Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jeff Bezos e Amazon vogliono salvare De Laurentiis con un accordo storico

Notizie correlate

L’Italia è stata scossa per diversi giorni dalla voce che stava prendendo sempre più peso. La notizia che mette la famosa azienda Amazon vicino all’acquisto Napoli Risuona con intensità crescente. Se confermato, sarebbe un “successo” storico del calcio italiano e dello sport nel mondo.

Una delle più grandi aziende del pianeta, di cui molti di noi un tempo hanno acquisito un prodotto, rendendone ancora più potente la ricchezza economica e il patrimonio, e proprietaria di un club storico. Questo è ciò che accadrebbe se gli scopi del suo attuale capo fossero finalmente raggiunti.

conosciuto Aurelio De Laurentiis si trova ad affrontare la difficile situazione di dover cedere il proprio club e vuole lasciarlo in buone mani. Ha già un interesse da diversi poteri sul tavolo e uno di questi potrebbe essere l’interesse della società che gestisce Jeff Bezos, che ha ricevuto la chiamata dallo stesso presidente del Napoli per osare fare questo importante passo.

Ho dei problemi, Laurentis

L’attuale presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha un problema. Ha bisogno di un acquirente affidabile per il suo club per via di una regola che si applicherà al calcio italiano dalla stagione 2023/2024. Gli alti livelli del calcio transfrontaliero vogliono porre fine ai proprietari che possiedono più club contemporaneamente, motivo per cui impedirebbero alla stessa persona di possedere due squadre.

La famiglia De Laurentiis, che dirige e possiede il club attraverso la società Filmauro, possiede anche un’altra squadra, la Barry, che attualmente gioca in terza divisione. Tuttavia, per i propri interessi commerciali, il club che vogliono smettere di possedere è il Napoli di punta e per questo sono già alla ricerca di soluzioni diverse.

Il suo piano ideale è trovare un acquirente che consenta ad Aurelio di continuare a far parte del consiglio di amministrazione come responsabile, oltre a pagarlo bene per il processo. Cioè, invece di essere il proprietario, diventi un presidente, un direttore generale o un manager stipendiato che continua a controllare il club, ma senza violare la nuova legislazione.

Per questo la scelta di Amazon, la società di proprietà e gestita da Jeff Bezos, gli è parsa un’opzione imbattibile, in quanto ha visto che era possibile disegnare il nuovo organigramma del club a suo piacimento. Non vuole lasciare il suo posto di comando, ma le circostanze lo costringono a trovare una soluzione il prima possibile. Questo non è l’unico metodo a sua disposizione, perché De Laurentiis, che ha cercato Jeff Bezos, ha altre proposte sul tavolo.

READ  Per / AC Milan ha firmato l'attaccante francese Olivier Giroud

Perché Jeff Bezos

In questi mesi il titolare della multinazionale di e-commerce ha mostrato grande interesse a svolgere affari molto importanti nel territorio napoletano. Tuttavia, i suoi interessi commerciali non hanno nulla a che fare con il calcio o lo sport. Fu l’intervento, il potere e le connessioni di Aurelio de Laurentiis che gli permisero di contattare Bezos per trasmettere questa possibilità che non aveva ancora governato.

Con il passare delle ore, la possibilità di acquistare si allontana o si avvicina a seconda di chi viene chiesto. I media italiani stanno assistendo da qualche giorno a questo tiro alla fune, e sembra che Bezos, per il momento, non si sia bagnato. Il presidente del Napoli, così come Barry, ancora non cuci senza filo e le sue buone informazioni gli hanno fatto mirare con saggezza.

Jeff Bezos ha avviato una grande attività a Napoli. È interessato ad acquisire varie attività commerciali, terreni ed edifici nell’area per espandere ulteriormente il suo impero. Tuttavia, i suoi obiettivi sono fissati in due aspetti. Il primo di questi è il porto di Napoli, perché vuole impossessarsene in parte per controllare i suoi affari. Il porto di Napoli, vicinissimo alle piazze Garibaldi Basato su Comunale, due dei porti più importanti della città, uno dei più grandi d’Italia e uno dei più grandi del bacino marittimo Mar Mediterraneo. Ha un grande traffico annuale.

Come se non bastasse, Bezos ha messo gli occhi su un altro progetto, il viaggio nello spazio. Vuoi trasformare la tua azienda origine blu Nella console di sistema spaziale per Campania. Queste trattative si svolgono nelle mani giuste dell’imprenditore, Michael MallaryE negli ultimi due mesi sono stati fatti progressi.

E tra via vai, incontri e lavoro, De Laurentiis ha potuto presentare anche ad Amazon la sua proposta di appropriazione del Napoli. E sembra pronto a realizzarlo anche se deve dedicarci tutto il suo tempo e tutti i suoi sforzi. Ha una chiara speranza di raggiungere questo obiettivo e continuare a servire come presidente ad interim per tutto il tempo consentito dalla legislazione.

READ  Deportistas argentinos en Pechino 2022: ¿Quiénes son y cuándo compiten? - Marca Chiara

Lander de Blue Origin

Lander de Blue Origin

origine blu

Il rapporto tra Amazon e Napoli

Una delle chiavi di un potenziale accordo è che la proprietà del club non passerà personalmente alla persona di Jeff Bezos, ma l’intento di tutte le parti è dimostrare che è Amazon a presentarsi come il proprietario dell’entità. Una delle società più importanti e famose al mondo possiede una delle squadre più storiche del calcio europeo e italiano. Con il balzo di potere economico ciò comporterebbe per il club l’ingresso in una società che l’anno scorso ha pagato quasi 400.000 milioni di euro.

De Laurentiis, la cui mente si è illuminata quando ha appreso della caduta degli affari di Bezos in Italia, ha uno splendido rapporto con tutte le persone coinvolte nelle alte sfere delle multinazionali. Che è che Amazon e Napoli hanno una lunga storia insieme. Questo non è il momento di sedersi per parlare e negoziare con successo.

La società di e-commerce e la squadra del Napoli hanno concluso alcuni anni fa uno degli accordi più importanti nella storia del calcio italiano. Nell’estate del 2018, il Napoli è diventata la prima squadra al mondo a lanciare il proprio store all’interno della piattaforma Amazon.

In altre parole, Partenopeos non solo aveva un proprio negozio online per acquistare i prodotti del club come qualsiasi altra squadra, ma aveva anche una propria filiale all’interno di una delle più importanti società di e-commerce al mondo. All’inizio del mondo di Bezos, lo era un negozio Dal gruppo italiano era disponibile nei settori di Regno Unitoe Italiae Germaniae Francia S Spagna.

È stato un vero successo per quelli di Aurelio de Laurentiis, che ha unito le loro tracce alle tracce di un’azienda che conta decine di milioni di utenti sul pianeta. Un passo che li rese dei pionieri, e che fu il preludio al loro sbarco stato unito e tutto Nord America. modello di crescita diverso.

READ  Il consiglio comunale promuove la città di Siviglia durante una cerimonia a distanza per consegnare i Laureus International Sports Awards registrati in luoghi simbolici della città e ad un pubblico potenziale fino a un miliardo di persone.

Come se non bastasse, il progetto di Amazon come nuovo proprietario del Napoli farà già pochi passi. Oltre alle indiscrezioni sull’utilizzo di servizi a marchio privato, come la possibilità di implementare spazi multimediali e audiovisivi, c’è il nuovo nome dello stadio. la vecchia San Paolo, rinominato come Stadio Diego Armando Maradona Dopo la morte della star argentina, verrà chiamato Amazon Arena Maradona. Sarà necessario vedere che questa accoglienza ha questa nuova categoria tra i fan.

La foto di Maradona allo stadio del Napoli

La foto di Maradona allo stadio del Napoli

Reuters

Bypassa l’Arabia Saudita

Dopo il lavoro che Jeff Bezos intende svolgere in città e il lungo rapporto tra Amazon e Napoli, c’è una terza parte che vuole urgentemente De Laurentiis al “sì” dell’imprenditore americano. Si tratta di inseguire le forze economiche di Regno Arabia Saudita.

Tra le grandi proposte che Bezos ha messo in tavola c’è Nawaf bin Faisal Al Saud, Presidente Club saudita Al-Hilal L’ex presidente di Comitato Olimpico Saudita. Questa potenza economica era intesa come un ingresso graduale nel club. Prima come sponsor principale e poi fare il salto nella proprietà e nella gestione.

Tuttavia, De Laurentiis vuole evitarlo a tutti i costi in quanto non garantirà la sua continuazione al club. Anche se un accordo con la potenza araba sarebbe molto lontano, il più avanzato è quello di entrare come sponsor. L’imprenditore italiano si augura però che l’arrivo di Amazon si concluda finalmente con questo principio di intesa, perché Bezos sarà obbligata a pubblicizzare il proprio marchio ei propri prodotti, e non gli interessi arabi. Amazon è un modo per spaventarli in ogni modo.

Bisognerà vedere quale futuro avrà questa asta che De Laurentiis propone al Napoli e se riuscirà finalmente a convincere Jeff Bezos per Amazon ad acquistare il club. Altrimenti, il futuro della partenogenesi potrebbe essere più vicino all’Arabia Saudita di quanto vorrebbero.

[Más información: Los futbolistas alzan la voz contra la FIFA: el Mundial bianual sólo satura aún más el calendario]