Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il terzo concorso per cortometraggi “Fair Cinema” è dedicato alla “Cultura italiana nella realtà venezuelana” |

Professionisti dell’audiovisivo, studenti di cinema e altri interessati all’attività audiovisiva come mezzo di espressione artistica possono registrare il proprio lavoro fino al 10 maggio. I primi tre premi verranno assegnati a prodotti realizzati da persone fisiche maggiorenni. Inoltre, si prevede di premiare i creatori di età compresa tra i 14 ei 18 anni nella categoria “Giovani talenti”.

3° Concorso Cortometraggi “Tariffa Cinema – Immigrato Italiano”sempre più apprezzato da produttori audiovisivi e registi, aprirà il prossimo 9 marzo il bando per valutare e individuare i migliori prodotti dedicati alla “cultura italiana nella realtà venezuelana: arte, cucina e scienza | Cultura italiana nella realtà venezuelana: arte, cucina e scienza”.

Il concorso del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, nato per premiare l’industria cinematografica nel mondo, è organizzato dall’Ambasciata d’Italia in Venezuela, dal Consolato Generale d’Italia a Caracas, dal Consolato d’Italia a Maracaibo, dall’Istituto Italiano di Cultura di Caracas, il Comitato per gli Italiani all’Estero COM.IT.ESItalian Trade Agency (ITA), Camera di Commercio Italo-Venezuelana (CAVENIT), Società Dante Alighieri de Maracay e Trasnocho Cultural.

“tariffa del cinema” Si concentra sul far luce su uno dei movimenti migratori più importanti al mondo che ha maggiormente influenzato la cultura venezuelana, soprattutto dal ventesimo secolo. È noto che le migrazioni hanno un ruolo decisivo nella storia d’Italia, siano esse temporanee o permanenti, queste ondate umane sono state segnate da storie che hanno lasciato tracce profonde al di là del “semplice spostamento di popolazione”.

All’Ambasciatore d’Italia a Caracas, Placido Vigo, che a lui è dedicata la terza edizione del concorso La cultura italiana nella realtà venezuelana: arte, cucina e scienza | Cultura italiana nella realtà venezuelana: arte, cucina e scienza”Un modo meraviglioso per affrontare il complesso fenomeno sociale dei loro concittadini venezuelani, che non erano solo mercanti, imprenditori, specialisti del commercio o prestatori di servizi, ma molti dei quali erano artigiani o innovatori con grande sensibilità o con un ampio campo scientifico e background culturale che gli ha permesso di farlo Formando solidarietà con lo Stato che li ha accolti, migliorando le loro condizioni di vita e contribuendo allo sviluppo del Paese”.

Parte della storia degli immigrati italiani nella “Terra delle Grazie” è costituita dai contributi di innumerevoli personaggi noti – e altri sconosciuti – che sono emersi come artefici di varie forme di espressione artistica, artigiani, pensatori, accademici, scienziati e amanti dei frutti della terra che hanno contribuito a costruire quello che oggi è il Venezuela.

come condividere

Invito alla terza edizione di “Tariffa Cinema – Immigrato Italiano” Sarà aperto dal 9 marzo a martedì 10 maggio 2022. Possono partecipare professionisti dell’audiovisivo, creatori, produttori, registi, sceneggiatori, registi e studenti di cinema, nonché chiunque sia interessato all’attività audiovisiva come mezzo di espressione. Tecnico.

READ  Roma Eterna, Città del Desiderio

Secondo le regole del concorso di quest’anno, i film documentari o di finzione devono avere una durata compresa tra i sei e gli otto minuti. Il brano audiovisivo per il concorso dovrà essere pubblicato sulla piattaforma YouTube, in modalità nascosta e in HD (1920 x 1080 pixel). I cortometraggi che non soddisfano questo requisito saranno squalificati.

Il richiedente deve compilare il modulo di concorso, disponibile sui portali web degli enti regolatori: www.ambcaracas.esteri.itE il www.cavenit.com o www.trasnochocultural.comE il Devi includere il link Youtube (in modalità nascosta) del cortometraggio per il quale desideri candidarti e accettare le Condizioni Generali, nonché il Regolamento del Concorso. Non saranno accettate applicazioni fisiche tramite dispositivi di archiviazione (pen drive, hard disk esterni, CD, ecc.).

Tra le modifiche al regolamento per l’occasione, è chiaro che i vincitori delle precedenti edizioni dovranno attendere due anni per partecipare nuovamente. Questa regola sarà in vigore dal framework vincente nella prima versione.

Tema: arte, cucina e scienza

Fin dai primi anni della Repubblica del Venezuela, ci sono storie leggendarie di europei venuti a lavorare la terra attratti dai progetti di colonizzazione agricola in diverse parti del territorio nazionale, promossi dal governo venezuelano nel XIX secolo. Sebbene la maggior parte di queste iniziative non abbia avuto successo, oggi esistono ancora aziende e marchi legati al caffè e al cacao che hanno le loro origini in aziende a guida italiana sia nell’ovest che nell’est del Paese, che con il loro ingegno hanno conquistato i gusti in diverse parti del il mondo.

Allo stesso modo, in diverse epoche storiche, sono arrivati ​​nelle terre demaniali tecnici agricoli specializzati che hanno contribuito a rivitalizzare i campi e le comunità rurali.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, l’afflusso di popolazione europea ha trovato il Venezuela un paese che ha aperto ampiamente le sue porte. Durante il governo Marcos Pérez Jiménez, i progetti di sviluppo nell’industria, nelle strade, nell’edilizia abitativa e nell’urbanistica hanno permesso ai lavoratori immigrati di creare posti di lavoro, poiché architetti, geometri, designer, artisti, pittori e scultori italiani hanno avuto lo spazio per esprimersi e contribuire al Paese.

Gran parte del paesaggio urbano di Caracas che è stato costruito a metà del secolo scorso è stato responsabile degli italiani che hanno progettato e costruito i principali e più importanti edifici e opere pubbliche non solo nella capitale ma in diversi stati. Gli immigrati dalla penisola italiana hanno svolto un ruolo fondamentale nella trasformazione dei paesi e delle città del Venezuela, attraverso varie attività economiche, incorporando proposte di nuovi prodotti e modi di fare che i venezuelani hanno gradualmente adottato, dai prodotti importati al trasferimento dei mercati alla centralizzazione del commercio e alla creazione di nuove reti commerciali e di trasporto.

READ  La storia delle donne che hanno affrontato il fascismo giocando a calcio

Negli anni ’50, i dati mostravano che quelli della terra di Dante, Leonardo e Michelangelo rappresentavano la più grande comunità di immigrati del Venezuela, che portava con sé i propri schemi alimentari, con la pasta come piatto principale. Sebbene i primi pastifici italiani nel paese risalgano alla fine dell’800, a Caracas e nelle Ande; La divulgazione di questo piatto nella dieta dei venezuelani è avvenuta in concomitanza con la grande ondata di immigrazione dall’Italia a metà del secolo scorso, e dal Venezuela, non molto tempo fa, dopo che l’Italia è diventata il maggior consumatore al mondo di questo specifico alimento .

La pasta, con le sue salse, e altri accompagnamenti come i dolci del paese europeo, sono stati installati sui tavoli e hanno occupato i menu di ristoranti e caffè in tutto il Venezuela. Fiorirono anche panifici, pasticcerie e dolci. Molti di questi esercizi dedicati ai sapori della gastronomia italiana restano aperti dopo più di 60 anni. Ma oltre a questo, l’arepa iniziò ad essere associata a salsicce come mortadella, salame, salsiccia, tra gli altri.

Vale anche la pena notare in materia gastronomica, che durante i primi decenni del Novecento si registrano di immigrati italiani che si dedicavano alla vendita artigianale di bibite e succhi di frutta. Allo stesso modo, l’inizio della produzione nazionale di birra ha avuto investitori dall’Italia, il che indica anche lo sviluppo di importanti lavori di ingegneria associati a questa bevanda alcolica.

i maestri marmisti che allestirono laboratori e alcuni di essi si trasformarono in fabbriche; artigiani “Arte muranese”; musicisti che si sono dedicati all’insegnamento e alla fondazione di orchestre e orchestre o alla composizione di brani memorabili; Stampa “voce”. I marchi e l’abbigliamento in stile “Made in Italy” che fanno parte della cultura popolare e della vita quotidiana venezuelane, fanno risalire le loro origini agli immigrati giunti in Venezuela, insieme alle loro arti, abilità e mestieri, per insediarsi profondamente nelle idiosincrasie nazionali.

Per quanto riguarda l’espansione scientifica, accademica e universitaria del Venezuela, anche l’immigrazione italiana ha contribuito in modo fondamentale, supportata dall’impulso dei piani nazionali di modernizzazione della metà del secolo scorso, soprattutto in ambiti quali l’agricoltura, la medicina, la scienza, scienze veterinarie, scienze della comunicazione, tra gli altri. Sebbene uomini come Agustín Codazzi avessero già aperto questa strada, poiché ha dato la sua passione e conoscenza del Venezuela quando si è dedicato un decennio alla costruzione di una mappa e un atlante del paese, partecipando militarmente alle campagne nell’entroterra e sviluppando alcuni ingegneri come ingegnere. I primi progetti di difesa previsti nel periodo repubblicano prevedevano il progetto coloniale di Colonia Tovar.

READ  La notte disordinata di Ernestina Bey alla celebrità di Masterchef che si è conclusa con la sua eliminazione

Insomma, le storie che raccontano i contributi della comunità italiana in Venezuela, in ambiti così ampi come la cultura, l’arte e la cucina, per citare coloro che aspirano a segnare il concorso “Fare Cinema”, puntano all’infinito.

per il meglio

Come nelle prime due edizioni, le opere partecipanti a questo concorso audiovisivo saranno valutate da una qualificata giuria composta da membri delle istituzioni organizzatrici del concorso e annuncerà il proprio verdetto il 4 giugno 2022. I primi tre premi saranno assegnati a cortometraggi realizzati da persone fisiche di età superiore ai 18 anni. , di qualsiasi nazionalità e che risiedono legalmente in Venezuela da almeno due anni.

Inoltre, è previsto l’assegnazione del premio Categoria “Giovani Talenti”, Per creatori di età compresa tra 14 e 18 anni, di qualsiasi nazionalità residenti in Venezuela.

L’Ambasciata d’Italia a Caracas assegnerà il primo premio al miglior film audiovisivo “The Italian Immigrant” con un premio in denaro di $ 3000. Vincitore del 2° posto, sponsorizzato da CAVENIT e COM.IT.ESRiceverai $ 2000. Società Dante Alighieri di Maracay e COM.IT.ES Il premio sarà assegnato al terzo classificato, assegnato per un importo di US$ 1.000.

menzione speciale per Giovani talenti Patrocinato dal Consolato Generale d’Italia a Caracas, include una ricompensa in denaro di 1.000 USD.

La giuria qualificata ha il potere di rilasciare diplomi Note speciali per cinque cortometraggi. Tali opere potranno essere inserite nelle domande presentate dall’Ambasciata d’Italia a concorsi e festival cinematografici internazionali.

Infine, il regolamento del concorso prevede che una volta concluse le delibere della giuria per la selezione dei vincitori della terza edizione, i risultati saranno comunicati ai partecipanti via email entro 48 ore.

Registrati qui: https://forms.gle/9hn2pw8GXh2MaZ1X6
Dal 09 marzo 2022 al 10 maggio 2022

Tutti i dettagli del terzo concorso per cortometraggi
“Tariffa del cinema. Immigrato italiano “disponibile sui siti www.ambcaracas.esteri.itE il www.cavenit.com E il www.trasnochocultural.com.

Allo stesso modo, le persone interessate possono comunicare
Con gli account sui social media di:
– Facebook: Consolato Generale d’Italia a Caracascavenit, trasnochocult
– Twitter: @ItalyinVENItalyinCaracascavenittrasnochocult
Instagram: @consolatoitalia_caracascavenittrasnochocult.