Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele: L’opposizione ha annunciato la formazione di un nuovo governo senza…

Dopo settimane di dure trattative per concludere un’alleanza Per la prima volta in 12 anni, il Primo Ministro può essere rimosso dal potere Benjamin Netanyahu, centro, Yair Lapid annuncialo Sono riuscito a formare un governo in Israele. Se il Parlamento lo ratifica, La nuova coalizione di governo Sarà guidato dall’ultranazionalista Naftali Bennett per i primi due anni e sarà sostituito da Lapid nei prossimi due anni.

L’alleanza è così eterogenea che differisce su quasi tutte le questioni, Dal rapporto con i palestinesi, alla rinascita economica o al luogo della religione: il punto in comune tra loro è il desiderio di rovesciare Netanyahu., che ha preso il potere in 25 anni e ha governato dal 1996 al 1999 prima di essere rieletto nel 2009. Noto per la sua sopravvivenza politica e per essere stato inseguito dalla giustizia in tre casi di corruzione, la sua fine al governo era vicina.

Lapid ha assicurato al presidente israeliano Reuven Rivlin che “questo governo farà tutto ciò che è in suo potere per unire tutti i settori della società israeliana”.Informandolo attraverso un comunicato che ha raggiunto il numero di seggi necessari per prendere il potere. “Mi congratulo con te e con i leader del partito per aver accettato di formare il governo.. Speriamo che la Knesset si riunisca il prima possibile per approvare l’autorità esecutiva”. Rivlin.

“Questa è una notte di grande speranza. Mi congratulo con i miei partner nel Blocco del cambiamento e auguro allo Stato di Israele un grande successo”.Il ministro della Difesa israeliano ha twittato, Benny Gantzche può mantenere la sua posizione nel prossimo governo. I media locali hanno anche riferito che il portafoglio della giustizia sarà riempito dai mentori Sar, mentre Avigdor Lieberman si occuperà delle finanze.

READ  Il segretario generale delle Nazioni Unite ha chiesto un "arresto immediato" dell'offensiva talebana in Afghanistan

I due principali leader di questa nuova alleanza, che a rotazione anche nella carica di primo ministro nel prossimo periodo se approvata, sono Yair Lapid e Naftali Bennett. La variegata coalizione comprende anche gli ultranazionalisti di Lieberman Yisrael Beitenu e New Hope di Saar, le forze più moderate di Gantz, Blue and White, Labour e Meretz, due forze considerate di centrosinistra, e il partito islamista palestinese Raam. L’ultima volta che un partito arabo ha sostenuto un esecutivo, pur non entrando, Risale al 1992 durante la “Regola della pace” di Yitzhak Rabin.

Tutte queste forze erano necessarie per Lapid e costruite per ottenere il sostegno di 61 seggi alla Knesset che Netanyahu e il suo partito Likud non sono stati in grado di ottenere negli ultimi anni. Nonostante la vittoria della prima minoranza in elezioni consecutive. Adesso Lapid avrà sette giorni per distribuire i portafogli e conquistare la fiducia in parlamento. Secondo la stampa israeliana, il presidente della Knesset e il leader del partito al governo Likud, Yariv Levin, cercheranno di rinviare il voto di una settimana nella speranza di far cadere l’accordo anti-Netanyahu in quel momento.

Centinaia di manifestanti, sostenitori e oppositori dell'”Alleanza per il cambiamento” si sono riuniti davanti all’hotel dove si sono svolte le discussioni fino a mercoledì sera tardi, sventolando bandiere israeliane, nel mezzo di una vasta operazione di polizia.

All’interno della variegata coalizione di governo, La nomina dei membri del Comitato per le nomine giudiziarie rimane una grande controversiaAyelet Shaked, numero due di Yamina e sostenitrice di una profonda riforma giudiziaria, punta a prendere il posto che è stato assegnato al leader laburista Merav Michaeli.

READ  Un regista iraniano è stato ucciso dai suoi genitori perché single

Un altro ostacolo sarà Chiedere a Mansour Abbas, leader del partito Al-Raam, di abrogare la legge del 2018 che, secondo lui, ostacola la costruzione nelle società arabe.. Giornale Posta di Gerusalemme Ha sottolineato che Abbas ha negoziato fino alla fine in parallelo con Netanyahu e quando ha offerto il commento, il leader islamista palestinese ha chiesto lo stesso a Yebid e Bennett. “La decisione è stata difficile e c’erano molte differenze, ma era importante raggiungere accordi”, ha detto il leader del villaggio di Al-Ra’am.

Queste differenze evidenziano i limiti di Un’alleanza basata unicamente sulla volontà di rovesciare Netanyahu, che è stato primo ministro per 12 anni e che, essendo stato il primo a ricevere un mandato per formare un organo esecutivo, non è riuscito a formare la coalizione di destra che voleva.

Netanyahu sotto processo per corruzione in tre casi, realizzandolo Il primo primo ministro israeliano ad affrontare un procedimento penale mentre era in carica. Se il nuovo governo viene approvato in Parlamento e Netanyahu lascia finalmente il potere, diventerà un legislatore minore e perderà la sua influenza nel tentativo di approvare una legge che lo protegga dai suoi problemi legali.

Fino al momento del voto alla Knesset, e anche durante lo stesso giorno, nulla sarà chiuso e tutto può cambiare ora Gli accordi raggiunti dalle due parti mercoledì sono di natura politica e non sono giuridicamente vincolanti. I rappresentanti possono ancora ribaltare la loro posizione o addirittura votare contro la ratifica mentre prestano giuramento.

Mentre un membro di Yamina ha già annunciato che potrebbe votare contro la formazione del nuovo governo, altri hanno espresso dubbiPertanto, i prossimi giorni saranno cruciali per il proseguimento dei negoziati che assicurino i voti necessari. I partiti che non fanno parte dell’esecutivo, compreso il Likud, avranno invece la possibilità di porre il veto alla legalità degli accordi raggiunti nel tentativo di ostacolarne la formazione.

READ  Allarme nel Regno Unito: avvertono che l'alternativa...

Se si forma l’autoproclamato “governo del cambiamento”, Netanyahu si dimetterà dalla carica di primo ministro e continuerà a guidare l’opposizione attraverso il suo partito, il Likud. Inoltre, Israele uscirà da un blocco politico che dura da più di due anni, comprese quattro elezioni generali.