Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Tesoro approva la spesa record per comunità e comuni

Il ministro delle Finanze, Maria Jesus Monteiro, con Calvino, Rodriguez ed Escriva, dopo il Gabinetto. / EFE

Il governo aumenta questo importo dell’1% per il bilancio del 2023, fino a 198.221 milioni, e riduce la crescita al 2,7% e insiste sul fatto che ridurrà il disavanzo al 3,9%.

José Maria Barista

Il Consiglio dei Ministri ha già compiuto il primo passo verso la redazione del bilancio dello Stato per il 2023 approvando il tetto di spesa – il massimo che possono sopportare i dipartimenti, esclusi debiti o crediti previdenziali – che sfiora i 200 miliardi di euro. Lo fa anche con un focus sulle varie elezioni elettorali che arriveranno nel 2023, che si concentrano principalmente su comunità e comuni. In particolare, tale limite è fissato a 19.821 milioni, un record per la Spagna e all’1,1% per l’avvio di quest’anno. Nonostante questo aumento nel contesto della crisi e dell’incertezza economica, il ministro delle Finanze, Maria Jesus Montero, insiste sul fatto che questo record “non ci impedirà di continuare a ridurre gli squilibri di bilancio” che attendono la Spagna.

Più sorprendentemente, il Tesoro darà più spazio alle comunità autonome e ai comuni, nonché alla sicurezza sociale, per aumentare la loro spesa, anche se lo farà a spese dell’amministrazione centrale. “Apprezziamo la diversa distribuzione degli sforzi di bilancio”, ha osservato Monteiro. Il margine di disavanzo delle comunità sarebbe infatti dello 0,3% rispetto all’attuale 0,1%, “sottraendo un decimo della differenza” allo Stato. Secondo il ministro delle Finanze, “il governo sta facendo maggiori sforzi affinché le comunità abbiano una maggiore capacità di spesa”. Lo sta facendo per preparare i conti pubblici che entreranno in vigore a metà anno elettorale, in quanto le elezioni regionali e locali si terranno a fine maggio 2023. I comuni avranno anche più spazio di manovra aumentando i loro capacità di bilancio e disavanzo, così come la sicurezza sociale, poiché inietteranno quasi 20.000 milioni di euro in modo insolito.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Nonostante questo spreco, il Tesoro insiste sul fatto che la Spagna ridurrà il deficit pubblico nel 2023, come ha fatto dal record della pandemia nel 2020, quando ha superato il 10%. I calcoli dell’esecutivo mirano a ridurre il deficit al 3,9% del PIL l’anno prossimo, rispetto al 5% che si prevede chiuderà nel 2022 e al 6,8% nel 2021. “Manteniamo il nostro impegno con Bruxelles”, ha osservato Monteiro. Il ministro delle finanze ha spiegato che “le regole fiscali sono ancora in sospeso, ma la responsabilità fiscale no”, rilevando la libertà che i paesi hanno ancora nei confronti dell’UE non dovendo raggiungere l’obiettivo storico di avere un disavanzo del 3%. , che è attualmente invisibile nelle prospettive di medio termine del ramo esecutivo, nonostante il taglio del 60% dal momento peggiore della pandemia.

Il tetto alla spesa, che sarebbe di 173.000 milioni se non si tenesse conto dei fondi europei, sta lavorando per avviare la predisposizione dei conti pubblici dello Stato che, secondo Montero, “manterranno lo sforzo di investimento” con “traguardi storici” in materie quali come scienza, borsa di studio, salute o istruzione. Questo bilancio sarà fortemente condizionato dalla decisione di rivalutare le pensioni con un CPI medio lo scorso anno, che potrebbe far salire questa voce fino a 15mila milioni di euro.

Nessuna recessione entro il 2023

Per preparare questo tetto alla spesa, il governo ha aggiornato le sue previsioni economiche per quest’anno e il prossimo, con calcoli che mantengono praticamente il PIL (prodotto interno lordo) alto al 4,3%, lo stesso livello stimato finora nonostante il “ambiente complesso”. affrontato dalla Spagna. Tuttavia, per il 2023, l’Esecutivo ha notevolmente abbassato i suoi calcoli proiettando una crescita economica del 2,7%, otto decimi in meno rispetto a quanto indicato finora nelle sue previsioni macroeconomiche.

Le previsioni sono simili a quelle fatte nelle ultime settimane da vari organismi come la Commissione Europea per quest’anno, che indicava una crescita del 4% del PIL spagnolo. Anche se differiscono nell’ottimismo per il 2023, quando l’Unione Europea prevede un aumento del 2,1%, sei decimi in meno rispetto all’economia.

La vicepresidente Economia Nadia Calvino ha affermato che “l’impatto della guerra si riflette in una minore crescita dei consumi nella seconda metà dell’anno”, circostanza che sarà compensata da “investimenti in beni capitali ed esportazioni”, che saranno “più favorevoli di quanto ci aspettassimo per il 2022 anche se sarà inferiore per il 2023”. Per ora il governo esclude una recessione – intesa come due o più trimestri con PIL negativo -. “Tutte le organizzazioni si aspettano che la Spagna mantenga una forte crescita nel 2022 e una crescita significativamente maggiore nel 2023 rispetto all’Unione Europea” in entrambi i casi.

Più o meno nello stesso periodo, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha pubblicato la sua nuova previsione, che include il declassamento del rating complessivo per l’intero mondo, compresa la Spagna, a causa delle ripercussioni dell’inflazione in Occidente, un rallentamento peggiore del previsto in Cina e l’esito della guerra in Ucraina.

L’agenzia ritiene che la Spagna crescerà del 4% nel 2022, con un calo di otto decimi rispetto alla previsione pubblicata ad aprile. Per il 2023, il fondo prevede di registrare una crescita del 2%, un calo significativo di 1,3 punti rispetto alle aspettative di tre mesi fa. In questo modo, l’agenzia stima che la crescita nel quarto trimestre del 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso sarà dell’1,3%, mentre nel quarto trimestre del 2023 sarà del 2,3%.

Nell’area euro nel suo complesso, la crescita quest’anno sarà del 2,6%, due dozzine in meno rispetto alla previsione precedente. Il FMI ha spiegato che il significativo miglioramento delle prospettive dell’Italia (sette decimi in più, fino al 3% nel 2022) dovuto ai previsti miglioramenti nel turismo e nell’attività industriale, non è stato in grado di compensare i cali in Germania, Francia o Spagna.

Pertanto, il fondo stima che la crescita in Germania sarà dell’1,2% nel 2022, nove decimi in meno, mentre la crescita in Francia si attesterà al 2,3%, sei decimi in meno rispetto alla previsione pubblicata ad aprile.

Guardando al prossimo anno, la previsione per l’eurozona è stata rivista al ribasso di 1,1 punti all’1,2%. Dal canto suo, la Germania crescerà dello 0,8% (1,9 punti in meno); Francia 1% (quattro decimi in meno); e Italia 0,7% (un punto in meno).

A livello generale dell’Europa, senza specificare per paese, il fondo ha indicato che una completa cessazione delle esportazioni di gas russe inciderà in modo significativo sull’inflazione e causerà il razionamento dell’energia. Questo, a sua volta, ridurrebbe ulteriormente la crescita della zona euro quest’anno e il prossimo.