Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: il portiere della nazionale che ha vinto un premio per aver ospitato a casa sua una famiglia ucraina

La Nazionale italiana si allena per La Società delle Nazioni Alla periferia di Firenze. Argentina Lionel Messi ha il suo centro di allenamento a Ezeiza; L’Italia diretta da Roberto Mancin ne ha la proprietà Coverciano. Lì c’è stato un evento speciale, più vicino al cuore che al calcio. Questo lunedì Guglielmo Vicario, il 25enne portiere dell’Empoli, ha ricevuto il premio “Ambasciatore della gentilezza nello sport e nella vita”. Da fine marzo il calciatore ospita nella casa di famiglia di Udine una famiglia ucraina in preda alla guerra: Hana, 34 anni, e Milan, 11 anni, fuggirono dalla loro città natale di Dnipro dopo l’invasione russa.

“Apprezzo questo premio”disse il vice. Non era un assegno. Nemmeno la tazza. Non ha valore economico. Era solo uno T-shirt bianca con cuore. “Sono felice che la famiglia ucraina che è con noi si stia fondendo. Il ragazzo Milan sta bene. Sta iniziando la scuola e per me è stato molto importante interagire con la nostra cultura”, ha confermato il portiere 25enne, che ha vestito le maglie di Venezia, Cagliari e Perugia prima di approdare all’Empoli, suo club attuale. Ha aggiunto che “l’opportunità di essere circondato da bambini della sua età è molto importante e lo aiuta a distrarre la mente dai problemi che si verificano nel suo Paese”. Vicario è alto quasi 2 metri e sembra un gigante. Ma sembrava eccitato. Inoltre, questa è stata la sua prima chiamata con Azzurra. Ha scritto “Live the Dream” (“Live the Dream”) sulla sua pagina Instagram.

L’Italia si prepara al confronto Inghilterra S Ungheria da Nations League e Vicario può essere considerato da Mancini per una delle due partite, a parte il fatto che il primo giocatore indiscusso è Gianluigi Donnarumma. Per molti il ​​portiere è uno dei responsabili del buon inizio dell’Empoli, abituato a lottare per evitare la retrocessione in serie B. La formazione toscana occupa il quattordicesimo posto fuori dalla zona di pericolo con sette punti, dieci unità dietro le capolista Napoli e Atalanta.

READ  La Nuova Zelanda sconfigge l'Australia e si avvicina al titolo del campionato di rugby: cosa deve succedere al Sud Africa per vincere la celebrazione finale

Milan, il ragazzo rifugiato con la madre a casa di Vicario, è profondamente colpito tifoso di calcio. Ha sfoggiato il suo miglior sorriso quando ha scoperto che Guglielmo era un giocatore professionista. Poche settimane dopo il mio ingresso in Italia, ero già in campo. E la sua foto si è diffusa in tutto il Paese: si è unito al calciatore dell’Empoli prima di una partita di campionato italiano, come un talismano.

Hanna e Milano, madre e figlio, sono arrivate a casa dei miei genitori e Vivranno con noi indefinitamente. «Ci ​​siamo incontrati nel tardo pomeriggio e abbiamo cenato insieme», aveva raccontato Vicario al Corriere della Sera a marzo, quando i profughi erano appena arrivati ​​dallo spavento. Il ragazzo è molto appassionato di calcio e quando ha scoperto che ero un giocatore ha colpito molto, ma questa situazione ha colpito molto anche me: Dopo cena ho fatto un viaggio in Toscana (dove si allena con l’Empoli) con questa idea”, ha rivelato il portiere.

Su come è nata l’idea di averli nella casa di famiglia, Vicario ha aggiunto: “Una decina di giorni fa, questa possibilità è stata aperta da Danieli, azienda friulana con sede in Ucraina: si sono presi cura delle famiglie dei lavoratori lì ed erano alla ricerca di destinazioni per accogliere le persone. I miei genitori mi hanno chiesto cosa ne pensassi e ho detto loro che sarebbe stato bello poter dare una piccola mano alle persone che stanno vivendo questo dramma”.

Inoltre, ha affermato che la barriera linguistica (famiglia di rifugiati che parla ucraino; proprietari di casa, italiano) È stato risolto con l’aiuto della tecnologia: “Non è stato facile, perché non parlano né italiano né inglese, quindi Usiamo google traduttore E ci siamo fatti capire. “Abbiamo potuto apprezzare la sua straordinaria formazione”, ha raccontato Vicario in un’intervista al Corriere della Sera. Ha aggiunto: “Il Milan sarebbe molto felice di giocare a calcio e sto lavorando con mio padre per permettere a qualcuno di entrare a Udine (la sua città) per realizzare questo sogno. Cercherò anche di mettere a sua disposizione un insegnante di italiano perché possa farlo. imparano la lingua, perché credo anche che vivranno con noi per un po’ di tempo”. Diventeranno parte della famiglia e questo è qualcosa che mi rende molto felice”.

READ  Il gruppo di ginnastica ritmica vince il bronzo nel mondo e si svolge a Parigi 2024 - più sport