Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: 5 isole poco conosciute di Venezia per vivere l’occhio del locale

Vetro di Murano, Pizzo di Murano. Venezia ha i suoi classici. Stanchi di andare in piazza San Marco, di farti infastidire dai piccioni, migliaia di telecamere puntate ovunque, iscriviti a tutte le code per visitare la chiesa, il Palazzo Ducale o il campanile, e fermati alla rampa. Il ponte sul fiume Di Palazzo, da cui si può salire sul mitico Ponte dei Sei, in gondola (budget permettendo) o in vaporetto, salire nei pressi di Rialto e visitare, se il tempo lo permette, la Cappella della Salute o la collezione d’arte dell’Accademia. Se sei molto fortunato, prendi mezza giornata o un’intera giornata di tutto questo, e il resto del tempo passa al pizzo e al cristallo.

Tuttavia, non è lo spirito del viaggiatore che vuole una città in tre giorni, non il contrario. Chi è stato a Venezia in crociera o per un giorno non sa la verità. Si concentra sullo smascheramento dei turisti e sulla scoperta del suo fascino ricco e generoso, come il Rinascimento.

Veduta del Mulino di Stucky dal Canale della GiudeccaShutterstock

Nelle tue tasche segrete Serenissima Guardia Cinque isole con la storia. Tutti sono visitati, hanno le loro attrazioni individuali e hanno la loro cultura gastronomica. Venezia è un arcipelago e ogni isola ha una storia. Li prende tutti il ​​vaporetto. È necessario consultare le tabelle e andare da un capo all’altro. Prendi nota!

La maggior parte delle isole venete ha avuto in passato un ruolo specifico. Durante le invasioni napoleoniche, tutto il nucleo della chiesa, che divenne sanatorio per evitare di essere raso al suolo. Una giustificazione che ha permesso loro di restare operativi.

I suoi modelli e mostre sono vari e ampiamente pubblicizzati.
I suoi modelli e mostre sono vari e ampiamente pubblicizzati.Shutterstock

Tuttavia, la Venezia ribelle rimane al suo interno San Servolo (La leggenda narra che un giovane martire triestino, vissuto nel III secolo d.C., fece una croce con le mani in presenza di un grosso serpente, segno del rettile che si spacca in due) L’unico museo al mondo della follia

Uno dei diversi edifici di San Servolo, riflesso nelle acque venete
Uno dei diversi edifici di San Servolo, riflesso nelle acque veneteShutterstock

Un gruppo monache benedettine Vi fu stabilito nel febbraio 1109, ma l’attività del luogo iniziò nel 1725. Dopo molte fasi alterne di crudeltà e preoccupazione per i malati, nel 1935 il sito divenne un vero e proprio ospedale psichiatrico moderno, che includeva file investigativi e lavoro avanzato. Il trattamento funziona. Tra i risultati, gli esperti hanno identificato una forma di demenza derivante da una dieta a base di mais chiamata pellagra. Tutte le strutture possono essere visitate oggi, vedere le registrazioni dell’evoluzione del paziente e del laboratorio. Inoltre, ha uno spettacolare giardino, una vista unica sul resto dell’arcipelago e la maggior parte delle strutture universitarie locali si trovano lì.

Una veduta aerea di San Servolo può apprezzarne le dimensioni
Una veduta aerea di San Servolo può apprezzarne le dimensioni

Dicono che sia passato il più selvaggio dei barbari Isola di Torcello Durante le invasioni del popolo guidato da Attila, servì da rifugio a coloro che cercavano di sottrarsi alla sua presa.

Canali dell'Isola di Torcello
Canali dell’Isola di TorcelloShutterstock

Fu la più popolosa di tutta Venezia tra il V e il XV secolo, sebbene nell’ultimo censimento siano stati identificati solo 11 residenti. È molto vicino all’isola di Burano. Offre viste bellissime, tranquille e tranquille, con pochissimi visitatori, ma ottime opportunità fotografiche e Un’esperienza rurale con una sovrapposizione veneziana.

Fu la più popolosa di tutta Venezia tra il V e il XV secolo
Fu la più popolosa di tutta Venezia tra il V e il XV secoloLidia – 121603907

Le sue principali attrazioni sono i suoi due edifici religiosi: Cattedrale di Santa Maria del Azunda e Chiesa di Santa Fosca. Il primo fu fondato nel 639. È in stile romanico e presenta mosaici bizantini. In un’area è stato conservato un campanile, che può essere scalato per una vista panoramica dell’isola e della laguna. La Chiesa di Santa Fosca fu edificata nel 1100. Ha un bel portico.

Il trono di Attila
Il trono di Attila

Nei resti archeologici, all’aperto e con accesso pubblico, è conservato il trono, che Attila usato In una delle tue visite. Le spose possono aspettare il matrimonio.

READ  L'Italia aggiunge 2.455 casi e le epidemie continuano ad aumentare

Stanchi del traffico turistico, stufi delle valigie che passano in ogni momento, infastiditi dalle persone sedute sui monumenti a mangiare i panini comprati durante il viaggio, i veneziani continuano a lasciare l’isola principale. A soli 500 metri dalla Venezia classica, i rifugi si trovano di fronte.

L'isola della Giudecca è dove vivono i veneziani
L’isola della Giudecca è dove vivono i venezianiShutterstock

Il Carina È un’oasi di pace dove si svolge la vera vita locale. Destinato in passato a grandi insediamenti industriali, dopo un periodo di abbandono, vi furono valutate e installate tutte le strutture. Gallerie d’arte contemporanea e alcuni importanti progetti alberghieri come l’Hilton Ha restaurato lo stabilimento più grande d’Europa, Stuckey.

La Chiesa del Santissimo Redentore, o Il Redentore, è una chiesa cattolica romana del XVI secolo situata sull'isola della Giudecca, a Venezia, in Italia.
La Chiesa del Santissimo Redentore, o Il Redentore, è una chiesa cattolica romana del XVI secolo situata sull’isola della Giudecca, a Venezia, in Italia.Shutterstock

Uno dei suoi classici Chiesa del Redentore Fondata nel 1577 per celebrare la fine della peste. Artisti Artgiani del Ciostro Si tratta di un antico monastero trasformato in residenza di artisti locali: pittori, esperti di vetro e metallo. Magic è il luogo perfetto per visitare Venezia Belmondo Cipriani Con il suo bellissimo bar in piscina.

Da non perdere: Un panificio locale a pochi passi dalla Chiesa del Redentore dove quotidianamente vengono fatte tutte le consuete marmellate locali.

Una dimora storica sull'isola della Giudecca
Una dimora storica sull’isola della Giudecca Shutterstock

Poveglia è stata abbandonata per anni. È stato scoperto Tra Venezia vera e propria e il LidoL’isola, che ospita un festival cinematografico annuale, è l’unica isola che accetta il traffico veicolare.

Si è guadagnato la reputazione di misterioso e oscuro grazie a un home video girato da un produttore inglese che simulava un documentario spettrale girato sull’isola. Era noto per essere maledetto e soprannominato “l’isola dei morti”.

Oggi l'isola di Poveglia è un fulcro di attività artistiche e un'oasi verde di pace e tranquillità.
Oggi l’isola di Poveglia è un fulcro di attività artistiche e un’oasi verde di pace e tranquillità.

La verità è che un vecchio ospedale è scolpito nel suo passato ed è stato un lebbrosario per decenni. In seguito divenne una fortezza militare e alcune delle sue strutture simili a fortezza come il Pentagono, costruito per scongiurare le invasioni, sono ancora conservate.

READ  Meglio confrontare con l'Italia - El Financiro

Alcuni decenni fa, nell’ambito di un piano di ripristino dei luoghi dell’arcipelago, il Govt Serenissima Chiamato a gara Poveglia. Alcune delle manovre mal concepite sono state denunciate dai locali, che hanno formato una cooperativa a cui sono state concesse concessioni per 99 anni. Oggi l’isola è un fulcro di attività artistiche e un’oasi verde di pace e tranquillità.

San Lazaro Tekli Armenia È una perla nascosta, non importa chi la visiti. Nonostante la sua prima popolazione fosse una colonia di lebbrosi, nel 1717 il linguista e teologo armeno Mkhitar Sevastii (Mukitar Sevastii (Manuk di Pierto), sfuggendo alla persecuzione dei Turchi, si rifugiò su quest’isola e diede vita ad un monastero che ne pose le basi per lo sviluppo della letteratura armena moderna. Fu qui che Lord Byron studiò lingua e cultura.

La biblioteca di San Lazaro conta più di 150.000 volumi in diverse lingue
La biblioteca di San Lazaro conta più di 150.000 volumi in diverse lingue

Il suo museo conserva dipinti, manoscritti, elementi di antiche chiese, monumenti unici e artigianato. Tra una visita e l’altra puoi accedere alla più grande biblioteca del mondo di incunaboli e manoscritti armeni. Il primo dizionario della lingua armena, scritto tra il 1749 e il 1769, fu ampliato e aggiornato dal 1836 al 1837. Tra le sue pietre editoriali c’è un altro brano composto dal maestro del monaco tra il 1781 e il 1786. Michael Samzian ha compilato la prima storia moderna dell’Armenia in tre volumi. Inoltre, sono conservati più di 150.000 volumi in diverse lingue. Un altro pezzo famoso che reggono le sue pareti è una mummia egiziana in perfette condizioni. C’è anche una scuola per traduttori. In questa chiesa vivono i monaci della setta mechitarista. In esso puoi assistere a una messa sotto il rito armeno.

READ  Germania vs. Italia e Polonia vs. Belgio: Time, live TV e streaming in Argentina

Un tour stimolante per parlare della Venezia turistica.