Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Indebolito Alberto Fernandez Presidente del Consiglio Sergio Massa

È stato il meme che ha raccolto più click sulle reti nelle ultime ore. Alberto Fernandez Al telefono ha detto: “Ciao Christina, scusa per il tempo: che posizione ho?” La foto non è andata bene a Casa Rosada. Ma l’ironia illustra una dura verità: La situazione di un presidente assediato, debole, senza progetti di rielezione nel 2023 e con tutte le sorti del suo governo legate alla determinazione di Sergio Massa o al malumore del vicepresidente.

L’Alberta è già una manciata di leader che circondano il capo dello Stato per inerzia e pregano solo per arrivare illesi alla fine del prossimo anno per svolgere il mandato. Parente e amico di Alberto Fernandez Confronta la situazione del presidente con quella del presidente italiano Sergio Mattarella Che è rimasta, in questi giorni, una farsa dopo le dimissioni di Mario Draghi e in attesa della sorte del presidente del Consiglio che arriverà a causa delle elezioni anticipate.

“Alberto è molto debole e conta su Massa e Cristina per arrivare alla fine”, dice il ministro degli Esteri. Lo schema traduce che l’arrivo di Super Massa al potere fa solo presagire una fragilità ancora maggiore del presidente.

Nell’entourage di Alberto Fernandez hanno salvato uno slogan unanime: la decisione di procedere con un profondo cambio di ministri è stata attuata solo come antidoto per garantire l’unità del fronte di tutti ed evitare il collasso dell’economia.

Lo confermano coloro che nelle ultime ore hanno parlato con il presidente Alberto Fernandez è molto soddisfatto dell’arrivo di Massa e delle modifiche apportate. Non solo: crede che il movimento dei chip gli farà bene per arrivare indenne a dicembre del prossimo anno e migliorare l’economia argentina. Anche se ammettono che il progetto di rielezione del 2023 è già stato abbandonato. È un papiro rotto e senza alcun ritorno.

rieletto

“Non è il momento di riflettere sulle ambizioni personali. Dobbiamo sostenere Alberto nella peggiore crisi dell’Argentina dal 1945 ad oggi. Pensare alla sua rielezione oggi sarebbe irrispettoso”, ha detto. lo storico Segretario Parlamentare del Capo di Stato Maggiore e Leader del Movimento Evita, Fernando “Chino” Navarro.

Non è l’unico a credere che l’arrivo di Massa dovrebbe rafforzare l’unità della FdT e scongiurare una crisi economica più profonda.

READ  Le azioni possono continuare a diminuire nonostante resistano all'impatto dell'incertezza politica ed economica

Ancora novità: il casting principale di Alberto e Mansour e le nuove dimissioni del ministro del Commercio

Forte discorso di Nicholas Pinault, capo di SRA: “Chiediamo la completa liberalizzazione dei mercati”

Nel nuovo schema energetico Alberto Fernandez è stato in grado di potenziare solo una manciata dei suoi uomini di fiducia: Ministro dei Lavori Pubblici Gabriel Katopudis, Per consolidare il tuo portafoglio e rimanere con il trasferimento; Giovanni Manuel Olmos Per passare la carica di Vice Capo di Stato Maggiore e Miguel Pesce che rimarrà in BCRA. Il resto è stato condiviso tra Massa e Christina Kirchner.

Mercoledì sarà annunciato un pacchetto di misure messe in atto dalla squadra di Superminster Massa Verrà concordato preventivamente con Cristina Kirchner e Alberto Fernandez. Il destino del presidente è legato a quelle decisioni di fermare la crisi valutaria e la catastrofe economica. La stessa cosa è successa con Carlos Menem Nel suo primo mandato con a Domingo Cavallo superministro. La concentrazione del potere in un ministro non è stata una buona ricetta nella storia dell’Argentina.

Cerca anche di frenare l’immagine del presidente in uno stato di deterioramento. Lo conferma l’ultimo sondaggio pubblicato da El Cronista dell’Università De Tella L’indice di fiducia di Alberto Fernandez ha raggiunto il livello più basso Da quando sono entrato in carica, l’immagine negativa del presidente è una delle più alte della dirigenza argentina.

Un’altra immagine del deterioramento del potere di Alberto Fernandez è stata vista nell’incontro di oltre tre ore che ha tenuto martedì scorso a Casa Rosada con 14 governatori del PJ. Tutti hanno chiesto cambiamenti, pubblicamente richiesto un’azione urgente e persino lo hanno criticato per non aver agito. Poi è arrivato il clamore del portavoce degli stessi dirigenti sull’ascesa al potere di Massa.

La League of PJ Governors non risponde più al Presidente e ora invierà WhatsApp al nuovo Gran Ministro.

Qualcosa di simile accade con CGT che ha rilasciato una dichiarazione di forte sostegno a Massa Ed evidenziare il “significato positivo” delle modifiche ministeriali. Questa è una buona notizia per Alberto Fernandez: Per il momento, non ci sarà alcuna richiesta di sciopero nazionale nell’immediato orizzonte Come quella che è stata coniata in queste settimane nel sindacato e in altri sindacati.

READ  Mark Nash: "L'austerità precoce è una cattiva idea per la sostenibilità del debito" | Mercati

In questo complesso contesto, Alberto Fernandez lega il destino dell’autorità di Massa e Cristina Kirchner e dei governanti di PJ e CGT per evitare una catastrofe più profonda in Argentina.

Risentimento di strada

Ne parlano alcuni sondaggisti Un’atmosfera di agitazione sociale nelle strade simile a quella del 2001. A Casa Rosada hanno abbassato il prezzo di quelle aspettative. Ma c’è il panico in alcuni uffici governativi poiché vedono il presidente ignaro delle proteste di strada.

Visto giovedì pomeriggio. La Plaza de Mayo era piena di sit-in dissidenti per chiedere più piani E lavoro. Ma all’interno di Balcarce 50 c’è stato un tentativo di potere comparendo per nomi, cariche e ravioli dell’organigramma dello Stato.

analista patrick gustow Ha concordato con altri intervistati che la situazione attuale nel Paese è “molto simile a quella del 2001”: un clima di agitazione sociale che porta a qualsiasi tipo di rivolta di strada.

Daniel Scioli e Julian Dominguez Lasciano il governo sconvolto. Erano due pilastri che Alberto Fernandez aveva e che ora guarderà il film a distanza. Il presidente ha tentato di mostrare l’uscita di scena di Scioli dalla produzione e il suo ritorno all’ambasciata in Brasile come prova della sua ridefinizione del potere. Ma tutti sanno che l’ex governatore di Buenos Aires se ne è andato arrabbiato con Alberto Fernandez, evitò la selvaggia convivenza con Massa e si isolò a Brasilia. Un altro segno di debolezza presidenziale.

A livello internazionale, anche Alberto Fernandez non si è comportato bene. Entro poche ore di Sylvina Patakis ha lasciato WashingtonDopo aver visitato il Fondo Monetario Internazionale, il Tesoro USA, gli investitori e la Banca Mondiale, L’ambasciatore Jorge Argello riceve lettere di domande, dubbi e persino accuse reciproche La mossa dell’ex ministro dell’Economia.

A cosa serve una simile mostra e ricollocazione di Patakis negli Stati Uniti se si sa che non durerà più di 15 giorni in carica e che il suo destino è già stato deciso con l’arrivo del ministro Massa?

più alto La confusione si è verificata nel Fondo Monetario Internazionale: Oltre a non capire cosa è successo a Patakis che lunedì si trovava negli uffici di Pennsylvania Avenue, Sono dovuti uscire allo scoperto per smentire una presunta conversazione tra Alberto Fernandez e Kristalina Georgieva Presentato da Casa Rosada come reale.

READ  CEOE vede un accordo su nuovi ERTE "complessi" | Economia

conflitto internazionale

Ma il fastidio e la confusione con l’Argentina non si concentra solo su Washington. Nelle ambasciate straniere di stanza a Buenos Aires, si chiedono anche che potere abbia oggi Alberto Fernandez. Non sanno se andare da Christina Kirchner e ora a Massa per valutare definizioni dell’agenda diplomatica o investimenti.

Un ambasciatore europeo è stato incoraggiato a dire nelle ultime ore da lo storico “L’immagine del presidente si è deteriorata a tal punto che è inutile avviare un dialogo con lui e non resta che attendere la scadenza del suo mandato”.

Da parte sua, Argelo ha trasmesso a Buenos Aires il fastidio di Washington per il fallito volo di Patakis e il suo stesso sconcerto. Non c’erano molte risposte o spiegazioni.

Alla Casa Bianca, nelle ultime ore, hanno approvato l’invito posticipato di Joe Biden ad Alberto Fernandez, che era… Lo farò a fine agosto. Ma questo non sarà altro che un segno di un protocollo obbligatorio. in Washington considera il presidente dell’Argentina un’anatra zoppa Sanno che dovranno aspettare che il suo successore ridefinisca le relazioni bilaterali in futuro. Biden non è molto popolare negli Stati Uniti.

“Allah tienili al sicuro”Libri dal tono ambiguo Gustavo Bellez Con le dimissioni dalla Segreteria Affari Strategici. La verità è che più di un funzionario del governo ritiene che il presidente avrà bisogno di un miracolo per poter navigare in Internet da qui a dicembre 2023.

Alberto Fernandez dovrà fare i conti con il pesante ruolo dell’anatra zoppa fino alla fine del suo mandato, si è indebolito e il suo destino dipenderà da Massa. Cercando di ricoprire un ruolo di leadership regionale Con la Comunità delle Nazioni dell’America Latina e dei Caraibi, il Mercosur Rift e l’eventuale vittoria di Lula da Silva in Brasile. Ma in fondo si cela un’inevitabile teoria politica: anche se c’è un successo paranormale nella guida del governo, le glorie andranno al ministro Massa, che ha anche aspirazioni presidenziali e sta aprendo la strada al 2023.