Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Banca centrale europea dovrebbe pensare di più all’economia, non ai mercati finanziari | Opinione

La Banca centrale europea sembra seguire le orme della Fed, solo un quarto o due indietro. In Europa, abbiamo impiegato più tempo degli Stati Uniti per uscire dalla recessione e, come previsto, siamo stati anche più lenti nell’affrontare l’inizio delle pressioni inflazionistiche. Allo stesso modo in cui Jerome Powell, fino alla fine del 2021, ha definito aumenti di prezzo “temporanei”, Christine Lagarde ha trascorso gran parte del 2022 dicendo esattamente lo stesso. Ora, la Fed deve combattere rapidamente l’inflazione, quindi l’anno si concluderà con tassi di interesse vicini al 3%, in quello che sarà l’aumento dei tassi più veloce degli ultimi decenni. Ma, in aggiunta, lo combinerà con la riduzione di parte dei quasi nove trilioni di dollari investiti in obbligazioni nel suo bilancio.

La Banca centrale europea ha recentemente iniziato a preoccuparsi, con un’inflazione complessiva al 7,4%, e subisce pressioni, non solo dalla crisi energetica o alimentare, ma anche da altre parti dell’economia. La Banca centrale europea sembra disposta a commettere lo stesso errore della Fed, nonostante il costo dell’errore di calcolo di Powell. Lagarde intende continuare ad acquistare debito fino alla fine del secondo trimestre di quest’anno, per poi aumentare i tassi di interesse dello 0,25%. La stessa cosa ha fatto la Fed nel marzo di quest’anno quando ha concluso il suo programma di allentamento quantitativo e poi ha alzato il primo 0,25%.

Ma il mercato impara dagli errori dei responsabili della politica monetaria, e la prova di ciò è quanto sta accadendo sui mercati finanziari dalla fine del 2021:

• L’indice Euribor è passato da -0,50 a +0,34%, il che significa che chi ha un mutuo variabile costa sempre più mensilità, nonostante la Banca Centrale Europea non abbia ancora agito.

READ  Macri si è espresso sulla lotta tra Alberto Fernandez e Cristina Kirchner: "Non c'è piano né lealtà, tanto meno responsabilità di giudicare"

• I rendimenti delle obbligazioni a 10 anni in Germania, Francia, Spagna e Italia, solo per citarne alcuni, sono aumentati di 150 punti base, il che significa che i governi trovano più difficile finanziare il proprio debito, che piaccia o meno a Lagarde.

Nel frattempo, la riluttanza ad aumentare il tasso di cambio ufficiale ha portato l’euro a testare contro il dollaro ai livelli più bassi dal 2001. In un contesto in cui la maggiore preoccupazione è la crisi energetica e il suo impatto sull’inflazione, l’euro è entrambi molto debole . Petrolio e gas hanno un prezzo in dollari, il che ci lascia molto vulnerabili. Basta uno sguardo alla bilancia commerciale europea per verificarlo: a marzo l’eurozona ha registrato un deficit commerciale di 16,4 miliardi di euro, contro un surplus di 22,5 miliardi dell’anno prima. Il disavanzo commerciale dell’energia è quasi triplicato nei primi tre mesi del 2022. Sebbene le esportazioni siano aumentate del 14%, le importazioni sono aumentate del 35,4%. Questo squilibrio commerciale può essere in parte spiegato dal fatto che l’UE continua a importare energia dalla Russia mentre non vende più nulla. Ma il fatto è che anche con il nostro principale partner commerciale, la Cina, il divario è raddoppiato a 91,9 miliardi di euro.

Gli Stati Uniti temono che il ritiro disordinato degli stimoli monetari con cui la Federal Reserve sta annaffiando l’economia americana da anni, insieme alla mancanza di stimoli fiscali, possa causare un rallentamento economico così grave da sfociare in una recessione. Capisco la preoccupazione della Fed, ma non sono sorpreso, perché sono stati responsabili, per decenni, della creazione di ogni singola bolla finanziaria che abbiamo vissuto e che poi abbiamo dovuto prendere a pugni.

READ  Gli occhi della stampa mondiale in Cile

Per la Banca centrale europea il problema è più complesso, perché non dovrebbe preoccuparsi solo delle prospettive economiche dell’eurozona, ma anche della sua integrità. Basta tornare indietro di dieci anni ed essere in una crisi del tutto periferica per comprendere il dilemma di Lagarde. In quel periodo sulla stampa anglosassone si parlava della scomparsa dell’euro. C’era anche una scommessa su quale paese sarebbe stato vicino alla Grecia in caso di insolvenza del debito sovrano. Italia, Spagna e Portogallo si sono opposte a questo triste onore e per finanziarsi per dieci anni hanno dovuto pagare interessi fino al 7%. Il premio per il rischio con la Germania ha superato i 500 pip. Il mondo sembrava completamente diverso da adesso. Mario Draghi con la sua famosa frase “qualunque cosa serva” è stato accompagnato dalla promessa delle nazioni nordiche di sostenere i bisogni urgenti di quelle del sud, permettendo al sangue di non raggiungere il fiume. Ma la cicatrice di quel ricordo era profondamente impressa nei responsabili della Banca centrale europea. Ecco perché, quando i premi per il rischio rimangono oggi relativamente bassi in Europa e vediamo nei comunicati stampa alcuni funzionari della BCE accenni agli strumenti necessari per evitare comportamenti disordinati nel mercato obbligazionario europeo, sono preoccupato. Come nei film di suspense, l’interrogante dice “Non l’ho ucciso” prima che l’ispettore gli dica di aver trovato un morto.

Dico da tempo che le banche centrali dovrebbero preoccuparsi dell’economia, non dei mercati finanziari. Se è così, probabilmente non ci vorrà molto per iniziare a tirare il più grande stimolo monetario della storia volto a combattere la pandemia. Inoltre non li avremmo tenuti durante il 2017 e il 2018 quando non erano affatto necessari. Non abbiamo nemmeno guardato quel programma televisivo. facilitazione per quantità Oppure il QE3 negli Stati Uniti è ridicolo e molto dannoso. La mia raccomandazione alle banche centrali è vecchia come dire il calzolaio alla scarpa, perché il resto è ridondante e inutile.

READ  La giunta procede nel semplice che i nuovi aiuti per l'artigianato in regione aumenteranno del 70%

Paolo Gill È il capo stratega di XTB