Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In un test di difesa planetaria, la sonda DART della NASA si farà esplodere domani per deviare un asteroide per la prima volta

Madrid – martedì dopo l’una di notte, ora spagnola [sobre las 20 de mañana en Buenos Aires]a 11 milioni di chilometri dalla Terra Una sonda spaziale delle dimensioni di un frigorifero si scontrerà frontalmente alla massima velocità con un asteroide 160 metri di diametro. sarà La prima volta che l’umanità ha cercato di cambiare il movimento di un corpo celesteE il Prove per evitare influenze future che potrebbero cancellare un’intera città dalla mappa.

Tom Statler, scienziato capo per questa missione finanziata da Contenitoreriassume il suo obiettivo con le parole del film: “Non possiamo lasciare che una roccia dallo spazio ci riporti all’età della pietra”.

Ad oggi è noto oltre il 95% di tutti gli asteroidi di diametro superiore a 1 km, capaci di provocare una catastrofe planetaria simile a quella che provocò l’estinzione dei dinosauri 66 milioni di anni fa. Ancora più inquietanti sono i cadaveri alti 140 metri o più, che somigliano alla distruzione di una bomba nucleare e che aprirebbero un cratere di due chilometri di diametro. Di questi, solo il 40% è noto, il che significa che ci sono migliaia di proiettili sconosciuti la cui traiettoria potrebbe attraversare il nostro pianeta ad un certo punto.

I membri del team DART hanno installato una telecamera da ricognizione per la navigazione ottica sulla sonda.

“La probabilità che sarai colpito da un asteroide di queste dimensioni per il resto della tua vita è più o meno la stessa che la tua casa brucerà.”Statler, un astrofisico del Planetary Protection Office della NASA, spiega in un’intervista telefonica. “Se abbiamo un’assicurazione sulla casa per evitare i senzatetto, perché non essere meglio preparati nel caso in cui arrivi un asteroide?”, chiede. La minaccia è così grande che nel 2017 la NASA ha accettato di spendere 324 milioni di dollari per trasformare questa missione in realtà..

DART significa dart in inglese e rispondere è un acronimo Test di reindirizzamento del doppio asteroide. È stato rilasciato nel novembre 2021 ed è attualmente in fase di archiviazione coppia di asteroidi Perfetto per mettere in pratica il tuo piano. Ruota attorno a Didymos – il gemello in greco – una roccia con un diametro di 780 metri, e la sua piccola luna Demorpho – a due forme – che compie un giro attorno ad essa ogni 11,9 ore.

READ  Telescopio Webb: Joe Biden ha rilasciato la prima e più profonda immagine dell'universo

La nave è dotata di un sistema di navigazione indipendente che la fa scontrare con il centro di Dimorpho a circa 22mila chilometri orari. DART pesa 570 chilogrammi, che è circa 10 milioni di volte meno del Dimorph, ma se tutto va bene, la collisione rallenterà l’asteroide e lo farà cadere un po’ verso Didimo, in modo che la sua orbita si accorcia di qualche minuto oppure, quello che è lo stesso, la deviazione sarà di circa 15 metri, secondo Statler.

Potrebbe non sembrare molto, ma è un’impresa enorme considerando che nessuno in questa missione sa che aspetto abbia un asteroide o di cosa sia fatto o quanto sia difficile perché è così lontano. Per i telescopi terrestri, questa coppia è solo un minuscolo punto di luce insondabile.

La telecamera DART dovrebbe rilevare l’aspetto del Dimorph tre quarti d’ora prima dell’impatto. All’inizio sarà solo un pixel di luce, ma negli ultimi 30 minuti diventerà sempre più grande ogni secondo, che è la velocità con cui la sonda raccoglie le immagini e le rimanda sulla Terra.

Negli ultimi istanti della sua vita, la nave mostrerà il mazzo Dimorph in modo abbastanza dettagliato da distinguere pietre delle dimensioni di un’arancia. Poi niente. Il primo indizio che DART avrà raggiunto il suo primo obiettivo – colpire l’asteroide – sarà la perdita del segnale. Il silenzio sarà catturato dal centro di controllo, situato nell’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University (USA), e confermato dalla rete di antenne spaziali della NASA. L’impatto è previsto lunedì sera in America e martedì all’inizio in Europa.

READ  WhatsApp smetterà di funzionare su alcuni telefoni cellulari da aprile

Tre minuti dopo DART, a circa 1.000 chilometri di distanza, è in viaggio LICIACube, un piccolo satellite sviluppato dall’Agenzia Spaziale Italiana. Questo dispositivo delle dimensioni di un tostapane si è disconnesso dalla sonda principale pochi giorni fa. Dopo essere crollato, passerà 55 chilometri dalla superficie di Dimorpho per poi seguirlo per alcuni minuti. Non è chiaro quando arriveranno le prime immagini che scatterà del cratere e della nuvola dall’impatto. “Speriamo di averlo in un giorno o due al massimo”, spiega Stavro Ivanovsky, un astrofisico in missione.

La scia di polvere e sporcizia sollevata da DART fungerà da razzo booster per aiutare a rallentare l’asteroide. Telescopio spaziale James Webb Hubolla Molti osservatori a terra punteranno i loro obiettivi verso la coppia di asteroidi nel tentativo di catturare i detriti dell’impatto. I due corpi funzionano come un orologio di alta precisione. Quando un dimorfo passa davanti a un didimo, produce una piccola eclissi che si verifica con un ritmo perfetto. Nelle ore, nei giorni o nella maggior parte delle settimane dopo la collisione, i telescopi saranno in grado di confermare se DART ha avuto successo nel suo secondo obiettivo: cambiare l’orbita dell’asteroide.

Il veicolo spaziale DART è racchiuso per il lancio presso la base della forza spaziale di Vandenberg, in California
Il veicolo spaziale DART è racchiuso per il lancio presso la base della forza spaziale di Vandenberg, in California

Al Centro de Astrobiologia (CAB) vicino a Madrid, l’incidente suicida DART è stato simulato sparando una palla di plastica con un diametro di 2 cm a un bersaglio di sabbia. Velocità e potenza equivalgono a un colpo di una 44 Magnum, la pistola usata da Clint Eastwood in Sporco HarrySpiega Jens Ormö, capo del CAB Experimental Impact Laboratory.

“Usiamo questo tipo di proiettile perché si disintegra completamente dopo l’impatto, che è ciò che pensiamo accadrebbe alla sonda se Demorpho fosse, come pensiamo, un asteroide sottile e non molto denso”, spiega. E lo scienziato avverte che “se questo oggetto fosse completamente solido e si scontrasse con la Terra, provocherebbe una massiccia esplosione nell’atmosfera che potrebbe distruggere l’intera comunità di Madrid”.

READ  Gli scienziati vogliono inviare una sonda che vola 2000 volte più veloce di Voyager 1 e 2 alla stella più vicina

I modelli attuali suggeriscono che il modo più fattibile per evitare una collisione di asteroidi di medie dimensioni come questa è lanciare una sonda su di esso. Le caratteristiche della nave dipendono dal tempo a disposizione e dal tipo di roccia coinvolta. Tutti i parametri possibili sono progettati utilizzando i computer. I dati della missione DART aiuteranno a mostrare se questi modelli sono corretti, quindi possiamo adattarli se un asteroide minaccia davvero la Terra in futuro.riassume Isabel Herreros, ricercatrice al CAB.

Anche se la missione ha successo, ci vorranno anni o decenni di sviluppo tecnologico per essere in grado di contrastare questa minaccia. Il lancio di HERA, una missione dell’ESA finanziata con 130 milioni di euro, segnerà un traguardo importante. La sonda decollerà nel 2024 e due anni dopo raggiungerà Didimo e il resto di Dimorpho per seguirli per diversi mesi. Questo sarà il primo veicolo spaziale in grado di determinare con precisione la massa, la composizione e la struttura interna di questi due asteroidi ed eseguirà una dettagliata ricostruzione 3D del cratere lasciato da DART. “Abbiamo bisogno di tonnellate di dati per convalidare questa tecnologia per deviare gli asteroidi in caso di collisione e Hira sarà il compito che ci consentirà di sviluppare questa nuova tecnologia”, spiega Ian Carnell, Project Leader.

L’idea è che un sistema come questo potrebbe essere pronto in circa 30 anni. Se c’è una minaccia, una o più sonde potrebbero essere progettate in un paio d’anni, “un tempo molto breve ai ritmi dell’industria spaziale”, afferma Carneli. Tutto ciò funzionerebbe se l’asteroide provenisse dalle parti esterne del sistema solare. Se proviene dall’altro lato, verso il sole, potremmo non essere in grado di rilevarlo finché non sarà troppo tardi. Ciò è effettivamente accaduto nell’inverno del 2013, quando un cadavere è caduto in Siberia (Russia) provocando oltre 1.000 feriti a causa delle finestre rotte. Il suo diametro era di appena 17 metri.

Di Nuño Dominguez e Nacho Catalan

© EL PAIS, SL