Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jordi Molla aspetta, disegna, per “Prima” del cinema

L’attore, regista, scrittore e pittore spagnolo Jordi Mola, che ha trascorso l’epidemia e la pittura post-pandemia a Miami, afferma che il cinema fa ancora parte della sua vita, ma chi “lo vuole non arriva” e si confronta con il persona che va in “discoteca e non trova la ragazza”. Occasione”.

Circondato dal suo lavoro sulla pandemia nella casa presa in prestito a Miami Beach dove ha vissuto per un anno e mezzo, Mola ha parlato con Effie del documentario The Private Life of Jordi and Domingo, diretto dall’italiano Giuseppe Ferlito e prodotto da Publicro London.

Il documentario, girato su sua iniziativa, sarà presentato al Faena Theatre di Miami il 23 novembre, alla vigilia della Miami Art Week e dell’Art Basel Miami Beach.

Domingo Zapata, spagnolo che ha trionfato come artista plastico negli Stati Uniti dopo aver lavorato a Wall Street, è l’altro protagonista di questa storia di amicizia e comunicazione nell’arte di entrambi e girata nell’arco di due settimane a Maiorca.

È un ritratto intimo di come sono Jordi e Domingo – “siamo così diversi come due persone” – e “giorno per giorno” a Maiorca, dove è nato quest’ultimo, che è strettamente associato a Hollywood e al mondo della moda.

“C’era un piccolo copione basato sulle domande e sulle storie che sono emerse dalle domande”, dice senza fornire ulteriori dettagli, anche se il trailer ufficiale mostra il dipinto di Jordi e Domingo, che naviga attraverso le acque turchesi dell’isola e in luoghi come la Cattedrale di Palma .

Un documentario per esprimere la loro gioia
Mola dice che non gli dispiace ammettere che Zapata, con il quale ha tenuto diverse mostre d’arte congiunte, è per lui una fonte di ispirazione molto apprezzata in alcuni dei suoi lavori, come un torero in pieno svolgimento nel suo soggiorno , stipato di lavori accatastati sui muri.

READ  Heather Graham, la "ragazza sexy" che ha infranto i tabù ma non è riuscita a sfuggire al typecasting

Dice, uno degli obiettivi del documentario è incoraggiare coloro che vogliono cambiare la propria vita a farlo, come ha fatto Zapata quando ha lasciato la “terrificante” Wall Street e ha iniziato a dipingere.

È una sensazione, dice, che così tante persone hanno notato dopo la pandemia, che, nel suo caso, ammette, lo ha colpito “più di quanto pensasse” e lo ha fatto “pensare”.

Mola disegna da quando aveva 20 anni – oggi ne ha 53 – ma non si è mai definito un “artista”.

“Sono sempre stato cattivo con i battesimi”, dice, spiegando in seguito che non ha detto di essere un attore fino a quando non ha diretto “otto o nove film”, perché è “troppo esigente con se stesso”.

forte carriera
Forse è per questo che è uno degli attori spagnoli con una carriera internazionale più solida e negli Stati Uniti è riconosciuto come traduttore di film d’azione, come “Blow” o “Bad Boys II”, soprattutto.

Quando gli è stato chiesto se è difficile per lui adattarsi al modo di lavorare a Hollywood, dove ha amici come Johnny Depp, ha notato che l’industria cinematografica in Spagna è “molto familiare”.

“C’è più calore umano, come lavorare con gli amici, mentre negli Stati Uniti si lavora per un’azienda, è più figo”, afferma, ma sottolinea il “rispetto” con cui gli attori sono trattati in questo paese.

Mollá, che è stato più volte candidato ai Premi Goya, ha iniziato come attore con piccoli ruoli al Teatre Lliure di Barcellona e ha lavorato nel cinema per ordine di Pedro Almódovar, Bigas Luna, Ricardo Franco, Montxo Armendariz e Fernando Colombo, tra gli altri registi spagnoli.

READ  Chi era lo YouTuber che ha regalato a Bipeshita un'auto di lusso

Ha anche diretto diversi cortometraggi e un lungometraggio e ha scritto diversi libri.

Tra i progetti cinematografici a cui avrebbe partecipato ma caduto a causa dell’epidemia, la versione cinematografica del libro “El Alquimista” di Pablo Coelho, che si distingue ricordando che molte cose sono cambiate nel cinema a causa di questa situazione eccezionale testimoniato in tutto il mondo negli anni 2020 e 2021.

Non pensa che le cose saranno di nuovo le stesse, ma l’importante – dice – è la continuazione del cinema.

Ha già diverse offerte, tra cui Italia e Spagna, ma aspetta il cinema che vuole regalare. Alla domanda di che tipo di cinema sta parlando, ha risposto senza esitazione: “Prima”.