Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Banca centrale europea inizia a ritirare il suo arsenale di stimoli per paura dell’inflazione

Notizie correlate

I falchi settentrionali della Banca centrale europea (BCE) hanno ottenuto la loro prima vittoria nella guerra per ritirare lo stimolo monetario. L’organizzazione che gestisce Christine Lagarde Questo giovedì ho deciso di iniziare Ridurre l’acquisto del debito pubblico Nel Programma di Emergenza Epidemiologica (PEPP) avviato nell’ultimo trimestre dell’anno per paura dell’inflazione. Pertanto, l’annuncio della BCE anticipa la Federal Reserve statunitense, che intende iniziare anche a srotolare la barra della liquidità libera nei prossimi mesi.

“NSNS Il Consiglio ritiene che condizioni di finanziamento favorevoli possano essere mantenute con il ritmo degli acquisti di attività nette nell’ambito del programma di approvvigionamento di emergenza pandemico. Poco meno dei due trimestri precedenti‘, si sta riferendo a La dichiarazione è stata resa nota al termine dell’incontro.

Sebbene il testo non lo specifichi, gli analisti prevedono che il tasso di acquisto del debito del PEPP diminuirà Da 80.000 milioni di euro al mese ora a 60.000 milioni al mese E tagliare all’inizio del prossimo anno. Il programma terminerà finalmente a marzo 2022, come previsto.

Naturalmente la Banca Centrale Europea manterrà invariati i tassi di interesse, che rimarranno ai minimi storici: il tasso generale resta allo 0% e le deposit facility delle banche restano in territorio negativo (-0,5%). Lagarde ha anche sottolineato che sebbene gli stimoli avessero cominciato a essere ritirati, Le tariffe non aumenteranno per diversi mesi. In particolare, fino a quando l’inflazione si aggira “permanentemente” intorno al 2%. Per raggiungere questo obiettivo, il Consiglio di Amministrazione è disposto a consentire “Un periodo di transizione in cui l’inflazione è moderatamente al di sopra dell’obiettivo.

L’annuncio della BCE arriva dopo l’inflazione nell’eurozona è salito al 3% ad agosto, il livello più alto in un decennio e al di sopra del nuovo obiettivo del 2%. Anche se Lagarde insiste che questo picco è stato spiegato fattori di tempo L’inflazione dovrebbe scendere di nuovo nel 2022 e la Germania e i paesi nordici temono un aumento generale dei prezzi. Negli ultimi giorni, sia il governatore della Bundesbank Jens Weidmann che i suoi omologhi austriaci e olandesi hanno iniziato a spingere per il ritiro dello stimolo.

READ  Luca Argentero è il rubacuori italiano e guerriero in veste 'DOC'.

Inoltre, Eurostat ha rivisto al rialzo la crescita dell’Eurozona nel secondo trimestre al 2,2% (invece del 2% calcolato inizialmente). Ciò significa che la ripresa economica sta prendendo slancio e che L’effetto della variabile delta è stato molto inferiore al previsto. Gli ultimi dati confermano anche l’aumento dell’occupazione nell’Unione Europea e la diminuzione del tasso di disoccupazione. In questo contesto, l’arsenale di stimoli della BCE diventa meno necessario. Tuttavia, il suo capo ha ripetutamente avvertito di Rischi di recupero dalla revoca anticipata dell’aiuto.

Il programma di approvvigionamento di emergenza contro l’epidemia è stato lanciato nel marzo 2020, nel bel mezzo della fase iniziale di confinamento, con un budget di 750 miliardi di euro. era il suo obiettivo Evitare che i premi per il rischio in Italia e Spagna salgano alle stelle, i due paesi più colpiti dal virus Covid, e che la catastrofe economica ha provocato una nuova crisi del debito nell’eurozona.

Al momento, la potenza di fuoco del PEPP è di 1,85 miliardi di euro, essendo stata ricaricata due volte: la prima a giugno 2020 (oltre 600.000 milioni) e la seconda a dicembre dello stesso anno (500.000 milioni). Ecco come la Banca Centrale Europea ha aiutato Assorbire problemi di debito senza precedenti Cosa stanno facendo i paesi della zona euro per combattere la crisi del virus corona.

Ad oggi, l’istituto emittente ha già speso 1,34 trilioni di euro, di cui ha acquistato 140,700 milioni di debito spagnolo e 209,000 milioni di debito italiano.

La prossima grande battaglia alla Banca centrale europea tra i falchi del nord e i piccioni del sud si concentrerà sul Programma di acquisto di debiti regolari (AP per il suo acronimo inglese). Gli analisti prevedono che una volta terminato il programma di emergenza pandemica, È stata rafforzata la sospensione dell’APP, che è attualmente limitata a 20.000 milioni al mese.

Il dibattito ora è quale sarà la quantità di rinforzo e, soprattutto, se il suo modus operandi sarà più flessibile. Con l’APP, la BCE si impegna ad acquistare debito in base al peso economico di ciascun Paese (non alle sue esigenze) e ha un limite del 30% dell’emissione totale, che in alcuni casi si avvicina già. Alcune delle restrizioni che non si applicavano al programma di emergenza a causa della pandemia che il piccione meridionale vuole eliminare. In attesa che questa discussione si risolva, ciò che è chiaro è che Il ritiro degli incentivi dall’ente emittente sarà molto lento.

READ  Guzmán è in viaggio in Italia per partecipare al G20 e continuerà a negoziare con il Fondo Monetario Internazionale