Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il turismo sembra pessimista fino al 2022

Il 2022 sarà fondamentale per il turismo nazionale e internazionale. La rimozione delle restrizioni alla circolazione, i progressi nelle vaccinazioni e il rinnovamento della fiducia nei viaggi forniscono un quadro di speranza, dopo alcuni anni difficili 2020 e 2021 per il settore. Ma presenta anche una sfida: la fine del recupero anticipato del rischio, il ritorno dei saldi ICO e l’aumento dei costi fissi dall’iperinflazione potrebbero mettere a repentaglio questa fragile ripresa.

In chiave nazionale, il prossimo anno sarà sinonimo della continuità della ripresa iniziata nel 2021 quando il turismo ha contribuito al PIL per 77,2 miliardi di euro, secondo i dati della Confederazione spagnola delle organizzazioni imprenditoriali (CEOE). La cessazione dell’attività causata dalla pandemia sta iniziando a rallentare e ora la stessa rivitalizzazione sta mettendo il turismo davanti a questo scenario complesso e mutevole.

Il 2022 sarà caratterizzato da molte mosse aziendali, che rappresentano opportunità di investimento per fondi e analisti che guardano con ammirazione alla resilienza del gruppo e alla capacità di continuare a riportare benefici. In particolare, le agenzie di viaggio stanno vivendo una fase di concentrazione e le alleanze e fusioni avviate nel 2021 si formeranno nel 2022.

per lui

Tuttavia, l’arrivo del 2022 pone anche sfide significative. Il turismo è uno dei settori dell’economia che risente maggiormente degli effetti della pandemia, motivo per cui per tutto l’anno hanno chiesto più aiuti diretti e proroghe all’ERTE. A fine ottobre governo, datori di lavoro e sindacati hanno raggiunto un accordo preliminare per prorogare le pratiche ERTE fino al 28 febbraio 2022. Una media di 400.000 lavoratori al mese sono stati colpiti dal licenziamento o per lui, Pertanto, l’integrazione di questi lavoratori nelle aziende turistiche che hanno visto un calo della loro attività e quindi del loro reddito è uno dei principali ostacoli per il prossimo anno.

READ  In ottobre, l'Ecuador ospiterà la 16a Conferenza Panamericana sul Latte | Economia | Notizia

Un’altra criticità che l’industria del turismo dovrà affrontare e risolvere nel 2022: migliorare salari e condizioni. Tutto ciò è legato alla carenza di lavoratori causata dalla fuga di talenti verso altri settori, come la logistica e le consegne, che hanno aumentato significativamente la loro attività durante la pandemia. L’anno prossimo, il mercato del lavoro dovrebbe rimanere teso, con un deficit medio previsto nel settore spagnolo di 16.000 lavoratori.

ICO

Indebitamento delle imprese turisticheChe solo nei crediti ICO superano i 23,00 milioni– È uno dei problemi che il settore deve affrontare nel 2022. I soldi che dovranno iniziare a rimborsare, il che indebolirà significativamente la liquidità. Il fatto è che le aziende spagnole che operano nel settore del turismo avranno più difficoltà a competere nel mercato globale perché hanno ricevuto meno assistenza diretta rispetto ad altri paesi e hanno dovuto prendere in prestito molto di più. Per non parlare dell’alto numero di aziende scomparse in particolare, Piccole e medie imprese, che vanno salvati perché erano sani prima della pandemia.

costi elevati

Nel corso dell’anno l’aumento dei costi fissi è stato uno dei principali oneri del settore. La Spagna è il paese con il più alto tasso di crescita annuale dei prezzi dell’elettricità, rispetto ai quattro paesi più visitati dell’Unione Europea –Francia, Italia e Germania-. L’aumento dell’energia elettrica – che ha portato a un aumento del 20% dei prezzi dell’energia per il settore turistico – aggiunge che il nostro Paese sta registrando il secondo aumento dei tassi di inflazione dei prodotti alimentari.

Tuttavia, sebbene a IPC colpendo il settore turistico, gli hotel e i ristoranti spagnoli hanno avuto il minor impatto sui consumatori, con un’inflazione dei prezzi molto inferiore a Germania il Italia. Un trend inflazionistico che resterà inattivo nel 2022, con prezzi più alti di elettricità, cibo, gas o affitto e maggiori costi fissi per i tour operator.

READ  “Tecnologia e nuove forme di lavoro sono priorità” | aziende | Affare