Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Venezuela non ha accesso alle sue riserve | Sentenza straordinaria della giustizia britannica contro il governo Maduro

Venerdì il ministero della Giustizia britannico ha negato al presidente Nicolas Maduro l’accesso alle riserve venezuelane. Il leader dell’opposizione Juan Guaido ha celebrato la decisione della corte, anche se non avrà accesso all’oro venezuelano. Allo stesso tempo Il Rappresentante legale della Banca Centrale del Venezuela Ha descritto la sentenza come sfortunata. “Si basa su una questione legale ristretta sul riconoscimento dei giudici stranieri”. Lo ha detto l’avvocato Sarosh Ziwala.

Il governo di Nicolás Maduro e l’opposizione guidata da Juan Guaido si affrontano dal 2019 per ottenere l’accesso a 31 tonnellate d’oro. Le riserve hanno un valore di circa 1,9 miliardi di dollari e sono state custodite per anni nei caveau della Banca d’Inghilterra.

Il giudice dell’Alta Corte di Londra Sarah Cockrell si è pronunciato a favore di Guaido, che è riconosciuto dal Regno Unito come presidente ad interim del Venezuela. Sebbene nemmeno l’opponente avrebbe avuto accesso alle riserve, poiché tale questione non è stata affrontata in questa parte della controversia legale.

Questa parte del processo si è concentrata sulla questione se il consiglio di amministrazione della Banca centrale del Venezuela (BCV), che Guaidó ha nominato dopo essersi dichiarato presidente ad interim, fosse considerato legittimo dalla magistratura britannica. I direttori nominati dall’opposizione hanno ordinato alla Banca d’Inghilterra di non consegnare i lingotti al consiglio del partito al governo.

Il giudice Cockrell ha ritenuto che la decisione della Corte suprema di giustizia (TSJ) di Caracas di invalidare le nomine alla guida della banca centrale non potesse essere riconosciuta dal diritto britannico. Tra i motivi c’è il fatto che, secondo il giudice, la Corte suprema di giustizia è composta da giudici che sostengono Nicolás Maduro.

READ  Perché non ci sono seconde dosi di vaccini?

Il caso risale al maggio 2020, quando la Banca Centrale del Venezuela ha citato in giudizio la Banca d’Inghilterra per aver rifiutato di concedere l’accesso alle riserve auree. Poi l’establishment inglese ha chiarito di riconoscere Guaido come il più alto capo del paese latinoamericano, cosa che si è rifiutato di rispondere a un’establishment che era sotto il controllo di Maduro. Nel dicembre dello scorso anno, la Corte Suprema del Regno Unito ha affermato che Guaido dovrebbe essere riconosciuto come il vero presidente del Venezuela e che questo gli consentirebbe di accedere alle riserve del suo paese.

Un’ulteriore udienza è prevista anche a settembre o ottobre per chiudere altri aspetti del caso, incluso se il consiglio di Guaidó possa ottenere l’ordine richiesto per gestire i beni venezuelani depositati in Inghilterra.

criticare l’arbitro

La Banca centrale venezuelana ha presentato venerdì, dopo la decisione del tribunale britannico, una dichiarazione in cui esprimeva il proprio rifiuto. Secondo la BCV, che considera insolita la dichiarazione, i poteri della gestione della riserva venezuelana sono stati violati.

Al termine della dichiarazione, La Banca Centrale del Venezuela afferma la sua determinazione a continuare a ricorrere a tutti i mezzi possibili per ottenere giustizia. “La Banca centrale venezuelana mantiene tutte le procedure legali a sua disposizione per impugnare questa decisione straordinaria e disastrosa di difendere l’oro, eredità del popolo venezuelano, e continuerà a denunciare che gli espedienti della politica estera britannica e dei suoi tribunali sottomessi non vengono meno nella storia senza una vera giustizia sotto il maltrattato stato di diritto internazionale”, concludeva la dichiarazione delle potenze dominanti.

Nel maggio 2020, il presidente ufficiale del consiglio di BCV, Calixto Ortega, ha accusato la Banca d’Inghilterra di violazione del contratto non rispettando l’ordine di trasferire 930 milioni di euro di riserve. Il denaro sarebbe andato al fondo delle Nazioni Unite per essere utilizzato per combattere il virus Corona nel suo paese.

READ  La famiglia di Salman Rushdie festeggia la sua guarigione dopo l'attacco: "Il suo spirito audace è intatto"

Da parte sua, il legale rappresentante della Banca Centrale del Venezuela, Sarosh Ziwala, ha confermato a Zaiwalla & Co che presenterà ricorso. Inoltre, l’avvocato ha espresso preoccupazione per la dichiarazione del governo britannico secondo cui una persona che non controlla nessuna parte di esso è riconosciuta come capo di stato. “BCV continuerà a portare avanti questo caso in tribunale per garantire che i beni sovrani del Venezuela siano preservati e protetti a beneficio del popolo venezuelano”.Aggiunto avvocato.

La gioia di Guaido

Da parte sua, Guaido ha risposto con una dichiarazione trasmessa dagli avvocati che rappresentano il leader dell’opposizione nel processo. Attraverso un post del National Contact Center, l’opponente ha voluto sottolineare che questi soldi non appartengono a Maduro, ma al popolo. Sebbene il Regno Unito non abbia dimostrato che Guaido ha accesso alle riserve. Gli oppositori di Chaveza hanno celebrato: “Questa decisione rappresenta una nuova tappa nella protezione delle riserve auree internazionali del Venezuela, per preservarle per il popolo venezuelano e per il suo futuro”.

L’avversario, inoltre, era grato e ammirava la giustizia britannica. “Non posso fare a meno di riconoscere il ruolo della magistratura nel Regno Unito. Con desiderio, penso al giorno in cui il nostro Venezuela potrà contare su un sistema imparziale che garantisca una vera giustizia”, ​​ha aggiunto Guaido.