Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vertice del G7: dichiarazioni e critiche dopo l’incontro dei Paesi più potenti

Primo emendamento:

Dalla riunione di tre giorni dei leader delle sette economie più avanzate del mondo, diversi sono stati gli annunci, tra questi, che fino al prossimo anno doneranno 870 milioni di vaccini ai Paesi più bisognosi. Tuttavia, questo “non è abbastanza” per l’OMS.

Tre giorni di incontro, con i leader dei sette Paesi più ricchi e potenti del mondo, si sono conclusi con tanti annunci, ma con risultati, secondo varie organizzazioni come Human Rights Watch, Oxfam e la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, che non sono abbastanza.

I presidenti di Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti si sono riuniti nel sud-ovest del Regno Unito, da venerdì 11 a domenica 13, per il loro primo incontro faccia a faccia da allora. L’epidemia iniziò.

Alla fine del vertice, la lunga lista di annunci includeva la promessa di donare più di 1 miliardo di vaccini – 870 milioni tra il 2020 e il 2021 – una lotta più radicale ai cambiamenti climatici e il sostegno a una tassa globale per le multinazionali.

I leader si sono impegnati a sostenere la salute globale, l’energia verde, le infrastrutture e l’istruzione, il tutto per mostrare il ritorno della cooperazione internazionale dopo le turbolenze causate dalla pandemia e dalla presenza del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.


Tuttavia, i sostenitori della salute e dell’ambiente sono stati chiaramente influenzati dai dettagli vaghi della dichiarazione di chiusura dei leader.

Donazioni insufficienti

Nonostante l’appello del primo ministro britannico Boris Johnson a “vaccinare il mondo” entro la fine del 2022, la promessa di 1 miliardo di dosi ai paesi poveri, direttamente o tramite donazioni al programma Kovacs, è molto al di sotto delle aspettative. 11 miliardi di dosi L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che è necessario vaccinare almeno il 70% della popolazione mondiale e porre veramente fine all’epidemia.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, CEO di OMS, ha avvertito: “Accolgo con favore l’annuncio che i paesi del G7 doneranno 870 milioni di dosi di vaccini, principalmente attraverso Covax. Questo è utile, ma ne abbiamo bisogno di più e ne abbiamo bisogno più velocemente”.

Mezzo miliardo di dosi provengono dagli Stati Uniti e 100 milioni dalla Gran Bretagna. Il Canada ha detto che avrebbe dato anche 100 milioni di dosi e la Francia ha promesso 60 milioni.

In totale, i leader hanno affermato di aver promesso 870 milioni di dosi “direttamente nel prossimo anno” e che ulteriori contributi porterebbero il totale a “l’equivalente di oltre un miliardo di dosi”.

‘Fallimento’

Human Rights Watch ha descritto il vertice come un “miserabile fallimento”, poiché i leader mondiali non sono riusciti ad affrontare le sfide della pandemia di COVID-19 e del cambiamento climatico, nonché una nuova indagine sugli “abuso commessi dal consiglio di amministrazione del Myanmar”, tra altri argomenti.


“Questo vertice del G7 vivrà in una situazione famigerata”, ha affermato Max Lawson, capo della politica di disuguaglianza presso l’organizzazione umanitaria internazionale Oxfam. “Di fronte alla più grande emergenza sanitaria in un secolo e a una catastrofe climatica che sta devastando il nostro pianeta, non sono riusciti ad affrontare le sfide del nostro tempo”, ha aggiunto.

Da parte sua, l’ex primo ministro britannico Gordon Brown ha dichiarato che la mancanza di un piano di vaccinazione più ambizioso è stato un “imperdonabile fallimento morale”.

Con Associated Press e Reuters

READ  Ecofin rilascia i primi 50.000 milioni di aiuti europei per la ripresa | Economia