Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il turismo dello shopping nel Regno Unito aumenta dopo la Brexit grazie all'”esenzione fiscale” | Economia

Due turisti britannici camminano nel centro di Barcellona il 27 luglio.Enrique Fontcoberta (EFE)

La Brexit è piena di ostacoli, sebbene nasconda anche alcune buone notizie. Ad esempio, con il Regno Unito che lascia l’Europa, i britannici possono approfittare dello shopping duty-free durante i loro viaggi attraverso l’UE. Questo si traduce in uno sconto permanente quando vanno nei negozi, una miniera d’oro del commercio spagnolo. I primi dati di spesa degli inglesi che usavano Senza tasse (Gli inglesi per i quali è nota la procedura di rimborso delle tasse) Questo risulta: da gennaio a fine settembre, lo scambio è stato di 1.337 euro per turista prima del rimborso, ben al di sopra della media tra tutte le nazionalità nel 2019 (357 euro), secondo alla società Global Blue, leader nella gestione dei rimborsi fiscali. Supera anche gli 837 euro medi pagati dai turisti cinesi, che sono quelli che in media ogni anno spendono di più.

In questo modo, lasciare l’UE è diventata un’opportunità senza precedenti per la Spagna, poiché i residenti nel Regno Unito possono richiedere il rimborso dell’IVA sui loro acquisti dal 1° gennaio di quest’anno. In termini di volume, gli inglesi effettuano più di 70 milioni di viaggi in Europa ogni anno e di quei 18 milioni di turisti hanno scelto la Spagna (almeno questa era la norma prima della pandemia). Dobbiamo detrarre da quei sei milioni che visitano le Isole Canarie, dove non si può usufruire dello shopping esentasse. La torta da distribuire nel Vecchio Continente è di 40mila milioni di euro, secondo il British Statistics Office.

READ  Arturo Herrera sarà Segretario del Tesoro fino alla riunione del G20

La battaglia per questo bottino è ora incentrata sulla promozione. “La destinazione che mette questa idea al primo posto nel mercato farà un passo da gigante”, afferma un senior manager del settore. La campagna di spiegazione sembra elementare, poiché c’è ancora molta ignoranza tra i viaggiatori. Secondo i negozi, solo il 10% dei britannici che hanno acquistato in Spagna ha beneficiato del rimborso. È una percentuale molto bassa, perché il resto delle nazionalità è sempre sopra il 50%”, spiega Luis Lorca, direttore generale di Global Blue Spain.

I dazi sono quindi chiari, sia per il settore pubblico che per quello privato: “Le autorità non hanno ancora compiuto gli sforzi necessari per annunciare la possibilità di un ritorno sugli acquisti”, avverte Llorca. Dice che è un’occasione da non perdere. Anche nel settore privato c’è molta strada da fare: ci sono aziende che non sono consapevoli del cambiamento, quelle che raccolgono informazioni su come funzionano e alcune che hanno già scelto di farlo.

In quest’ultimo gruppo c’è El Corte Inglés, che in estate ha lanciato una campagna di cheerleader con Iberia Senza tasse dagli inglesi. Un’iniziativa che ha funzionato, secondo fonti aziendali, e dovrebbe crescere in modo significativo nei prossimi mesi. “Lo promuoveremo al World Travel Market di inizio novembre a Londra. Lo racconteremo al mercato ed è una cosa che dovrebbero fare anche le istituzioni pubbliche e le grandi città. Dobbiamo approfittare di questo momento per cambiare la situazione di stallo”, spiega Javier Fernandez Andrino, Direttore dei clienti internazionali e del lusso di El Corte Ingles.

sconto permanente

Gli acquisti esentasse sono, in pratica, una detrazione permanente in tutte le società in Spagna che non include uno sforzo aziendale. Ad esempio, è come se un’organizzazione avesse rinunciato ad alcuni AirPods (in Apple Store costano 179 euro) per acquistare un iPhone 13 Pro da 128 GB (1159 euro). Ma senza dover sostenere quel costo. Un’offerta che si mantiene in tutte le tipologie di acquisto (la percentuale di resa varia a seconda dell’importo dell’acquisto), dai vestiti alle borse, passando per prodotti elettronici o gioielli.

READ  I deputati riconoscono all'ambasciatore italiano uscente per il suo contributo alle relazioni bilaterali

È quest’ultima categoria in particolare, orologi e gioielli, quella più riconoscibile tra gli inglesi che acquistano quest’estate. Rappresentano il 55% della spesa, secondo Global Blue, al di sopra di moda e accessori, che rappresenta il 40% di tutta la spesa effettuata con Senza tasse dai residenti nel Regno Unito. Per provincia in cui è stato effettuato l’acquisto, più di 9 euro su 10 sono stati spesi a Malaga (27%), Isole Baleari (26%), Barcellona (21%) e Madrid (18%).

Fonti di mercato insistono sul fatto che le prospettive future sono molto favorevoli ed evidenziano il margine di crescita esistente, soprattutto a causa del numero molto elevato di viaggiatori che ancora non sono consapevoli del vantaggio che hanno dopo la Brexit. Per questo motivo, chiedono il sostegno dei governi spagnoli, dei governi regionali e persino dei consigli comunali delle grandi città. “Devi andare avanti, raccontarlo e promuoverlo. Se questo viene fatto bene, allora gli inglesi dovrebbero essere la nazionalità che effettua acquisti esentasse in Spagna”, hanno spiegato i massimi dirigenti del settore.

Finora quest’anno, fino alla fine di settembre, il biglietto medio per i viaggiatori britannici che hanno beneficiato di un rimborso fiscale è stato più alto in Francia, con una spesa di 2.337 euro, mille euro in più rispetto al suolo spagnolo. Seguono l’Italia (1.688 euro) e la Spagna al terzo posto in questa classifica delle destinazioni europee. Viene dopo Germania (1059€), Grecia (1020€) e Portogallo (695€ in media).