Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vero motivo per cui Coscu ha acquistato 100.000 confezioni di figurine della Coppa del Mondo

Il vero motivo per cui Coscu ha acquistato 100.000 confezioni di figurine della Coppa del Mondo

questo sabato, Cusco era uno degli ospiti PH, possiamo parlare E ha parlato dell’impatto degli haters su di lui sui social media. Quando Andy Kuznetsov ha chiesto di leggere due delle centinaia di commenti negativi che ha ricevuto online, uno riguardava un grande acquisto di figurine della Coppa del Mondo che aveva fatto in mezzo a una carenza di pacchetti.

“Guarda Cusco che ruba i personaggi delle persone”, L’intervistato ha letto ad alta voce e poi ha spiegato: “Ho comprato diverse statue della Coppa del Mondo per scopi positivi. Quello che succede è che vedono chiaramente molti pacchi e pensano che tu abbia un privilegio”.

Martín Pérez de Salvo ha ammesso che era “strano” ricevere odio dalle persone per l’acquisto di statue. Tuttavia, quando si è saputo che aveva acquistato circa 100.000 pacchetti, sono rimasto sorpreso dallo studio PH.

L’acquisto di figurine ha due scopi: il primo è portare la firma di Messi sulle carte che lo rendono il campione. “Sono anche per metà Sophie come un matto”, ha spiegato in relazione a Sebastian Abreu, uno degli ospiti dello show, e ha aggiunto: “Voglio firmare 10 o 15 Messi per darlo a persone che ammiro davvero la malattia come me”.

Cosco in piedi con i personaggi della Coppa del Mondo

Il secondo scopo di questa spesa è, secondo Cusco, un gesto di solidarietà nei confronti dell’economia dei suoi seguaci: “C’è presto uno spettacolo in Argentina, e in questo caso quei pacchi che il chiosco vende a 150, 200, 250 i pesos verranno venduti a 100. Perché? .

READ  Valhovich perde credito in Italia

Poi ha spiegato di non aver mai comprato i pacchetti per “fare notizia”, ​​ma di averlo fatto per aiutare i tanti bambini e giovani che lo seguono e vengono ingannati dalle persone che approfittano della situazione e Finiscono per vendere un pacchetto per $ 400.

“E’ stato molto odio perché ero contrario alle edicole. Tutto il contrario. Sono contro quel figlio di puttana che, invece di vendertelo al prezzo suggerito di $ 150, te lo vende a $ 300, chiudi dicendo.”

follia delle statue

La vendita di album e figurine è iniziata il 24 agosto, ma le aspettative dei collezionisti hanno fatto perdere il prodotto a pochi giorni dalla sua uscita sul mercato. In Argentina, la licenza ufficiale per Panini, l’ideatore dell’album, è di proprietà della società New Rita installata nella città di Martínez a Buenos Aires, provincia di San Isidro, che si occupa della produzione e distribuzione di questi prodotti.

I prezzi di vendita suggeriti sono i seguenti: busta di cinque figurine da $ 150, album da $ 750 e album speciale con copertina rigida da $ 3.000.

E’ arrivata dalle edicole la richiesta di non consegnare le buste della statua della Coppa del Mondo al ministro del Commercio, in quanto martedì c’è stato un incontro tra funzionari del governo, presieduto dal segretario Matias Tombolini, rappresentanti della Federazione Kiosqueros (Ucraina) e la società Nuova Rita che ha una licenza per i famosi album Panini in Argentina.

Di fronte a una domanda superiore a tutte le aspettative, i chioschi sottolineano il franchising dell’azienda locale di altri canali di vendita come supermercati, stazioni di servizio, applicazioni di consegna e lasciando i chioschi senza forniture, Con consegna insignificante di circa 50 pacchi a settimana.

READ  Tom Dumoulin annuncia il suo ritiro dal ciclismo a fine stagione | Gli sport

Per questo, nel corso dell’incontro, l’edicola ha suggerito che l’azienda si assumesse parte della distribuzione delle statue con mezzi propri. “È stata avanzata una proposta per un accordo con l’azienda e l’Associazione Edicola per essere un distributore in modo che scompaia il problema della carenza di chioschi. Una fonte che ha partecipato all’incontro, ha confermato che hanno distributori per poter fare così.

Tuttavia, la società con licenza locale Panini ha già i propri distributori tramite società terze. I rappresentanti dell’azienda hanno spiegato che la domanda ha superato le aspettative e le aspettative che erano state formulate e, dal primo giorno, gli sforzi sono stati raddoppiati per aumentare la produzione, Semplificare la distribuzione e garantire una fornitura continua anche dopo la Coppa del Mondo.

Continuare a leggere: