Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Tour de France 2024 partirà dall’Italia

Ufficialmente, il Tour de France 2024 partirà dall’Italia e sono già note le sedi del Tour di Francia presso la sede del Giro d’Italia, aumentando l’intensità e l’impatto del ciclismo in quel paese. .

Puoi anche leggere: Le molestie di Nairo al Tour de France? Indizi che lo suggeriscono

Ci si aspetta che una grande competizione ciclistica abbia una struttura sufficientemente buona per sostenere lo sport e fornire uno spettacolo che gli spettatori amano.

– Pubblicità –

Il Tour è già programmato per partire dagli Stati Uniti per la prima volta nel 2030, e si presume che sarà dal Canada, quindi ci vorrà del tempo prima. Ma anche se il 2023 non è ancora iniziato, il palcoscenico per il 2024 è già pronto.

Il Tour de France 2024 partirà dall’Italia

Il corridoreSi dice che la Grande Bougle partirà dalla terra del Giro d’Italia, l’Italia avrà 600 chilometri per godersi la corsa:

«Bologna Italia ha partecipato al Tour de France: il sesto percorso (600 chilometri, tra l’altro) dell’edizione 2024 si svolgerà proprio nel nostro Paese. Ci sono state una dozzina di incursioni in Piemonte in passato, ma la Grande Bougle non l’ha mai fatto.Lasciò l’Italia, portando con sé tutta la sua gloria.

– Pubblicità –

Presentato ieri a Bologna, Grand Departure non vi lascerà indifferenti Nemmeno per chi ha goduto dei magnifici paesaggi e della folla travolgente di Londra, Bruxelles e Copenaghen. E pensano, con sospetto, che l’Italia non sarà all’altezza.

La prima tappa dal cuore di Firenze alla Rimini di Fellini, la seconda da Cesenatico (Bantani, ricordate?) sul circuito del San Luca (già esplorato dal Giro), la terza un epilogo da Piacenza a Torino.La quarta » della coppia pinerolese verso un paese ancora indefinito (Briancon?) delle Alpi francesi.

READ  L'Italia introdurrà il green pass obbligatorio per partecipare alle attività indoor

Dovremo aspettare e vedere chi saranno i difensori del titolo di Wingecardo, Bogaccaro o qualsiasi altra sorpresa quell’anno.