Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Intel e l’Italia finalizzano un accordo da 5.000 milioni per costruire una fabbrica di assemblaggio di chip | Aziende

L’Italia si sta avvicinando a un accordo da 5.000 milioni di dollari (circa 4.920 milioni di euro) con Intel per costruire un impianto di assemblaggio di chip nel paese, ha riferito Reuters, citando fonti che hanno familiarità con la questione. Il movimento avviene Nel mezzo di una guerra di sussidi tra Stati Uniti, Cina ed Europa per attirare fabbriche di chip, consentirà una maggiore libertà tecnologica affrontando problemi di fornitura di questi piccoli componenti, che sono sempre più rilevanti per tutte le industrie e le economie. il futuro.

L’investimento di Intel in Italia rientrerebbe nel piano della società di chip statunitense di investire circa 80 miliardi di dollari in stabilimenti in Europa. La suddetta società promette che un annuncio ufficiale su questa nuova infrastruttura sarà dato alla fine di agosto, in vista delle elezioni legislative in Italia del 25 settembre. E il governo italiano dovrebbe contribuire per il 40% dell’investimento totale.

Lo scorso marzo, Intel ha annunciato un mega-investimento di 17.000 milioni di euro per aprire una fabbrica di chip all’avanguardia a Madgeburg (Germania). Creerà 7.000 posti di lavoro nell’edilizia e 3.000 posti di lavoro a tempo indeterminato e dovrebbe essere operativo entro il 2027. Successivamente, anche la multinazionale americana ha preso l’iniziativa per mantenerla Trattative con il governo italiano per la realizzazione di una fabbrica Estremità posteriore L’ultima generazione italiana, con un investimento di 4.500 milioni. L’impianto, che creerà circa 1.500 posti di lavoro in Intel e altri 3.500 tra fornitori e partner, sarà operativo tra il 2025 e il 2027.

Gli accordi Intel vengono dopo La Commissione Europea ha annunciato a febbraio di quest’anno che approverà lo European Chip Act per investire oltre 43.000 milioni di euro. E garantire che il 20% dei chip mondiali sia prodotto nell’UE entro il 2030 (rispetto al 10% attuale). Tale importo include investimenti sociali già approvati nei programmi NextGenerationEU e Horizon Europe per un valore di 30.000 milioni di euro. Tuttavia, la rilevanza di ciascuno di questi accordi nel quadro rigoroso degli aiuti sociali di Stato rimane poco chiara.

READ  Franklin Sarath realizza il sogno di viaggiare in Italia - Guatemala Ultime notizie

Secondo Reuters, Intel e il governo italiano stanno valutando diverse località per costruire la fabbrica, tra cui Lombardia, Puglia e Sicilia, e sono in trattative con MEMC Electronic Materials Inc di Taiwan e TSMC, STMicroelectronics e altri produttori di chip. Intel ha acquisito Israeli Tower Semiconductor all’inizio di quest’anno.

L’investimento in Italia, se procederà come previsto, supererà quello annunciato da Intel in Spagna. La società ha finora annunciato che investirà 200 milioni in 10 anni Per costruire un laboratorio pionieristico di progettazione di microchip (a cui il governo spagnolo ne aggiungerà altri 200). Il Barcelona Supercomputing Center, o National Supercomputing Center, ospiterà il laboratorio del processore RISC-V, che impiegherà da 250 a 300 dipendenti.

L’accordo tra Intel e l’esecutivo di Pedro Sánchez è avvenuto nell’ambito di Perte de los microchips, da cui arriveranno i finanziamenti pubblici per il progetto. Spagna ed Europa dovranno lottare duramente per attrarre investimenti legati al business dei chip in un contesto di accresciute tensioni tra Stati Uniti e Cina. Entrambe le potenze hanno trasformato i semiconduttori, il cervello dei dispositivi elettronici, in campi di battaglia nella loro lotta per la supremazia tecnologica. Europa e Spagna potrebbero essere ai margini degli investimenti più importanti se l’approvazione della normativa CHIP e l’attuazione, rispettivamente, del CHIPS Berte non saranno accelerate.

Washington ha approvato uno stanziamento di 52.000 milioni di dollari per attirare la produzione di chip nel Paese e la Cina ha investito oltre 150.000 milioni di dollari fino al 2030. E come ha recentemente affermato il CEO di Intel Pat Gelsinger alla conferenza di Aspen, i chip sono ora strategici quanto i combustibili fossili. “[La ubicación del] Il petrolio ha definito la geopolitica negli ultimi cinque decenni, ma favoloso [fábricas de chips] daranno forma ai prossimi cinque”.

READ  L'Italia chiede assistenza turistica e meno restrizioni per l'estate

Poche ore dopo arriva anche la notizia di Intel con l’Italia La visita della presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan ha ulteriormente esacerbato le tensioni tra Stati Uniti e Cina. Taiwan, uno dei principali attori nel settore dei semiconduttori, era nell’occhio del ciclone. Il politico statunitense ha tenuto un incontro con i direttori di TSMC lo scorso mercoledì, dove ha parlato di una nuova legge statunitense sui chip che impedirebbe ai produttori di sovvenzioni di investire in impianti in Cina per 10 anni, e ha chiesto la cooperazione nei settori tecnologici. Codice.