Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Imserso 2022: queste sono le date e i prezzi per i voli dei pensionati

Il 14 dicembre è iniziata la commercializzazione delle crociere Imsorso con prezzi che vanno dai 115 ai 405 euro

Jorge Murcia

Dopo l’arco del 2020, quest’anno tornano i voli Imsuso, anche se in ritardo sulle solite date e a metà gas. A partire dai quattordici anni, gli over 60 possono prenotare il proprio posto nel Programma di Turismo Sociale per la stagione 2021-2022. Ma il delicato momento sanitario, con il Covid non sotto controllo, porterà ad un ritiro di molti clienti che preferirebbero aspettare che la situazione migliori.

Allo stesso tempo, una parte significativa degli hotel iscritti al programma sceglierà di esporre le proprie sedi il prima possibile a fine febbraio o inizio marzo in concomitanza con la primavera. Pochi decidono di aprire le porte per le vacanze. Come se ciò non bastasse nel settore, chiedono di aggiornare i prezzi perché assicurano che, nelle condizioni attuali, la redditività di tali voli è minima.

Prezzi Imsorso 2022. /

Emerson

I ritardi in tutti gli appuntamenti amministrativi previsti dalla legge hanno reso meno appetibile questa nuova versione del programma di viaggio. In circostanze normali, la commercializzazione di Imsorso Holidays inizia a settembre e i primi voli iniziano a ottobre. Quest’anno il premio finale non è stato consegnato alle aziende partecipanti al programma fino al 3 novembre.

Venti giorni dopo, Imsorso ha iniziato a inviare messaggi agli utenti con indicazioni e informazioni relative alla prenotazione e al pagamento della vacanza. La commercializzazione dei voli è iniziata il 14 dicembre in undici regioni autonome – compresa l’area di Euskadi – e due giorni dopo nel resto.

READ  L'elettricità aumenterà di oltre il 24% venerdì per raggiungere 231,25 euro per megawattora - Economia

Oltre 816.029 persone di età superiore ai 60 anni beneficeranno quest’anno del programma Imserso, suddiviso in tre parti: 443.887 posti turistici sulla costa della penisola, 230.039 posti per le isole e 142.103 posti per il turismo dell’entroterra. Il prezzo dei voli dipende dalle date, dal metodo, dalla durata e dal tipo di sistemazione.

Prezzi a partire da 115 euro

I soggiorni più costosi corrispondono ai viaggi alle Isole Canarie per 10 giorni con trasferimenti (405,53 €). Il più abbordabile è il turismo domestico con visite ai capoluoghi di provincia per quattro giorni (115,98 euro).

I prezzi includono i seguenti articoli:

Sistemazione: una camera doppia da condividere. Se il beneficiario ne desidera uno ad uso singolo, è incluso un supplemento a notte di 20, 23 o 25 euro a seconda che la destinazione sia rispettivamente le Isole Baleari, la regione costiera della penisola, le Isole Canarie o il turismo interno.

Pensione completa, esclusi i voli per i capoluoghi di provincia in mezza pensione.

Trasporto, salvo ove non espressamente previsto e per viaggi nei capoluoghi di provincia.

– Turni di Natale e Capodanno. Include un supplemento di 20 EUR a persona per pasto (25 dicembre e 1° gennaio) o una cena di gala (24 e 31 dicembre).

Beneficiari

Possono beneficiare del programma le seguenti persone:

Residenti in Spagna che soddisfano alcuni di questi requisiti:

Essere in pensione dal sistema pensionistico pubblico spagnolo.

Il titolare di una pensione vedovile ha cinquantacinque anni o più

Essere un pensionato o altrimenti beneficiario di indennità o sussidi di disoccupazione e avere almeno 60 anni.

– Essere un assicurato o un beneficiario del sistema di sicurezza sociale, di età pari o superiore a sessantacinque anni.

Essere un immigrato che è tornato in Spagna ed è in pensione dal sistema di sicurezza sociale generale del paese da cui è tornato.

Anche residenti spagnoli all’estero che soddisfano i requisiti di cui al punto precedente per partecipare al programma. I residenti in Germania, Andorra, Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Paesi Bassi, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Portogallo, Regno Unito, Svezia e Svizzera potranno elaborarlo nei corrispondenti Ministeri del Lavoro, dell’Immigrazione e della Socialità. Sicurezza.

Infine, gli spagnoli di origine immigrata che sono tornati in Spagna hanno diritto a questi viaggi, a condizione che siano in pensione dai sistemi di previdenza sociale pubblica del paese o dei paesi in cui sono immigrati.