Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia per aumentare di 30.000 milioni la spesa pubblica “gratuita” contro la crisi energetica | Economia

L’Italia di Giorgia Meloni si indebiterà per attutire gli effetti della crisi energetica. Il nuovo governo italiano, guidato dalla Fratellanza di estrema destra italiana, ha preso le sue prime decisioni economiche e prevede di aumentare il deficit al 4,5% nel 2023 e “liberare” quasi 30.000 milioni di euro. Aumento dei prezzi dell’energia.

L’amministrazione prevede di attuare un pacchetto di aiuti del valore di 9.500 milioni di euro la prossima settimana. La squadra di Meloni sta lavorando contro il tempo Ha redatto il suo primo disegno di legge di bilancio e lo ha inviato a Bruxelles, cercherà l’approvazione della maggioranza assoluta del parlamento per attuare i primi giochi nei prossimi giorni. I restanti 21.000 milioni saranno investiti nel 2023 e serviranno esclusivamente a frenare l’aumento delle tariffe gas ed energia elettrica.

“Ci siamo impegnati per questo e nella situazione attuale non possiamo fare altro”, ha detto Giorgia Meloni in conferenza stampa in cui ha spiegato le nuove misure insieme al ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti. Il governo non ha ancora specificato quali mezzi utilizzerà per attuare gli aiuti, ma Giorgetti ha sottolineato che la mossa, una delle proposte protagoniste dell’estrema destra in campagna elettorale, dipende dall’evoluzione energetica. Mercato”. E ha sottolineato: “Attualmente stiamo partecipando I prezzi del gas sono più bassi ma ci sono previsioni meno ottimistiche per i prossimi mesi.

Per sostenere questa spesa, l’Italia prevede di aumentare il proprio deficit al 4,5%, più di mezzo punto rispetto al deficit del 3,9% previsto dalla precedente amministrazione Mario Draghi. Roma prevede che questo numero diminuirà gradualmente al 3% entro il 2025. Il margine di manovra del Paese transalpino è limitato: è uno dei Paesi più indebitati dell’UE, Con un debito pubblico del 150% del PIL.

READ  Sembrano le città di Tucson in Italia, ma sono a pochi minuti da Buenos Aires.

Roma ha poche settimane per raggiungere un’intesa con la Commissione europea sulle linee generali della normativa di bilancio, che dovrebbe essere formalizzata entro fine novembre con la presentazione del documento di programmazione del bilancio. Secondo i media locali, il governo ha ora approvato queste proiezioni dei costi Hanno già ricevuto il via libera ufficiale dalla Commissione.

L’autunno è sempre stato tradizionalmente dedicato alla complicata elaborazione di un disegno di legge di bilancio, e per questo motivo non ci sono mai state elezioni generali in questo periodo dell’anno nella storia repubblicana della nazione. Questa regola non scritta è stata infranta quest’anno e il nuovo governo, in carica da più di dieci giorni, è leggermente in ritardo rispetto alla tradizionale scadenza per le questioni di bilancio. Mentre le leggi di bilancio vengono generalmente approvate negli ultimi giorni di dicembre, le precedenti amministrazioni hanno potuto presentare i propri progetti di legge fino a metà ottobre.

Il governo Meloni ha approvato anche il primo aggiornamento del Documento di Economia e Finanza (NADEF), che contiene le previsioni per la redazione dei bilanci per il 2023. Il ministero dell’Economia rivede l’aumento totale in questo testo. Prodotto interno (PIL). Secondo le sue proiezioni, crescerà del 3,7% entro la fine del 2022, mentre il precedente governo di Mario Draghi stimava una crescita del 3,3% lo scorso settembre. Ha anche indicato che l’economia della terza potenza dell’euro crescerà di appena lo 0,3% l’anno prossimo, in linea con la previsione del precedente esecutivo di una crescita dello 0,6%.

Meloni ha annunciato l’intenzione di espandere il mercato del gas italiano, estratto a livello nazionale, e prevede di bloccare alcune estrazioni e concedere nuove concessioni di perforazione, che possono fornire gas alle aziende a prezzi controllati. L’obiettivo è continuare a ridurre la propria dipendenza dal gas russo, che fino a quest’anno era il suo principale fornitore. Con gli accordi firmati dalla precedente amministrazione, lo scambio con Mosca è stato notevolmente ridotto e attualmente L’Algeria è già il primo fornitore di gas in Italia.

READ  Italia podría abrir la veda de las fusiones of telecos europees | Opinione