Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La caduta dell’immagine di Alberto Fernandez è sempre più profonda, secondo i numeri dei sondaggisti preferiti di La Cámpora

Alberto Fernandez Ho raggiunto la crisi che ha causato Le dimissioni di Martin Guzman Con i peggiori record di popolarità finora registrati nel mandato presidenziale. Almeno questo è ciò che indica uno studio di una società di consulenza similitudinii cui numeri sono regolarmente consumati dai leader Campora. Il pessimismo economico e la disapprovazione dell’amministrazione mostrano numeri allarmanti per il governo.

Il rapporto è stato redatto sulla base di 2.689 interviste telefoniche tra il 27 e il 29 giugno, pochi giorni prima dello scoppio della crisi di gabinetto che ha portato, per il momento, al giuramento. Silvia Patakis Ministro dell’Economia. L’immagine positiva di Fernandez deriva da 35,4% per me 33,5% In un mese mentre il rifiuto sale da 61,6% per me 63,4%Lo spread negativo è di circa 30 pip.

La politica economica del governo è arrivata (sempre prima della partenza di Guzmán) Il 68,8% ha rifiutatomentre ca L’80% degli intervistati ha risposto di non vedere una ripresa dell’attività economica e del redditoLontano dal discorso di “crisi della crescita” che Alberto Fernandez ha annunciato la scorsa settimana.

Come abbiamo visto, nel corso dei 30 mesi l’ottimismo delle aspettative e la solidità della base di sostegno del governo non ha smesso di diminuire, e nel contempo si è assistito ad un costante aumento del tasso di inflazione. L’accelerazione dell’inflazione rappresenta ormai non solo un grave problema distributivo che deteriora il reddito reale, ma anche un fattore critico di instabilità macroeconomica, minacciando un improvviso aggiustamento del quadro monetario e dei cambi nel suo complesso, una possibilità che desta grande preoccupazione. socialmente”, afferma il rapporto che accompagna i dati solidi.

READ  Il governo richiederà a tutti gli utenti di gas ed elettricità di registrarsi in un registro per determinare chi continuerà con i sussidi

Il Confronti sondaggi È stato di proprietà di Analía del Franco fino al 2017, quando è passato nelle mani di Paolo Mandiex funzionario nel campo della comunicazione ufficiale durante il secondo governo Cristina Kirchner. L’azienda ha sempre rifiutato le versioni che funzionano per La Cámpora o che hanno come cliente il gruppo guidato da Máximo Kirchner. Tuttavia, i leader sul campo Conferma che consumano regolarmente dati peerche hanno come riferimento per l’analisi dell’opinione pubblica.

In risposta alla domanda “Come pensa sarà la situazione economica nei prossimi due anni?” Il 67,7% afferma che sarebbe peggiocontro il 24,5% che si aspetta un miglioramento.

Cristina Fernandez de Kirchner, lunedì, mentre lasciava il suo appartamento nel quartiere RecoletaAlejandro Guyot – La Nazione

L’indagine periodica di Analogías include domande relative a politica attiva, un settore in cui i funzionari di La Cámpora sponsorizzati da Cristina Kirchner hanno tenuto una feroce disputa con Guzmán fino all’ultimo respiro della sua amministrazione. In particolare, agli intervistati viene chiesto dell’abolizione dei sussidi di luce e gas, nell’ambito del regime di segmentazione dei prezzi che l’ex ministro ha ora promosso.

Solo il 61% degli intervistati è stato informato della proposta; Questa percentuale cresce con il livello di istruzione e tra gli uomini. Alla domanda sulla possibilità di farlo frammentazione in modo equo ed efficiente solo il 24% Ha affermato di vedere molte o pochissime possibilità che alla fine accadrà “, afferma Analogias. Per il 58%, ciò non sarebbe possibile. Patakis terrà conto di questi numeri?

Un’altra domanda che interesserà il vicepresidente è: “Pensate che la gestione dei programmi e dei piani sociali debba essere trasparente?” È in linea con la rivendicazione pubblica di Cristina contro i movimenti sociali sostenuti da Alberto Fernandez, in particolare il movimento Evita (anche se il sondaggio non ne ha parlato). La stragrande maggioranza del 64,4% ha risposto di sì, rispetto a solo il 15% che ha detto poco o niente d’accordo con questa idea.

READ  Alberto Fernandez al Vertice del Mercosur | Dobbiamo rendere forte il Mercosur.

Una domanda intrigante riguarda le prossime elezioni in Brasile, dove il presidente Jair Bolsonaro facce Luiz Inacio Lula da Silva. Al Patria Institute seguono questa competizione con il massimo interesse e c’è chi penserebbe che la vittoria di Lula incoraggerebbe Cristina Kirchner a concorrere per la presidenza.

Analogías riferisce che il 60% è a conoscenza delle elezioni in Brasile e che il 41% vede Lula come il vincitore, rispetto al 35% che si aspetta la rielezione di Bolsonaro. In un’altra inchiesta, ha intervistato una “possibile ondata di forze popolari progressiste in America Latina”, basata sulla vittoria di Gustavo Petro in Colombia. Il 40,6% pensa che ciò accada (contro il 29% che non lo fa).

Nelle conclusioni del rapporto, i consulenti affermano che “il livello di insoddisfazione per i benefici sociali della ripresa dell’attività economica, sommato a questo tasso di aumento dei prezzi pericoloso e allarmante, svuota definitivamente la base di sostegno alla politica economica e porta alle dimissioni del “ex ministro”.

Guardando al futuro, aggiunge: “Quello che si apre è una fase molto urgente in cui la centralizzazione consensuale deve essere integrata sul fronte di tutti con un rapido rinnovamento della sua base di appoggio e l’accumulo di potere politico per stabilizzare l’immagine. È di enorme complessità.