Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Tesoro valuta nuove misure finanziarie per i bilanci 2023

Il governo pensa Inserimento di nuove misure finanziarie nei bilanci generali dello Stato per l’anno 2023. Si tratta di misure che terranno conto dell’alto livello di inflazione – che è appena moderato al 10,4% ad agosto, secondo l’anteprima delle statistiche – e della situazione in cui si trova l’economia, come approvato da “La Información” del dipartimento. Guidato da Maria Jesus Montero. Nonostante Bruxelles manterrà sospese le regole fiscali fino all’inizio del 2024, di fronte all’incertezza economica e alla minaccia di recessione in grandi economie come la Germania o l’Italia, le cose non stanno andando bene. Il margine è ancora stretto.

Al ministero delle Finanze, hanno spiegato a questo giornale che gli incontri con i partner della coalizione stanno proseguendo, e così via Il canale di comunicazione di United We Can è “troppo fluido”. Inoltre, apprezzano il fatto che questo dialogo si svolga “in assoluta saggezza”. Quindi sono convinti che ci saranno nuovi budget l’anno prossimo. La verità è che questa settimana sarà fondamentale per i partner del governo. Nella sessione plenaria di martedì della Camera dei Deputati si discuterà il disegno di legge promosso da entrambi i gruppi per creare una nuova figura che imporrebbe tasse temporanee sugli interessi straordinari di banche e grandi società energetiche.

La nuova tassa sarà riscossa all’1,2% sulle vendite delle società energetiche e al 4,8% sulle commissioni e sugli interessi netti del settore finanziario (in entrambi i casi sarà riscossa sui risultati di quest’anno e del prossimo e potrebbe non passare). ai clienti). essere Imposte eccezionali temporaneeL’Esecutivo con loro prevede di raccogliere 7.000 milioni di euro entro due anni per contrastare gli effetti della crisi energetica e della guerra in Ucraina sull’economia nazionale.

READ  Draghi dal capo della politica monetaria deciderà sul futuro delle telecomunicazioni | comp

L’attuazione di entrambi gli ordini fornirebbe lo stato Risorse sufficienti per poterlo estendere oltre il 31 dicembre, almeno fino alla fine dell’inverno, la riduzione temporanea dell’imposta sul valore aggiunto su gas ed energia elettrica è stata dal 21 al 5% – in linea di principio l’esecutivo ha escluso di mantenerla nel 2023-. Il costo dei tagli al gas sarà di circa 200 milioni di euro da qui a fine anno. Nel caso dell’energia elettrica, la riduzione dell’Iva si aggiunge all’imposta speciale sull’energia elettrica e all’interruzione dell’imposta sulla produzione di energia elettrica, con un costo di circa 2.000 milioni di euro al trimestre.

Le previsioni odierne parlano di un rallentamento della crescita e dei ricavi, ma il governo esclude uno scenario di recessione in cui sembrano avviarsi altre grandi economie. Solo se la crescita del prossimo anno si avvicina alle previsioni ufficiali (il ministero dell’Economia calcola che il Pil salirà al 2,7%) gli incassi potranno salire al di sopra di quel livello, dando più ossigeno ai conti pubblici. Attualmente, il Forte aumento dell’inflazione Già tradotto in Reddito standard per le casse dello Stato Che si presta a manovre per adottare alcune nuove misure o per ampliare quelle già annunciate.

Il dibattito sull’imposta sul reddito delle persone fisiche

L’Agenzia delle Entrate (AET) ha confermato un aumento del 18,2% delle entrate fiscali del primo semestre a 107.009 milioni di euro, massimo storico di quel periodo dovuto all’aumento del prezzo della vita. Da un punto di vista macroeconomico, I tagli alle tasse ora possono stimolare ulteriormente i consumi E con esso l’aumento dei prezzi. Il margine di manovra, quindi, è molto ristretto, e così sono sorti i dubbi sulla proposta del Partito popolare di ridurre l’Irpef.

READ  La Jornada - Il G20 chiude la porta all'evasione fiscale delle multinazionali

L’affermazione “popolare”. Adeguamento dell’imposta sul reddito all’inflazione, adeguando almeno le prime tre fasce (che comprende un reddito fino a 40.000 euro), oltre a un nuovo minimo personale temporaneo che verrà ridotto all’aumentare del reddito, nonché un aggiornamento del piano delle ritenute d’imposta. Se i minimi esentati e le riduzioni applicabili per adeguarsi all’inflazione non cambiano, saranno sempre più bassi in termini reali (conto inflazione). Ciò significa che si paga di più e si guadagna di meno.

Il problema è L’imposta sul reddito effettiva rappresenta oltre il 42% delle entrate totali. L’anno scorso, lo stato è stato autorizzato a riscuotere 94.596 milioni di euro del gettito fiscale totale di 223.382 milioni. L’obiettivo del governo non dovrebbe essere quello di ridurre il deficit, ma non di aumentarlo. L’obiettivo, come insistentemente sostenuto dalla Banca centrale europea dallo scoppio della crisi del coronavirus, è La politica fiscale accompagna la politica monetaria. Non si tratta di attuare un forte adeguamento, ma non si tratta nemmeno di stimolare la domanda riducendo al contempo la riscossione delle tasse.