Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Intervista ad Alberto Fernandez: “Ci sono stipendi in ritardo e cercheremo di aiutarli” | Ricompensa per i lavoratori interni al governo e alla guerra in Europa

Quando il sole tramonta a Parigi e il pomeriggio autunnale comincia a rinfrescarsi, capo Alberto Fernandez Ha fatto una pausa di mezz’ora al suo tour e si è recato all’Ambasciata argentina in quella città – un edificio in stile Belle Époque ben conservato – per parlare con i giornalisti accreditati che lo hanno accompagnato durante il suo viaggio. Non solo il presidente ha valutato la sua permanenza in Francia, dove ha partecipato a un forum di pace e ha partecipato a sei attività con il presidente francese Emmanuel Macron – la maggior parte delle quali si è concentrata sul tentativo di trovare modi per fermare la guerra tra Russia e Ucraina – ma ha anche preso pochi minuti per parlare dei temi più importanti dell’agenda argentina.

Fernandez lo ha confermato Il governo fornirà bonus di fine anno ai lavoratori registratiAnche se non ha specificato l’universo che avrebbe raggiunto o la magnitudine e ancora una volta ha cercato di chiuderlo Discussione sul passaggio Meno di una settimana prima del discorso del vicepresidente, Cristina Fernandez de KirchnerGiornata dell’estremismo. Entrambe le questioni sono controverse all’interno del partito al potere.

Dopo i tre giorni di permanenza nella Città delle Luci – il cui nome deve essere cambiato in questo momento perché a causa della mancanza di potere a causa della guerra, alle dodici di notte è tutto buio – il presidente volerà circa 20 ore all’isola di Bali, in Indonesia, dove parteciperà al vertice dei leader del G20. Lì incontrerà nuovamente Macron e i leader del Gruppo dei Sette. Terrà un incontro con il Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden e gli altri responsabili del Global Infrastructure Program; Uno è bilaterale con il suo omologo cinese, Xi Jinping, e l’altro è con il capo del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva.

– Perché il governo ha scelto di premiare i lavoratori e non l’importo fisso richiesto da altri settori del partito al governo?

– Perché la baritaria in Argentina è perfettamente funzionante e l’interferenza con un importo fisso ai salari più bassi genererebbe molti problemi. La maggior parte di questi stipendi sono nei comuni e nelle piccole imprese e il rischio è di creare loro un problema finanziario. Le piccole imprese possono risolverlo spostando i propri dipendenti nella funzione informale. Quello che dobbiamo recuperare è lo stipendio di tutti, compresi quelli con redditi bassi, e siamo fiduciosi che il metodo della parità sia appropriato. In caso di emergenza, verso fine anno, siamo consapevoli che ci sono più stipendi differiti e cercheremo di aiutarli.

READ  La CIA ha separato Cuba dai presunti attacchi acustici contro i diplomatici statunitensi | Questo era l'argomento di Trump per imporre nuove sanzioni all'Avana

– Quando sei?

– Quando arriveremo a Buenos Aires lo vedremo.

– Passerà un anno dalla legge del Mujahid Day, in cui si proponeva di liquidare le nomine nel Grande Interno. Pensi ancora lo stesso? Sei sicuro delle tue possibilità di essere rieletto?

– Pensavo che a Parigi avremmo evitato queste cose, ma vedo che anche Parigi non mi fa evitare queste cose. Quello che ho detto il 17 novembre è ciò in cui credo. L’idea di Cristina (Kirchner) di creare PASO è stata un’idea brillante per aprire i partiti politici e impedire che diventino un luogo chiuso per i leader. Lo apprezzo molto e lo difendo sempre. Il resto è speculazione. Manca un anno. Quello che mi preoccupa è che le stesse persone che hanno messo in ginocchio l’Argentina davanti al mondo, hanno fatto precipitare nella povertà vasti settori della società e lasciato il paese gravato da debiti per generazioni, non vinceranno più. Farò tutto il necessario per assicurarmi che ciò non accada.

Riguardo alla guerra in Ucraina e alle tue conversazioni con Macron: hai intenzione di presentare una proposta concreta al G-20? Hai intenzione di viaggiare da qualche parte nel mondo per incontrare le parti e vedere se è possibile raggiungere un accordo?

Non dovrebbe essere una proposta per un singolo paese, ma piuttosto una proposta più ampia. La discussione deve lasciare l’emisfero nord e spostarsi in tutto il mondo. La FAO prevede una carestia fino a 300 milioni di persone, principalmente dall’emisfero sud. Dobbiamo uscire dalla logica bellica dei due combattenti e cercare una soluzione globale. Tutte le parti devono inoltre impegnarsi a non utilizzare armi nucleari ea non bombardare le centrali elettriche. Ringraziamo Dio che ci capiamo così bene con Macron e spero di poter fare un passo in quella direzione al G-20.

READ  I radicali mapuche rivendicarono incendi di capanne, sale da pranzo e una cappella nel sud del Cile

– A Bali incontrerai Kristalina Georgieva, parlerai del tema dei supplementi e di una possibile riduzione? Il FMI, come ha fatto con la pandemia, creerà un fondo di emergenza?

Nell’ultima conversazione telefonica che ho avuto con lei lei Gli ho messo queste due cose. Ho fatto notare come gli effetti della guerra danneggino il mondo intero, non solo l’Europa. Con lui ho anche influenzato la necessità di una revisione finale delle maggiorazioni, meccanismi molto iniqui che colpiscono i paesi più colpiti dal debito e che, peraltro, sono in Argentina a causa di un indebitamento totalmente irresponsabile. Ho chiesto di nuovo a Macron la stessa cosa. Ho chiesto alla Francia di accompagnarci con la proposta e gli ho ricordato che le tasse aggiuntive sono pagate anche dall’Ucraina. Questo è un ottimo momento e, come la Georgieva ha pubblicamente affermato più di una volta, i programmi del Fondo vengono rivisti sulla base di quanto accaduto con la guerra.

Cecilia Todesca è la candidata argentina alla presidenza della Banca islamica di sviluppo. Qual è l’obiettivo del governo? Come nascono le trattative dal punto di vista regionale?

– Abbiamo fortemente criticato la posizione degli Stati Uniti quando hanno nominato Mauricio Clavier Caroni a capo della Banca islamica di sviluppo. Ha rotto con la tradizione perché sin dal suo inizio la presidenza è stata nelle mani delle nazioni latinoamericane. Ho sempre voluto che arrivasse attraverso una decisione del governo degli Stati Uniti di annullare questa proposta e indire nuovamente le elezioni, ma non è successo. Il presidente che ha proposto gli Stati Uniti se n’è andato per altri motivi. La Banca islamica di sviluppo è stata fondata nel 1959 e l’Argentina è uno dei maggiori contributori, secondo solo agli Stati Uniti. Tuttavia, non abbiamo mai guidato la Banca islamica di sviluppo. Abbiamo le qualifiche necessarie ed è importante che la candidata sia una donna. Stiamo dialogando con i vertici della regione perché non si tratta di imporre un candidato ma di raggiungere un consenso.

READ  Javier Milei atacó al papa Francisco por critico la evasión impositiva | Via Twitter

– Nell’incontro che ha tenuto con Macron e il presidente colombiano Gustavo Petro con i negoziatori venezuelani, si è parlato di porre fine all’embargo economico e alle sanzioni. Gli Stati Uniti hanno un ruolo importante lì, ci sono stati contatti con la Casa Bianca o il Dipartimento di Stato o il Segretario del Tesoro?

– Il Consiglio di sicurezza degli Stati Uniti conosce molto bene la mia posizione su questo punto e la mia posizione su questo tema. Ieri siamo riusciti a convincere chi deve discutere, i venezuelani, a sedersi di nuovo a un tavolo. Se i venezuelani raggiungeranno un accordo, le due parti si renderanno conto che una delle parti è più chiara dell’altra, mi sembra che le sanzioni economiche non colpiscano centralmente il governo del Venezuela, ma piuttosto il popolo venezuelano. Le sanzioni economiche non provengono solo dagli Stati Uniti. Venerdì, ad esempio, l’Unione Europea ha esteso le sanzioni contro il Venezuela. Abbiamo bisogno che tutti esaminino questo problema e chieda alle parti venezuelane di restituire le risorse che sono state portate al Venezuela.

Nell’ultima conversazione che ho avuto con Jake Sullivan, il principale consigliere per la sicurezza di Biden, ne hanno discusso e sono propensi ad andare avanti?

No, l’ultima conversazione che ho avuto con Sullivan non riguardava il Venezuela. Comunque, capisco che sia una questione complicata per gli Stati Uniti e dovremmo anche rispettare i loro tempi. Spero che gli Stati Uniti, come noi, abbiano un appello a ripristinare la convivenza democratica e le piene istituzioni in Venezuela.