID-19 è davvero lunga, nel settore turistico può essere considerata un chilometro quadrato. Nonostante le campagne di vaccinazione e l’allentamento delle misure di controllo e deriva dell’infezione, la pandemia continuerà a pesare almeno per qualche tempo su uno dei suoi grandi driver: il mercato cinese. la ragione? Hotel e compagnie aeree sono costretti a dire “ci vediamo dopo” a milioni di turisti del colosso asiatico, con loro grande rammarico.

L’addio non è facile.

Non uscire senza una buona ragione. In Cina, stanno combattendo da tempo l’epidemia di coronavirus e la crisi sanitaria e, oltre al suo impatto sociale, il segno che sta lasciando è visibile sia dal punto di vista economico che dall’industria tecnologica con sede a Shanghai. Come parte di questo attacco, le sue autorità hanno deciso Limita al massimo viaggi dei suoi cittadini all’estero.

Meno di 100 giorni per l’immunità di gregge: verso un futuro senza pandemia

Lo ha già annunciato l’Amministrazione nazionale per la migrazione Limiterà i viaggi Fuori dal Paese, pregiudicando qualsiasi movimento per “motivi non essenziali”. Non è il primo movimento in questo senso. Circa nove mesi fa Pechino ha inasprito le condizioni per il rilascio e il rinnovo dei passaporti per i movimenti non “urgenti” e “non necessari”.

L’obiettivo è chiaro: impedire ai cittadini di viaggiare all’estero, di essere contagiati e di prolungare l’epidemia. Il turismo è uno dei settori più colpiti da questo andamento.

Quanto durerà la misurazione? I regolamenti non lo spiegano. È possibile che si tratti di qualcosa di temporaneo, limitato al tempo impiegato dalle autorità per controllare l’infezione; ma –punti Bloomberg– Vi sono alcune indicazioni che la Cina possa considerare almeno uno scenario di medio termine prudente, che potrebbe estenderlo nei prossimi mesi.

READ  Española Opdenergy acquisisce 819 GWh all'anno in Cile con una proposta congiunta di energia eolica e solare | America

Attualmente già il colosso asiatico Abbandonare per diventare quartier generale Dall’AFC Asian Cup in programma per metà 2023. Il motivo: la pandemia. Un altro fattore che potrebbe entrare nell’equazione è la preoccupazione del governo cinese per la fuga di talenti e capitali. Adam Minter, editorialista di BloombergE il anche parlare Da una “nuova normalità ristretta”.

Nuova moda? Il veto rappresenta un cambiamento importante per la popolazione del Paese, in particolare per i giovani, che hanno goduto della trasformazione sociale ed economica che ha aperto il Paese, a partire dagli anni Ottanta, al turismo e ai viaggi di lavoro. Dall’essere un lusso disponibile solo per l’élite, uscire è diventata un’opzione conveniente per le classi medie.

Non solo questo. Come dettagliato da Minter, il più giovane, nato dagli anni ’90 in poi, è arrivato a vedere il turismo come una parte essenziale del proprio stile di vita, aspirazioni e autostima. Se 10 milioni di viaggiatori hanno lasciato il Paese nel 2000, nel 2018, quando SARS-CoV-2 suonava come un termine di laboratorio, Erano già 149,7facendo della Cina la principale fonte di turisti.

Alicia Stiles Pa2rnr4pf9a Unsplash

Una questione sociale ed economica. La scelta del governo di limitare i viaggi internazionali sarà fortemente sentita in questo settore. E lo farà per un semplice motivo: ci sono destinazioni che un tempo ricevevano molti turisti cinesi e chi arriva spende molti soldi.

I dati sono eloquenti. Nel 2019 hanno recitato 154 milioni di persone in partenza all’estero, 3,3% in più rispetto all’anno precedente. In termini di livello di spesa, nel 2018 la media per viaggio era $ 1852, molto più alto dei 1.363 degli americani. Oltre alle statistiche, si tratta di vedere come alcuni menu e segnaletica per le principali destinazioni negli Stati Uniti o in Europa hanno incorporato il mandarino per capire quanto siano regolari i cinesi.

READ  L'offerta di moneta in Spagna sta crescendo il doppio che in Europa

Che il mercato cinese sia ora limitato dal COVID-19 è una notizia disastrosa per un settore che ha un peso capitalista nell’economia. Prima della pandemia, turismo e viaggi significavano Più del 10% del PIL mondiale. In questo scenario il ruolo del colosso asiatico è stato più che rilevante.

Tanti turisti, tante spese. Nel 2017 hanno speso i turisti del gigante asiatico 260 miliardi di dollariIl doppio degli americani e molto più degli inglesi. Il loro livello di consumo li pone davanti ad altri paesi, come la Germania o la Francia. Per quanto riguarda le destinazioni?Puntano principalmente sull’Asia – spiccano Thailandia, Giappone o Corea del Sud – ma anche su vari paesi europei, tra cui Italia, Regno Unito, Francia… e Spagna.

Con più lavoro a distanza e meno turismo, la grande competizione tra le città è quella di andare a vivere lì

Sì, l’effetto arriva anche in Spagna. È probabile che anche il nostro Paese risenta della nuova politica di Pechino in materia di viaggi all’estero. Dalle tabelle dell’Istituto Nazionale di Statistica emerge che nel 2020 la spesa media per turista cinese ammontava a 2.669 euroSono circa 322 al giorno.

dati molto di piu A 1.096 tedeschi, 1.276 paesi nordici, 1.293 russi o 2.124 giapponesi. Nel 2021 i dati non sono più direttamente disponibili. Per quanto riguarda il flusso, Viene visualizzato il portale Statista بوابة Che nel 2021 la Spagna ne ha ricevuti circa 700.000, quasi il doppio dei 375.000 record di quattro anni prima.

Immagini | Mika Baumeister (@Unsplash) S Alicia Stiles (@Unsplash)