Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il suggerimento dei medici che avrebbe potuto salvare la vita di Maradona due settimane prima della sua morte

Diego Final: il protagonista di uno dei suoi ultimi incontri da allenatore di ginnastica.

esistere Un verbo che descrive un momento importante nella vita e nella morte Diego Armando Maradona: sui termini della sua dimissione dalla clinica Olivos, dopo essere stato operato per un ematoma subdurale alla testa. Risale all’11 novembre dello scorso anno, 14 giorni prima della sua morte. firmato Scritto da Leopoldo Luke e Agustina Kozakov e Pablo Dimitrov, Direttore medico della clinica. Sono presenti anche rubriche di Gianna e Gana Maradona, figlie dell’idolo. Maradona conferma “Ha avuto uno sviluppo positivo dopo l’intervento chirurgico ed è in condizioni di dimissione”.Pertanto, era “necessario dimostrare il proseguimento del trattamento” poiché non era in grado di essere dimesso dall’ospedale.

Così, il “team medico curante” di Diego è stato chiamato per determinare le condizioni. Swiss Medical, il prepagato che ha coperto Maradona, ha presentato la sua proposta: “Continuare il trattamento psicologico e clinico, riabilitativo e tossicologico”, con Maradona caratterizzato dalla sua dipendenza dall’alcol “sotto il Come recuperare in un centro di riabilitazione Con un team di supporto psichiatrico, per questo Swiss Medical ha gestito l’istituto di riabilitazione e i professionisti con l’obiettivo di concordare la migliore strategia di trattamento. Quel centro, ha poi appreso, sarebbe stato la Clinica ALCLA, secondo fonti del caso.

La famiglia, secondo la cronaca, ha rifiutato. I medici hanno chiesto aiuto all’infermiera prepagata, senza il verbale che indicasse la specialità e l’accompagnamento medico il certificato firmato, Alle sue condizioni, afferma che il seguito è responsabile di Luque, Cosachov e della famiglia, non Swiss Medical.

Dopo due settimane, Maradona è morto dopo 12 ore di sofferenza per insufficienza cardiaca congestizia con un cuore che pesava mezzo chilo, ipertensione, cirrosi e deterioramento cognitivo cronico, con Un complesso di psicofarmaci prescritti da CosachovE il Ma niente al suo cuore.

Riabilitazione, no: testimonianza firmata dalla famiglia Maradona, Lucí e Kosachev.
Riabilitazione, no: testimonianza firmata dalla famiglia Maradona, Lucí e Kosachev.

Oggi, nel giugno 2021, Sette mesi dopo, il caso è stato indagato dai pubblici ministeri Laura Capra, Patricio Ferrari e Cosme Eribaren sotto la supervisione del procuratore generale John Broid. Andare avanti con passi decisi. Locke e Kosachev hanno annunciato che è accusata anche Nancy Forlini, responsabile del coordinamento dell’assistenza domiciliare. Secondo la richiesta di indagine nei suoi confronti, egli “non ha rispettato i doveri minimi affidatigli, Tra questi, secondo lo schema del paziente, la fornitura di personale infermieristico specializzato in salute mentale del luogoAccompagnamento terapeutico, dietista e attrezzature appropriate per RCP avanzata, studi di laboratorio ed ECG.

READ  Il ministro della scienza ha affermato che si tratta di una "potenziale strategia" per combinare i vaccini contro il coronavirus

Kuzachov, nella sua inchiesta, si è schierato forte contro Forlini. Nella propria indagine Forlini ha affidato ogni responsabilità a quelli che erano i “medici personali”. Non gli hanno “mai” chiesto di seguire le consuete procedure di “soggiorno domiciliare” come indicato nel verbale. Cioè, non hanno nemmeno chiesto infermieri specializzati. Forlini, quindi, non aveva “autorità di polizia”, ​​per così dire, per controllare quanto accaduto nel paese di San Andrés, dove finalmente Diego morì.

Kozakov: offerta di assumere le responsabilità (Reuters / Agustin Markarian)
Kozakov: offerta di assumere le responsabilità (Reuters / Agustin Markarian)

Dall’altro lato, La legge ha anche influenzato le conclusioni della commissione medica di oltre 20 specialisti, tra cui Mariana Fleischmann, attrice Forlini. “Insistiamo che secondo il certificato di dimissione firmato dal rappresentante della medicina svizzera, dai medici curanti e dalle figlie di Dame, Non è richiesto il ricovero domiciliare ma solo accompagnamento infermieristico e accompagnatore terapeutico, 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in qualità di responsabile dell’assistenza ai medici curanti”, conferma il resoconto finale dell’incontro. Secondo la cronaca, ciò che stava accadendo a San Andreas non riguardava la permanenza a casa, ma l’assistenza assistita.

Alla fine di questa nota, Leopoldo Locke ha proseguito la sua indagine davanti al Pubblico Ministero nel caso. I suoi contenuti non sono ancora noti, ma la responsabilità è di loro. Su un altro fronte, il difensore di Forlini, Nicholas Dalbora, ha interrogato davanti ai pm l’accusa di semplice omicidio con intento ultimo, così come hanno fatto Loki e Kosachev.

Il suo ragionamento era il seguente: ciò che si attribuisce a Forlini è, comunque, Problemi di colpa, non di intenti.

Continuare a leggere: