Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Iran: i giocatori non hanno cantato l’inno ei tifosi hanno protestato | Momento di tensione nell’esordio degli iraniani contro l’Inghilterra

11 giocatori dall’inizio della nazionale di calcio iraniana si sono astenuti dal cantare l’inno nazionale prima dell’inizio della partita in cui hanno perso contro l’Inghilterra 6-2 ai Mondiali in Qatar, a sostegno dell’ondata di proteste scoppiata lo scorso settembre in Iran per la morte della nazionale di calcio iraniana. Mahsa Amini dopo il suo arresto per non aver indossato correttamente il velo islamico. Ci sono state anche proteste da parte del pubblico accorso allo stadio

In settimana il capitano della squadra, Alireza Jahanbakhsh, ha annunciato che lo spogliatoio deciderà “collettivamente” se cantare o meno l’inno in segno di sostegno alle manifestazioni che hanno scosso l’Iran due mesi fa. Jahanbakhsh del Feyenoord ha sottolineato che festeggiare o meno un gol durante il Mondiale sarebbe una scelta “personale”. Quando Mehdi Taremi ha segnato i due gol persiani, li ha appena celebrati, anche se sembrava più per il punteggio, che all’epoca era 4-1, 6-2, che per una questione di protesta. Invece, mentre l’inno iraniano risuonava dal Khalifa International Stadium, gli undici giocatori stavano dritti, soli, i volti neutrali.

L’Iran ha assistito a un’ondata di proteste dall’uccisione, il 16 settembre, di Mohsa Amini, una donna curda iraniana di 22 anni, detenuta per aver violato rigidi codici di abbigliamento che impongono alle donne di indossare il velo in pubblico.

La nazionale iraniana si era già rifiutata di cantare l’inno nazionale in occasione dell’amichevole disputata in Austria contro il Senegal (1-1) il 27 settembre. I giocatori hanno poi indossato una giacca nera che nascondeva lo stemma nazionale, ei giocatori, la maggior parte dei quali chinando il capo, sono rimasti in silenzio.

READ  Un club italiano che si chiama Di Maria: vogliono che sostituisca un'altra figura della nazionale argentina

Molti atleti di altre discipline hanno anche scelto di non cantare l’inno nazionale, celebrare le vittorie o indossare una fascia nera durante gli eventi sportivi. Il 6 novembre, durante un torneo internazionale di beach soccer a Dubai, uno dei tornei più prestigiosi della disciplina, anche la squadra iraniana ha compiuto un gesto simile, costringendo la televisione di stato a interrompere la diretta.

Durante la partita finale, vinta contro il Brasile (2-1), i giocatori sono rimasti in silenzio al momento della consegna del trofeo. Il proprietario del gol vincente ha espresso la sua solidarietà al movimento di protesta e alle donne in Iran, fingendo di tagliarsi i capelli con le dita.

Fuori dagli stadi molti atleti, in pensione o attivi, hanno scritto sui social messaggi di sostegno alle proteste. L’ex giocatore del Bayer Monaco Ali Karimi, che vive all’estero e la cui casa è stata confiscata dalle autorità, è uno dei giocatori più attivi. E ha rifiutato l’invito della FIFA e dell’organizzazione della Coppa del Mondo ad andare in Qatar per vedere la competizione dal vivo, così come la leggenda del calcio iraniano Ali Daei.

Anche i manifesti sugli spalti ne indicavano la presenza. (EFE)

Anche sugli spalti

“Donna.. Vita.. Libertà” Con questi manifesti, i tifosi iraniani al Khalifa International Stadium di Doha hanno protestato contro la situazione nel loro paese.

Con lacrime, manifesti e richieste come “Racconta la nostra storia”, il popolo iraniano, maggioranza nel duello tra Inghilterra e Iran, ha protestato durante la seconda partita dei Mondiali.

Molti occhi sono puntati su Serdar Azmoun, l’attaccante del Bayer Leverkusen e miglior giocatore della squadra. Azmoun, subentrato lunedì, che non gioca per infortunio da fine settembre, ha postato diversi messaggi sui social a sostegno della rivoluzione, che gli è quasi costata il posto in Nazionale.

READ  Un nuovo giovane ha fatto il suo debutto al Boca e l'immagine calcistica della sua infanzia si è diffusa in rete