Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Inter, l’ultima vittima della bolla cripto: 85 milioni di dollari non pagati

Il mondo delle criptovalute continua ad espandersi negli ultimi anni. La sua ascesa sembra inarrestabile e la sua penetrazione in mercati potenti come il calcio è una realtà da molto tempo. Le strategie di marketing di queste società di criptovalute devono essere aggressive per entrare nella mente del consumatore e a volte sono andate troppo oltre, promettendo numeri che non potevano raggiungere per la pubblicità.

Il calcio, il solito sospettato di cadere ripetutamente in questo tipo di trappola che lascia enormi buchi economici, ha già la sua prima grande vittima della criptovaluta. Il Inter di Milano È lui che ha pagato l’infermiera per questa nuova bolla. La squadra italiana dovrà ora riconciliare i conti per poter saldare i conti per ottenere la lunga lista di milioni di euro che ha… che non hanno ancora visto da nessuna parte.

azienda bit digitale Hanno scommesso molto sull’Inter e le due parti hanno raggiunto un accordo che questo marchio sarà lo sponsor principale del club. Tuttavia, ora negli uffici San Siro Vedono come le promesse non sono state mantenute, i soldi non sono arrivati ​​sul conto in banca del club e sono costretti a cercare alternative attraverso uno schema improvvisato.

Gagliardini, dell’Inter, ribatte in pallone d’aria.

Inter di Milano

cometa

DigitalBits è la società che, se non cambia nulla, lascerà un buco nei conti dell’Inter. Questo marchio è definito come “una blockchain open source di facile utilizzo utilizzata per alimentare le risorse digitali”. L’ascesa delle criptovalute ha consentito a questo tipo di attività di raggiungere tale popolarità e l’opportunità di non vedere l’ora di sponsorizzare offerte forti come il calcio.

Questo lavoro ha persino creato una fondazione i cui obiettivi principali sono “scommettere sull’innovazione e adottare DigitalBits per migliorare l’esperienza del consumatore”, nonché “iniziative di responsabilità sociale d’impresa”, tra le altre attività.

READ  Il Paris Saint-Germain Lionel Messi ha prevalso fin dall'inizio contro il Clermont e si conferma al vertice del campionato francese

Questo marchio ha avuto un’enorme espansione negli ultimi tempi, soprattutto nel mondo del calcio. Tale è il suo potenziale, che alcuni dei simboli più importanti di questo sport negli ultimi anni, come gli ex giocatori David Beckham anche Francesco Totti Sono diventati ambasciatori del marchio.

[Marcelino y Luis de la Fuente, candidatos a seleccionador si Luis Enrique no continúa tras el Mundial]

Il suo rapporto con l’Inter

L’associazione di questo marchio di criptovalute con l’Inter non è nuova. Già durante la scorsa stagione DigitalBits è stato sponsor della squadra italiana, anche se in maniera un po’ più discreta. Il logo di questo marchio è apparso sulle maniche della maglia ufficiale del gioco, ma questo luogo è sempre così poco appariscente che agli occhi di molti fan può passare inosservato.

Tuttavia, di fronte a questa nuova campagna 2022/2023, la società di criptovalute ha fatto un passo avanti ed è diventata main sponsor dell’Inter. Il club l’ha vista con occhi buoni. Aveva già esperienza con il marchio e vedeva un’opportunità adeguata nel mercato vendendo lo spazio frontale della sua maglia da gioco, ovviamente, in valute virtuali.

L’affare sembrava buono. 85 milioni di euro per un contratto quadriennale che dava stabilità e assicurava un reddito elevato. Dall’altra l’Inter, uno dei club più forti Italia e la sua cameriera scudo L’anno scorso ho presentato una visione in una serie E anche in un concorso come segue Champions League.

La pubblicità non si limitava solo alla maglia della prima squadra, ma anche ad altre partite. Il marchio della criptovaluta deve apparire sui social del club (sito web, social network…) e anche le squadre femminili e la Primavera, la filiale, indosseranno questo marchio sul petto.

READ  "Maradona e Messi sono stati i migliori"

i problemi arrivano

Tuttavia, questo rapporto è passato dall’essere una grande opportunità per l’Inter a essere un vero problema. Quello che sembrava essere un lungo e utile accordo ha portato a seri problemi che minacciano la sopravvivenza dell’entità italiana.

Ci sono voluti solo pochi mesi prima che le cose peggiorassero. azienda bit digitale Non rispetta il calendario di pagamento stabilito per questa sponsorizzazione e l’accordo sta per esplodere. Ci si aspettava che l’Inter guadagnasse circa 25 milioni di euro per questa prima stagione con il marchio di criptovaluta come sponsor principale, ma l’unica cosa che hanno visto finora sono zero euro.

In questi primi mesi di stagione, DigitalBits ha dovuto pagare per la prima partita e per il momento non è venuto fuori. L’Inter ha insistito per rivendicare la propria quota più di un mese fa, ma finora i soldi non sono stati trasferiti sul conto della squadra di calcio.

Tutto si fa più cruento per la squadra che gioca a San Siro quando vede che questa stessa società è sponsor anche di un altro club di serie A, e che con questo club non ha problemi a pagare. DigitalBits sponsorizza anche Romauna delle grandi bande italiane, ma nel complesso romano non sono stati segnalati casi di debiti da parte della compagnia.

Alessandro Antonello e Stephen Zhang, nell'area dell'Inter

Alessandro Antonello e Stephen Zhang, nell’area dell’Inter

READ  ginnastica contro Studenti ancora fuori: le azioni di Bolga Rodriguez contro Leandro Diaz

Piero Crociati/La Presse via ZUM/DPA

Addio criptovaluta

Di fronte a questa situazione di default, l’Inter è intervenuta nelle ultime settimane. Fin dall’inizio, sia la squadra femminile che la controllata DigitalBits hanno ritirato la sponsorizzazione delle magliette per inadempimento contrattuale. Lo ha già fatto diverse settimane fa e non si tirerà indietro da questa decisione, ma andrà oltre.

Sul sito non c’è più traccia di questa società crittografata. Il resto dei collaboratori del club italiano compare nella scheda sponsor, ma non c’è in alcun modo il nome o il logo del brand che fino a poco tempo fa era il principale supporto.

Il nome DigitalBits continua comunque ad apparire sulle maglie della prima squadra, anche se lo sarà per poco. È il grande spettacolo per il resto del mondo ma le sue ore con questa sponsorizzazione sono contate. A partire da ottobre, le criptovalute scompariranno del tutto dal petto dei calciatori e il legame tra le due finirà per cedere il passo a un grave fallimento.

L’Inter sta ora valutando diverse opzioni per coprire il gap che resterà sul davanti della maglia del gioco. Gli italiani hanno iniziato a lavorare alla ricerca di un nuovo sponsor, anche se sapevano che non sarebbe stato facile a questo punto. Un’altra alternativa è mostrare il logo di alcuni enti di beneficenza a nome di Squadra di calcio del Barcellona insieme a UNICEF anni fa. Per ora la maglia dell’Inter sarà vuota e anche le casse.