Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: una storia esemplare di una famiglia che ha ospitato sei immigrati africani | Nel 2015, la regione del Veneto governata dalla Kale League ha affrontato minacce e umiliazioni da parte dei neofascisti.

Da Roma

Famiglia dell’insegnante di liceo Antonio Silvio Galli Da Traviso, sua moglie e maestra elementare Nicolette Ferrara e i loro quattro figli, all’inizio del 2015 È stata molestata da minacce e insulti da parte dei suoi concittadini per aver portato a casa sua sei immigrati africani.. Treviso è molto vicina a Venezia e appartiene alla regione del Vanito, da molti anni controllata politicamente dalla lega razzista di Matteo Salvini., Ci sono stati numerosi e gravi atti di intimidazione contro la famiglia Kale, ei neofascisti, movimento di estrema destra di Forza Nova, l’insegnante ha chiuso i muri della scuola con minacce a lui e alla sua famiglia.

Ma tutto questo non ha impedito a Kale di trattare gli africani come i loro figli. e Sei anni dopo quell’esperienza, sei immigrati sono ora assunti a tempo indeterminato, autonomi e fanno la carriera che desiderano in Italia.. Questo esempio è stato distinto dalle autorità italiane ed europee e ha promosso un programma di integrazione UE (UE). Come Presidente della Repubblica, alla fine del 2015, Sergio Matterella ha conferito alla famiglia il titolo onorifico di Ordine al Merito della Repubblica Italiana, e nel 2018 è stato insignito del titolo di Cittadino Europeo dell’Anno. Una delle principali istituzioni della Commissione Europea, l’Unione Europea. Inoltre, la loro esperienza è alla base del programma comunitario chiamato Embracin, che fa esattamente riferimento all’accoglienza e all’integrazione degli immigrati.

In un’intervista a Pagina I12 Il professor Kale ha spiegato passo passo la sua esperienza ma soprattutto ha sottolineato alcune idee di fondo: “Prima di criticare bisogna pensare” e “Il modo per abbattere i muri dell’indifferenza è trovare le persone direttamente”.

-Perché tu e la tua famiglia avete deciso di curare questi sei immigrati?

Nel corso degli anni io e la mia famiglia abbiamo visto le cose più grandi che sono successe nel Mediterraneo. E ci ha colpito. Ci siamo chiesti: perché queste persone dovrebbero morire così? Perché l’Europa non riesce a pensare a schemi di benvenuto? Ricorderò sempre un grande giorno, il 18 aprile 2015. Radio e televisione hanno parlato dell’inizio dei 700 morti nel Mediterraneo. Poi si dice che siano morte 1.000 persone. Quando sono tornato a casa da scuola, ho detto a mia moglie: “Non possiamo fare nulla per loro. L’unica cosa che possiamo fare è aprire le porte di casa nostra. Abbiamo deciso di parlare con i nostri ragazzi. Se solo uno di loro avesse detto di no, non lo avremmo fatto. Invece tutti e quattro hanno risposto con grande entusiasmo.

READ  L'inarrestabile ascesa della Meloni di estrema destra in Italia preoccupa i mercati

-Qual’è il prossimo passo?

-In quel periodo sono andato in provincia di Treviso (organizzazione che fa capo al Ministero dell’Interno) e ho invitato la gente a far arrivare gli immigrati perché non ce la faceva. Ho parlato con un dipendente e le ho dato tutti i dettagli della mia famiglia. Gli ho detto che la nostra idea era di accogliere le donne, non i ragazzi, poiché le donne sono spesso maltrattate e rimangono incinte. Gli ho chiesto di darmi i dettagli di altre famiglie che avevano accolto gli immigrati, così li avrei contattati. Lei ha risposto: “Nessuno. Non ci sono famiglie di volontari in provincia di Traviso o in Veneto. Siete i primi e probabilmente i primi in Italia”. A Traviso non sono venute donne, solo ragazzi. L’8 giugno 2015 Ibrahim e Ditzen di Bissau, Guinea, Sahio e Mohammed del Gambia, e Ghana e Siaka, entrambi della Costa d’Avorio, erano rispettivamente 18, due 24, uno 28 e uno 30.

-E come sono stati riparati?

-Dovevamo entrare in una cooperativa che si occupa di immigrati. Ci hanno dato letti, materassi e altri oggetti. La cooperativa si è comportata molto bene. Non appena arrivarono i letti, arrivarono anche i fuggitivi. Abitavamo in una piccola casa nel mezzo della campagna trevigiana. Non ti ho raccontato cosa è successo in quel momento quando ho visto arrivare un autobus con degli africani che scendevano a casa nostra. I vicini cominciarono a radunarsi vicino a casa nostra. Il suo sguardo e le sue parole erano molto pesanti. Quando i ragazzi africani sono scesi dall’autobus con la faccia allegra e un sacchetto di plastica, hanno preso i vestiti per cambiare quello che gli era stato dato. Il mio figlio più giovane mi ha guardato chiedendosi perché gli italiani ci guardassero male. Era spaventato. È stato l’unico momento in cui abbiamo vissuto con un po’ di panico. Il giorno dopo e per oltre 20 giorni, abbiamo ricevuto minacce, insulti, social, telefonate e anche presso la scuola dove lavoro. Una parete esterna era piena di manifesti con leggende contro di noi. Pochi giorni dopo abbiamo iniziato a passeggiare per la città con loro. Li ho sentiti dire più di una volta: “Qui va il professor Kale con le sue sei scimmie”. Dopo 20 anni di campionato, la cultura veneta è molto vicina al razzismo. Dopo il governo di Berlusconi e della Liga, l’Italia era il paese più ignorante. Sono diversi, seminano paura per gli stranieri.

READ  L'Italia è stata incoronata "Due" con lo slogan "Vittoria o muori".

Cosa hai fatto per trasformare i ragazzi africani in questo “nuovo” mondo?

– Appena entrati abbiamo detto loro che quella era casa loro e che potevano usare tutto. Abbiamo condiviso lo spazio perché abbiamo dovuto liberare altre stanze destinate allo studio o al lavoro per creare delle camere da letto. Facciamo turni per tutto: lavanderia, giardinaggio, cucina. Nel pomeriggio abbiamo mangiato l’Italia e la notte l’Africa. Dopo un po’, hanno iniziato a chiamarci “papà” e mamma. L’altro problema è la lingua. Inizialmente avevamo mezz’ora per capire le due frasi. Alcuni parlano francese, mentre altri parlano portoghese o inglese. Ma noi genitori non parliamo nessuna lingua. I nostri figli, che conoscevano poco il francese e l’inglese, iniziarono a fare da traduttori. Riceviamo aiuto dalla cooperativa. Così siamo riusciti a pagare uno psicologo che veniva una volta alla settimana per digerire la violenza che avevano subito in Libia o nel deserto del Sahara mentre erano in viaggio. C’era un’altra persona che controllava i documenti legali e l’area medica. Un giornalista in pensione ci ha aiutato a insegnare loro l’italiano. Ma dopo tre mesi ho capito che dovevano andare a scuola. Perché ci sono scuole per immigrati.

Dal lunedì al giovedì andavano a scuola dalle 9:00 alle 13:00. Giovedì pomeriggio sono andati a giocare. Gioca a calcio con i miei figli. I ragazzi sono tutti musulmani. Anche se eravamo cristiani, pregavano cinque volte al giorno. Venerdì mattina sono andati alla moschea, ma nel pomeriggio si sono offerti volontari con le famiglie bisognose di aiuto per il trasloco e il cambio di mobili. Il sabato era dedicato alla pulizia della casa. Dopo che hanno finito la scuola, li abbiamo iscritti a stage per imparare varie professioni in modo che capissero cosa significa lavorare in Italia. Alla fine, le aziende li hanno rilevati. La cosa più bella è che il mese scorso uno dei più piccoli è venuto da noi e ci ha detto: “Papà e mamma, lo regalo alla mia ragazza. Non ci sposeremo presto. Avremo un matrimonio italiano e africano. Mamma non preoccuparti, perché ti trasformeremo in un vestito africano. E dicevano che se avessero avuto figli, ne avrebbero chiamati uno Antonio e la ragazza Nicoletta.

READ  L'Italia condanna centinaia di prodotti e ristoranti stranieri usando il nome della mafia come pretesa

-Come hanno finanziato tutto questo?

-La mia famiglia non riceve denaro direttamente. Tutto è stato fatto attraverso una cooperativa finanziata dall’Italia o dall’Unione Europea. Tenevamo la contabilità e di tanto in tanto fornivamo un bilancio delle spese.

– Qual è la cosa più importante che puoi insegnare al resto del mondo dopo questa interessante esperienza?

Gli rispondo con le parole del tuo compagno Francesco: “Tutti i fratelli” (Ultima enciclopedia del Papa, ottobre dello scorso anno). Nessuno può avere successo in questo mondo da solo, e solo se siamo insieme possiamo affrontare problemi economici, climatici e politici. Soli insieme. Siamo tutti fratelli. Nessuno è più fraterno dell’altro.

Papa Francesco non ha mai ricevuto Cale in Vaticano, dicendo che sarebbe molto onorato se lo facesse. Ma è sicuro di conoscerli, perché anche il giornale vaticano L’Osservatore Romano Pubblicato un articolo su di loro. “Prima o poi ho la sensazione che venga a trovarci a Treviso. Non è per farci capire che è possibile perché siamo speciali”, cioè può fare tante cose a cui molti non credono. Precisamente chiamato Si può fare (Può farlo) Un libro a quattro mani dell’autore e di un giornalista olandese sull’esperienza della famiglia Kale che apparirà nei prossimi mesi. Sua moglie Nicoletta aveva già pubblicato un altro libro su questa esperienza qualche anno fa La nostra casaa (in casa nostra).