Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia, il primo termometro per la caduta del malcontento

L’Italia va alle urne tra malcontento e indifferenza. La quarta economia dell’euro ha avuto appuntamento domenica con le urne dopo l’innumerevole crisi di governo della scorsa estate, che ha portato al progresso elettorale. L’Italia deciderà il suo prossimo primo ministro poiché l’inflazione è salita a livelli record dell’8,4% ad agosto, guidata dall’aumento dei prezzi dell’energia, che sono aumentati del 44,9%. Il nuovo presidente dovrà affrontare la crisi energetica e rinegoziare i soldi europei, pur trattando con cittadini insoddisfatti e apatici, con un’astensione del 40%.

Secondo i sondaggi, la vittoria sarà domenica prossima La coalizione di destra di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia sarà guidata dai conservatori.. Gli esperti sottolineano che l’unica cosa che potrebbe essere oscurata da esso è il Movimento 5 Stelle (M5S) sgonfio, che opera in modo indipendente e lontano dal blocco di sinistra, di cui il Partito Democratico (PD) è un grande sostenitore.

In questa elezione si presenta anche l’Alleanza di Centro guidata dall’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, che ha fondato un partito liberale con il nome di Italia Viva. Nella stessa coalizione è stato fuso un altro nuovo partito fondato da un altro ex esponente dell’esecutivo italiano, Carlo Calinda, ex ministro dello Sviluppo economico, che guida la propria formazione, Azion.

A seguito del boom dei prezzi dell’energia, anche i prezzi delle abitazioni sono aumentati del 6,1% rispetto a luglio e fino al 31,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In termini di abbigliamento e calzature, registra un incremento annuo dell’1,7%, pur registrando un decremento dello 0,1% rispetto a luglio.

Il partito responsabile della guida del governo italiano dovrà affrontare un rallentamento economico. Per quest’anno e nelle sue ultime previsioni pubblicate a fine luglio scorso, La Commissione Europea ha indicato che l’economia italiana crescerà del 2,9%.Ma entro il 2023, il PIL sceglierà di crescere fino allo 0,9%. Da parte sua, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede a giugno che l’economia crescerà del 2,3%.

READ  L'utilizzo della carta di credito continua ad accelerare

Uno dei principali oneri dell’economia italiana è il debito pubblico, che nel 2021 ammontava al 150% del PIL. anche, Il prossimo CEO dovrà affrontare la crisi energetica che sta investendo il Paese. Prima dello scoppio della guerra in Ucraina, l’Italia importava il 90% delle sue forniture di gas e il 40% dalla Russia.

Deve essere disgustoso Piano di ripresa promosso da fondi europei. Tra sussidi e prestiti, l’Italia sarà il Paese che riceverà più soldi, fino a 191.500 milioni di euro. Tuttavia, tutte le parti hanno annunciato che avrebbero rinegoziato con la Commissione europea per modificare il piano e adattarlo alle nuove condizioni.

Abbina le ricette per l’Italia

Per combattere l’inflazione, la crisi energetica e la disoccupazione, i partiti italiani hanno avanzato proposte disparate, cercando non solo l’inafferrabile stabilità politica dell’Italia, ma anche la forza economica in tempo di guerra e iperinflazione.

Per ridurre l’impatto della crisi sulla popolazione italiana, La capofila delle elezioni Georgia Meloni propone tagli alle tasse. In questo senso, ci sono proposte di compagni membri del blocco, che propongono di abolire la tassa di successione. Il PD, invece, si impegna a promuovere un’economia circolare, che investa in prossimità e solidarietà per ridurre le disuguaglianze, mentre il Movimento 5 Stelle sceglie Per cercare di fermare il trasferimento all’esteroapproccio condiviso anche dalla formazione di estrema destra Fratelli d’Italia.

Per rilanciare l’economia, il piano Fratelli d’Italia prevede il rilancio del turismo e l’agevolazione del credito. Tra i sotto i trent’anni, Meloni afferma che eliminerà le tasse su coloro che lo fanno. Dal canto suo, il partito di Salvini propone un nuovo condono fiscale per le imprese “in difficoltà”, anche se alla fine dovranno pagare i debiti, ma può essere rateale e senza sanzioni. Il M5S propone di abbassare il cuneo fiscale, mentre il PD si impegna ad aumentare la partecipazione dei lavoratori nelle decisioni aziendali.

READ  I migliori medici raccolgono 11,2 milioni da Impact Fund

In tema di occupazione, il partito di Matteo Salvini propone l’abbassamento del costo del lavoro e il rafforzamento degli incentivi all’assunzione delle donne. anche, Promette di estendere l’età dei contratti di apprendistato a 35 anni. Da Forza Italia promettono di dare alle aziende incentivi per le nuove assunzioni, con agevolazioni fiscali per i contratti a tempo determinato per gli under 40.

Per Meloni, la chiave per rilanciare l’occupazione è ridurre lo stress finanziario. Il consenso della coalizione di destra passa attraverso il rendere più flessibile l’accesso alla pensione, aumentare le pensioni e ridurre le tasse per le imprese e i lavoratori.. Il Pd chiede una riduzione delle tasse sul lavoro e la creazione di un salario minimo, mentre il movimento 5 Stelle chiede il prepensionamento per le madri lavoratrici, l’esenzione totale delle tasse per l’assunzione di donne disoccupate e un salario minimo di nove euro l’ora.

Sull’energia, la coalizione di destra ha un certo consenso sulla necessità di aumentare la produzione di energia rinnovabile e utilizzare l’energia nucleare pulita, mentre il movimento 5 Stelle propone che le aziende possano investire senza costi nel risparmio. Energia e fonti rinnovabili.

Dal canto suo, il PD è colui che ha assunto un maggiore impegno per la trasformazione energetica, proponendo di trasformare le regioni del Sud Italia in un centro energetico nel Mediterraneo, mentre ricerca un piano per raggiungere le emissioni zero entro il 2050, attraverso la “decarbonizzazione” , con la proposta di creare più parchi ad energia rinnovabile. Per abbassare il prezzo dell’energia, il Pd punta a “rivedere il sistema di formazione dei prezzi dell’energia, caratterizzato da fenomeni speculativi”, sostenendo che l’Italia dovrebbe recuperare i 9000 milioni persi dal governo alle compagnie energetiche.

Proposte sanitarie dai partiti politici

in materia di salute, Il PD promette di dimezzare le liste di attesa per i test diagnostici entro il 2027Oltre a promuovere l’uso della telemedicina e della teleassistenza tra la popolazione in caso di ascesa al potere. La formazione guidata da Enrico Letta è impegnata anche per l’avvio di un piano eccezionale di salute mentale, attraverso quelli che lui chiama “modelli organizzativi di affinità, con piccoli centri specializzati”.

READ  Il caribù rimbalza dal livello più basso in un mese e riguadagna 8200 punti | mercati

Per contro, l’estrema destra di Fratelli d’Italia è condannata alla pena di morte Meccanismo premiante nell’accesso al sistema sanitario Per coloro che seguono un “percorso regolare di controllo sanitario”, ne definisce il programma elettorale. La formazione di Giorgia Meloni vuole creare un’autorità sanitaria indipendente, promuovere la diffusione e lo sviluppo della telemedicina, incoraggiare l’assistenza domiciliare nelle aree scarsamente popolate del Paese, nonché modernizzare il piano oncologico nazionale e creare città più protette dalle malattie cardiache. Con defibrillatori nei comuni italiani.

Da parte sua, la Lega sottolinea la necessità di allungare le giornate e gli orari di lavoro degli ambulatori, aumentare le sessioni di sala operatoria e creare strutture sovraregionali per il controllo e il monitoraggio del sistema sanitario. Questo tirocinio si impegna anche a sviluppare un piano pilota per la salute mentale 2022-2026.

Il M5S individua nel proprio programma che la digitalizzazione del sistema sanitario su tutto il territorio nazionale è un obiettivo critico per garantire efficienza nella gestione delle risorse, semplificazione dell’accesso ai servizi, trasparenza delle procedure e sostenibilità del sistema. Il partito sottolinea l’importanza di garantire l’adozione della cartella clinica elettronica in tutte le regioni del Paese. Il M5S ritiene necessario rilanciare le cure primarie e l’accesso universale alle cure intermedie.

Forza Italia promuove lo sviluppo di un sistema sanitario locale, rafforzando la medicina predittiva e aumentando il personale medico. Inoltre, la formazione di destra insiste nel rivedere il piano nazionale di lotta contro il cancro.