Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: dal dolore al boom, la città ora ha più gatti che persone che caricano i turisti

CIVITA DI BAGNOREGIO, Italia.- Lo chiamano “il paese muore che”, Città dei moribondi. Ma la verità è che nonostante l’erosione, le frane, i terremoti e altre calamità naturali, i civitani stanno resistendo.

Questo è il posto dei sogni In cima al colle di creta e tufo, La massa continentale più debole da secoli, lunga appena 100 metri, profonda 150 metri e 443 metri sul livello del mare, si trova nella provincia di Viterbo, 87 chilometri a nord di Roma. È anche una delle tante città abbandonate in Italia perché sembra sospesa nel cielo tra due valli e percorribile lungo un lungo ponte-passerella. Ci vivono solo 11 persone. Altri sono stati evacuati nel vicino comune di Pacnorogio decenni fa a causa di successive frane. Che ci crediate o no, il posto è rifiorito da quando ha iniziato a far pagare un biglietto d’ingresso di 5 euro per vedere il museo all’aperto Civita.

È un luogo da sogno in cima alla montagna di argilla e tufo, un paesaggio molto fragile che da secoli si sgretola.Shutterstock

Il “padre” della risurrezione di Civita, un milione di persone ogni anno passa per il suo ponte, Francesco Picciotti. Già sindaco di Civita di Bagnoregio e oggi presidente di Casa Civita, un partenariato pubblico-privato volto a rilanciare un territorio che rappresenta un vero e proprio patrimonio culturale e artistico, Picciotti ha sentito l’esigenza di evitare il crollo della città. Come fonte di ispirazione per scrittori, poeti e artisti, dovevamo agire. Attraverso un marketing intensivo basato su pubbliche relazioni, pubblicità e accordi con compagnie cinematografiche ed eventi culturali, “La Roca” non solo ha creato fondi per realizzare lavori di ingegneria di emergenza per sostenere e prevenire ulteriori crolli, ma ha anche aggiunto Civita. – un tesoro conosciuto solo da pochissimi intellettuali trent’anni fa-, sotto l’attenzione del mondo.

In mezzo a problemi finanziari, nel giugno 2013 Picciotti ha avuto l’istinto di mettere un biglietto al Civita, all’inizio costava solo 1,5 euro. “Poi c’è stata una grande polemica, molti si sono opposti, perché pensavano che il turismo sarebbe diminuito ed erano molto critici nei confronti delle picotte, ma la verità è che, contrariamente alle cattive previsioni, la voce ha avuto l’effetto di rating ‘Borgo’ e ha avuto un effetto impressionante Aumento delle visite”, dice il numero due di Picotte l’attuale sindaco di LA NACION Luca Profili, 33 anni. “Quando circa 50.000 persone hanno visitato Civita ogni anno nel 2013, quel numero si è moltiplicato, da 1 milione di visitatori l’anno prima dell’epidemia, e ora, dopo l’ictus, un buon numero di persone sta tornando”, ha spiegato Profile. Questo successo trasformò la Civita de Pagnorezio in un comune “modello”. Grazie al biglietto d’ingresso – che poi è diventato 3 euro e oggi 5 euro (anche se i bambini sotto i 6 anni non pagano) -, le sue 3.700 persone non pagano più le tasse e la disoccupazione è zero.

Grazie al biglietto - 5 euro oggi (anche se i bambini sotto i 6 anni non pagano) - le sue 3.700 persone non pagano più le tasse e la disoccupazione è zero
Grazie al biglietto – 5 euro oggi (anche se i bambini sotto i 6 anni non pagano) – le sue 3.700 persone non pagano più le tasse e la disoccupazione è zeroShutterstock

Il tramonto a Civita, assume un colore meraviglioso e diventa irreale. Con una vista spettacolare di questo paesaggio unico si può vedere la vista di Pacnorzio o del Belvedere, i giapponesi che si fanno i selfie. Dopotutto, gli asiatici che viaggiano in autobus da Roma a Firenze, uno dei posti migliori per i turisti della penisola, sono in cima alla lista dei visitatori di questo gioiello medievale. “I cinesi hanno smesso di venire a causa del corona virus, ma molti giapponesi che amano la civita continuano a farlo perché il famoso creatore Hayao Miyazaki si è ispirato qui per il film. La città incantata“Arrivano tanti brasiliani (4,6%) perché la telenovela Terra Nostra è stata girata a Civita. Sebbene il poeta italo-argentino Juan Rodolfo Wilcox (1919-1978) amasse la zona, gli argentini costituivano solo lo 0,4% del pubblico. Decise di recarsi nel vicino paese di Lubriano, da dove si può ammirare il magnifico panorama di Civita e dei suoi dintorni.

READ  L'Italia sequestra uno dei suoi più sfuggenti fuorilegge

Sebbene non vivano stabilmente, alcuni personaggi ricchi e famosi hanno comprato e riacquistato case a Civita. Tra questi, il regista Giuseppe Tornatore, come si suol dire, è stato “colpito da un fulmine” vent’anni fa, in stile avatar, con giornate nebbiose che facevano sembrare Civita un’isola sospesa nel cielo. Anche il direttore creativo di Gucci Alessandro Michael, considerato dalla rivista Time una delle 100 persone più influenti al mondo, ha comprato una casa lì; Moglie del famoso cantante italiano Claudio Paglioni. E Paolo Crepet, psichiatra italiano apparso in talk show televisivi, trasformando la sede arcivescovile di Civita in un B&B di lusso.

Sebbene non vivessero stabilmente, alcuni personaggi ricchi e famosi acquistarono e si riappropriarono di case a Chivita.
Sebbene non vivessero stabilmente, alcuni personaggi ricchi e famosi acquistarono e si riappropriarono di case a Chivita.Shutterstock

Originariamente abitata dagli Etruschi, documenti storici indicano che fin dall’antichità in questa regione vulcanica e sismica dell’Italia centrale esistevano pendii e smottamenti dovuti ai terreni finissimi di argilla e calcare, molto fini e calcarei leggeri. ., Secondo la RAE, l’acqua di alcune sorgenti è formata dalla calce durante il loro scioglimento. In un terremoto del 1695, Civita incontrò un grande varco tra “Rocca” e Pacnorzio, che divideva precisamente le due città da una massa continentale, come tanti edifici, crollanti, e tante case con vista sulla vallata. Nel 1923 iniziò la costruzione di un ponte in pietra, danneggiato da altre frane e demolito nel 1963 per far posto a un nuovo ponte in cemento armato aperto nel 1965 dopo la partenza dei tedeschi alla fine della seconda guerra mondiale. Ogni anno le pareti di Chivita perdono circa 7 centimetri e si stima che nuovi smottamenti rotoleranno in più argilla e vallata duff.

READ  15.756 contagi e 99 morti in un solo giorno in Italia Govt-19 | cronache

Per secoli, quando Civita vide crollare le mura e le case medievali, lo stesso processo geologico divenne noto come la valle dei “Kalanchi” attorno ad essa. Si tratta di colline argillose formate da una continua erosione che creano un significativo paesaggio lunare dal tipo desertico del Belvedere di Pacnorogio. Secondo la leggenda, il piccolo Giovanni Fidanza, nato nel 1218 a Pacnoregio, fu guarito per ringraziamento a San Francesco d’Assisi, di cui divenne il primo biografo ufficiale. Dopo aver pagato il biglietto d’ingresso, salire una rampa di scale fino all’ingresso del ponte-marciapiede che dà accesso a Civita. I portatori di handicap fisici possono salire a bordo di alcuni degli autobus messi a disposizione dal Comune di Bagnoregio nei fine settimana dal parcheggio all’inizio del ponte.

Due volte l'anno
Due volte l’anno si svolge in Piazza “La Dona”, una festa popolare in cui si svolge una corsa di asini in stile tondo, nel miglior stile del Paleo de Siana.Shutterstock

Civita ha solo quattro ristoranti, uno o due bar e solo due o tre negozi di souvenir. Niente scuola, niente ragazzi, niente farmacia, niente polizia. Per fare un acquisto, i suoi 11 cittadini devono lasciare Civita attraverso il ponte – a piedi, in un veicolo 4×4 di proprietà di una moto o di un comune, portando avanti e indietro le disposizioni. Piazza San Donato è la piazza principale e unica di Civita, con più gatti che persone. Nonostante l’aspetto rinascimentale che fu sede arcivescovile fino al terremoto del 1695, esiste una sola chiesa del VII secolo. Due volte l’anno si svolge in Piazza “La Dona”, dove in una rotonda si svolge la famosa sagra, con corse di asini nel miglior stile del Paleo de Siena.

READ  Campione del mondo spara alla morte in Italia

Rosanna Medori è nata 74 anni fa a Civita. È in pensione e vive in un’antica casa in pietra di proprietà dei nonni con un grande camino a pochi metri da Plaza San Donato. I suoi genitori erano produttori di olio e vino della valle visibile nella finestra 400 metri più in basso. Man mano che cresceva, a Civita vivevano ancora circa 300 persone. “Vivevamo meglio, era qualcos’altro, era così diverso, così bello. Ricordo di aver suonato in giardini che ora non ci sono perché sono rotti”, ha detto a LA NACION. Una delle sue due figlie, che vive a Pacnorgio con le nipoti, ha aperto diversi anni fa un ristorante al piano terra della sua casa. Conosciuto come “La Cantina di Arianna”, questo luogo è solitamente affollato ogni giorno a causa del crescente numero di turisti. «Guarda dov’è quel negozio di souvenir? Quella è la stalla di Lisa del nostro asinello», spiega Rosanna, mostrando una foto in bianco e nero dell’amato animale che ha bisogno di andare prima nei campi e poi in montagna. Una cartolina che non c’è più.

Ogni anno le pareti di Chivita perdono circa 7 centimetri e si stima che nuovi smottamenti rotoleranno in più argilla e vallata duff.
Ogni anno le pareti di Chivita perdono circa 7 centimetri e si stima che nuovi smottamenti rotoleranno in più argilla e vallata duff.Shutterstock

Mario Loretti, 72 anni, è uno degli 11 residenti a Civita. “Qui ci conosciamo tutti, siamo amici, ma se vuoi trovare più vicini devi andare al cimitero”, ha stuzzicato questo artigiano Collar, che è nato a Pacnoregio, ma vive stabilmente a Civita da oltre 40 anni . Sua moglie, Ivana, decise di aprire un negozio di souvenir per “Cividonica” (come si dice a “Nyc”).

Come si convive con l’ascesa dei “moribondi” – già qui scoperti da Federico Fellini Strada– Cosa è diventato di moda e dove molti VIP organizzano case di lusso e P&P? “Da un lato sono felice, ma dall’altro è un gran fastidio”, ammette Mario, condannando l’effettiva invasione dei turisti “Touch and Go”, che vengono e a volte non mangiano, fanno foto. Lasciare. “Quando siamo venuti a vivere qui nel 1978, Civita era incantata, e ora non lo è”.