Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Cina insiste sulla teoria del complotto secondo cui il Covid è di “origine americana”

Hong Kong (CNN) – Mentre Pechino è alle prese con un crescente focolaio della variante delta, una bizzarra teoria della cospirazione che collega l’origine del coronavirus all’esercito americano ha guadagnato nuovo slancio in Cina.

Funzionari cinesi e media statali hanno ripetutamente promosso la teoria completamente infondata, secondo cui il virus potrebbe essere trapelato da un laboratorio dell’esercito americano, dal marzo dello scorso anno.

Ma nell’ultima settimana, Pechino ha raddoppiato la sua adesione a questa teoria della cospirazione, mobilitando i suoi diplomatici e il suo vasto apparato di propaganda per chiedere un’indagine da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità presso l’Istituto di ricerca medica per le malattie. Traghetto dell’esercito degli Stati Uniti a Fort Detrick, Maryland.

Il personale militare fa la guardia fuori dall’Istituto di ricerca medica dell’esercito americano sulle malattie infettive a Fort Detrick il 26 settembre 2002.

La repressione arriva dopo che Pechino ha respinto il mese scorso la proposta dell’Organizzazione mondiale della sanità di condurre una seconda fase della sua indagine sulle origini del COVID-19. Lo studio includerà audit di laboratori e mercati a Wuhan, l’epicentro originale dell’epidemia. Questo ha fatto infuriare Pechino, con un alto funzionario sanitario cinese che ha accusato l’Organizzazione mondiale della sanità di “ignorare il buon senso e sfidare la scienza”.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato a marzo un rapporto preliminare sul suo studio sulle origini del COVID in Cina, concludendo che la teoria delle fughe di laboratorio era “altamente improbabile”. Ma un numero crescente di paesi e studiosi occidentali ha messo in dubbio l’accuratezza del rapporto originale, accusando la Cina di “bloccare l’accesso a dati e campioni originali e completi”.

READ  Anche il Mediterraneo soffre le ondate di caldo

Alla fine di maggio, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato alle agenzie di intelligence statunitensi di raddoppiare i loro sforzi per indagare sull’origine del coronavirus, inclusa la possibilità che derivasse da un incidente di laboratorio.

La comunità dell’intelligence era tenuta a presentare un rapporto a Biden entro 90 giorni. Da allora, non sono emerse prove solide a sostegno della teoria delle perdite in laboratorio e molti scienziati credono ancora che il virus abbia maggiori probabilità di essere trasmesso naturalmente dagli animali all’uomo. Per ora, i massimi funzionari dell’intelligence affermano di essere onestamente divisi tra le due teorie.

Pechino ha categoricamente respinto l’idea che il coronavirus possa essere trapelato da un laboratorio a Wuhan, sostenendo che Washington sta cercando di politicizzare le sue origini. Tuttavia, allo stesso tempo, sta spingendo in modo aggressivo la teoria della cospirazione delle perdite di laboratorio senza alcuna prova scientifica.

Lo scorso mese , Tempi globali, che è gestito dallo stato, ha avviato una campagna chiedendo alle persone di firmare una lettera aperta all’Organizzazione mondiale della sanità chiedendo un’indagine sul laboratorio di Fort Detrick. Il messaggio, che richiedeva solo un clic online per “firmare”, ha raccolto da allora 25 milioni di “firme”.

in un Conferenza stampa La scorsa settimana, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha invitato l’Organizzazione mondiale della sanità a indagare sia sul laboratorio di Fort Detrick che sul laboratorio dell’Università della Carolina del Nord, guidato dal capo esperto statunitense di coronavirus, Ralph Barrick.

Zhao ha anche suggerito che gli atleti militari statunitensi che hanno partecipato ai Giochi Mondiali Militari di Wuhan nell’ottobre 2019 avrebbero potuto portare il coronavirus in Cina, ripetendo un’affermazione infondata su Twitter nel marzo 2020.

READ  "Se attacchi il gabinetto, attacchi tutti noi"

radio di stato Cina CCTV, Nel frattempo, questa settimana ha pubblicato un rapporto dettagliato di mezz’ora chiamato “The Inside Dark History of Fort Detrick”. Su Weibo, la versione cinese pesantemente censurata di Twitter, a associazione hashtag Per quanto riguarda il rapporto, martedì mattina è stato l’argomento più popolare. Da allora, è stato visto 420 milioni di volte.

Sui social media alcuni media statali e governativi hanno promosso un’altra teoria infondata di un misterioso tabloid italiano, secondo cui le forze armate statunitensi avrebbero diffuso il virus Corona in Italia attraverso un programma di donazione di sangue. “Prove inconcludenti! Il virus Corona è entrato in Europa da Fort Detrick attraverso il programma di donazione del sangue dell’esercito americano”, si legge nel titolo di una storia ampiamente letta pubblicata dal quotidiano britannico The Guardian. Lega della Gioventù Comunista, il ramo giovanile del Partito Comunista Cinese al potere.

La propaganda coordinata ha alimentato la rabbia nazionalista contro gli Stati Uniti. Alcuni netizen cinesi hanno accusato gli Stati Uniti di essere “vergognosi”, mentre un numero crescente di persone inizia a riferirsi al COVID come al “virus americano”, un sarcasmo contro il termine “virus cinese” usato ripetutamente dall’ex presidente degli Stati Uniti. Donald Trump, che è stato criticato a Pechino mentre la sua amministrazione lotta per contenere l’aumento dei casi e dei decessi negli Stati Uniti.

La rinnovata attenzione di Pechino su Fort Detrick arriva in mezzo alla rapida diffusione della variante delta altamente contagiosa in Cina. Dal 20 luglio, un focolaio crescente della malattia, il peggiore in più di un anno, ha infettato più di 500 persone in dozzine di città, bloccando milioni di residenti e imponendo diffuse restrizioni ai viaggi.

READ  Un prestigioso convegno per le piccole e medie imprese ha convenuto sul ruolo rilevante dell'istruzione tecnica nel mondo del lavoro

L’epidemia del delta rappresenta una grande sfida per il tanto annunciato approccio di “tolleranza zero” della Cina all’infezione, e alcuni eminenti esperti cinesi di salute pubblica hanno suggerito che il paese alla fine dovrà passare a una nuova strategia e imparare a conviverci.

Ma non è probabile che sia un cambiamento facile. In Cina, la tolleranza delle persone all’infezione, anche se lieve, è molto bassa e la paura del virus rimane alta. Ciò è in parte dovuto al fatto che la Cina ha avuto così tanto successo nel tenere a bada il COVID-19, ma è anche il risultato di mesi di incessante copertura mediatica del governo che ha evidenziato la devastazione dell’infezione nei paesi occidentali.

Dal momento che la Cina ha contenuto l’epidemia iniziale, Pechino ha ripetutamente accusato l’epidemia interna di importare il coronavirus dall’estero, attraverso passeggeri aerei, cibi surgelati o altre merci. La fonte del recente focolaio, ad esempio, è stata collegata a un volo dalla Russia.

E con la crescente attenzione su Fort Detrick, la teoria della cospirazione è solo all’inizio fornire Un altro obiettivo per chi vuole fare il gioco della colpa.