Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La California lascia la Germania alle spalle e si colloca al quarto posto tra le maggiori economie del mondo

La foto riflette l’impressionante attività al porto di Long Beach, California – REUTERS/Mike Blake

L’8 novembre la California, il più grande stato degli Stati Uniti, eleggerà il suo prossimo governatore. È molto probabile che rieleggerà l’incumbent, il democratico Gavin Newsom, che è comodamente avanti nei sondaggi sul suo principale rivale, il repubblicano Brian Daley.

Sono elezioni statali, ma date le dimensioni del PIL, sono altrettanto importanti o più importanti dell’elezione del presidente della Germania, la più grande economia dell’UE, che dovrebbe superarla.

articolo da Matteo WinklerL’editore emerito di Bloomberg ha evidenziato le ragioni dell’imminente sorpasso, termine usato dagli italiani quando negli anni ’80 l’Italia ha superato, per alcuni anni, il PIL del Regno Unito.

Winkler paragona la realtà attuale a una copertina del 1994 della rivista Time, sulle disgrazie che hanno colpito lo stato e costretto i californiani a riconsiderare i loro sogni, di fronte a un destino in declino.

Potrebbe interessarti: L’economia cinese non supererà gli Stati Uniti almeno fino al 2060

“Il sogno della California è ancora vivo”, ha affermato Newsom, il 40° governatore nella storia dello stato. La sua economia accompagna già, o seguirà presto, quella di Stati Uniti, Cina e Giappone, e ha mostrato una grande resilienza durante la pandemia e ora, durante l’elevata inflazione.

Negli ultimi anni l’economia della California, con i suoi 40 milioni di abitanti, ha superato le dimensioni di quelle del Brasile (215 milioni), della Francia (65 milioni), della Gran Bretagna (67 milioni) e dell’India (oltre 1,4 miliardi). Sebbene i dati ufficiali sulla sua economia non verranno pubblicati prima del 2023, le stime – dice Winkler – indicano che ha già raggiunto l’economia tedesca, al punto che si indica che la supera già di 72 miliardi di dollari. Anche se si sottrae poco più di 4 trilioni (milioni di milioni) dal PIL della California, gli Stati Uniti (il cui PIL al di fuori della California è sceso da allora a poco più di 21 trilioni) continuano a superare il PIL cinese, circa 18 trilioni. .

FILE PHOTO: Una vista del logo Twitter presso la sede centrale dell'azienda a San Francisco, California, USA, 27 ottobre 2022. REUTERS/Carlos Parilla/FILE PHOTO
FILE PHOTO: Una vista del logo Twitter presso la sede centrale dell’azienda a San Francisco, California, USA, 27 ottobre 2022. REUTERS/Carlos Parilla/FILE PHOTO

A proposito, la forza del dollaro e la debolezza dell’euro influiscono sulla nuova realtà. Ma la forza della California si riflette anche in altri dati, come il fatto che ha 379 aziende nel suo territorio con una capitalizzazione di mercato di oltre 1 miliardo di dollari, più del doppio delle 155 aziende che superano questo numero in Germania.

READ  Il governo spagnolo sta riconsiderando l'aumento dell'indice SMI

Negli ultimi tre anni, i ricavi e le valutazioni delle società californiane sono aumentati rispettivamente del 147% e del 117%, rispetto al 41% e al 34% delle loro controparti tedesche, secondo i dati di Bloomberg. Inoltre, le previsioni economiche indicano una contrazione dell’economia tedesca nel 2023.

La Germania, come molti altri paesi dell’Unione Europea, soffre di un’intensa pressione economica causata dai tagli alle forniture di gas dalla Russia e dal forte aumento dei prezzi dell’energia, che minacciano di trainare gran parte dell’industria continentale.

Una brutale manifestazione di questo fenomeno è l’annuncio di mercoledì scorso da parte di BASF, uno dei colossi dell’industria chimica tedesca ed europea, che ridurrà definitivamente le sue operazioni in Europa a causa del triplo peso della crescita lenta, dei prezzi elevati dell’energia e delle normative UE . .

L’amministratore delegato dell’azienda ha spiegato: “Queste difficili condizioni quadro in Europa mettono a repentaglio la competitività internazionale dei produttori europei e ci obbligano ad adeguare le nostre strutture dei costi il ​​prima possibile e in modo permanente”, Martin Brudermuller.

BASF, una delle maggiori società tedesche, ha deciso di cessare definitivamente le attività in Europa a causa degli alti prezzi dell'energia, che pongono seri problemi di competitività per molte industrie europee.
BASF, una delle maggiori società tedesche, ha deciso di cessare definitivamente le attività in Europa a causa degli alti prezzi dell’energia, che pongono seri problemi di competitività per molte industrie europee.

Nei primi nove mesi del 2022, il costo del gas naturale nei centri europei di BASF è aumentato di circa 2,2 miliardi di dollari, costringendola a tagliare drasticamente i costi, con progressi nella costruzione di un complesso chimico di oltre 10 miliardi di dollari. a Zhanjiang, nel sud della Cina. , che funzionerà interamente con energia rinnovabile. Una scommessa sui mercati asiatici per ridurre la dipendenza dall’Europa, che a sua volta aumenterà la dipendenza della Germania dalla Cina come partner commerciale.

READ  L'Italia richiederà a tutti i suoi dipendenti la "Covid Card"

Ma la California non sta solo crescendo più velocemente della Germania e dell’Europa, sta crescendo anche più velocemente del resto degli Stati Uniti e del resto del mondo, grazie in gran parte alla vitalità del settore delle energie rinnovabili. Winkler cita a questo proposito che la capitalizzazione di questo segmento dell’economia della California è aumentata del 731% negli ultimi tre anni, tra cui Enphase Energy, una società di soluzioni di energia solare e accumulo di energia la cui capitalizzazione di mercato è aumentata del 916% durante quel periodo, contro 410% di PNE AG, è una società tedesca simile, ma dall’energia eolica.

La California è anche molto forte nei settori dell’hardware, dei media e del software, le cui vendite sono cresciute rispettivamente del 63, 95 e 115% negli ultimi tre anni, portando le valutazioni del settore tra il 54 e il 184%, a seconda della situazione.

Veduta aerea di una fattoria di pannelli solari a San Bernardino.  industria "Energia rinnovabile" È uno dei pilastri dell'economia della California
Veduta aerea di una fattoria di pannelli solari a San Bernardino. L’industria delle “energie rinnovabili” è un pilastro dell’economia della California.

Lo “stato d’oro” ospita colossi come Alphabet (la casa madre di Google), Apple e Visa, che negli ultimi anni hanno aumentato del 10% il numero dei dipendenti, mentre in Germania, che comprende grandi aziende come SAP, Deutsche Telekom e Siemens, l’occupazione si è contratta del 2 per cento. La California ospita anche la sede di Twitter, che la società ha recentemente acquisito Elon Muskla persona più ricca del mondo, a San Francisco.

San Francisco è un caso speciale, una città a volte indicata come un caso estremo di disfunzione e regressione, ma rappresenta il 78% della capitalizzazione di tutte le società californiane quotate in borsa, rispetto al 70% di 5 anni fa.

READ  Pablo Casado chiede tagli alla luce "togliendo dalla bolletta i costi non energetici e abbassando le tasse"

Winkler cita dinastia londinese, il primo sindaco nero nella storia di San Francisco, eletto nel 2018, che ha affermato che il segreto del desiderio delle persone di vivere e fare affari in California è che lì c’è “talento”. Molte delle persone che se ne sono andate anni fa, ha detto Breed, stanno tornando perché non vogliono stare in luoghi dove non c’è comunità e cultura. “Ed è quello che San Francisco porta in tavola.”

Continuare a leggere: