Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sistema oceanico critico potrebbe essere destinato al collasso a causa del cambiamento climatico

Un importante sistema oceanico potrebbe essere in procinto di collassare a causa dei cambiamenti climatici (Sebastián Carrasco / Europa Press)

Il riscaldamento causato dall’uomo ha provocato una “perdita quasi completa di stabilità” nel sistema che guida le correnti nell’Atlantico.Un nuovo studio ha messo in guardia, sollevando la preoccupante possibilità che questo critico “nastro trasportatore” dell’acqua possa essere sull’orlo del collasso.

Negli ultimi anni, Gli scienziati avvertono dell’indebolimento della circolazione sanguigna nell’Atlantico meridionale (AMOC), che trasporta l’acqua calda e salata dai tropici al nord Europa e quindi invia l’acqua più fredda a sud lungo il fondo dell’oceano. I ricercatori che studiano il cambiamento del paleoclima hanno anche trovato prove che l’AMOC potrebbe spegnersi improvvisamente, causando Cambiamenti improvvisi di temperatura e altri cambiamenti drammatici nei sistemi climatici globali.

Gli scienziati non hanno osservato direttamente il rallentamento dell’AMOC. ma nuovo studioPubblicato giovedì sulla rivista La natura del cambiamento climatico, dipende da Oltre un secolo di dati sulla temperatura e sulla salinità dell’oceano per mostrare cambiamenti significativi in ​​otto misure indirette della forza di rotazione.

05-08-2021 Il corso dell'AMOC atlantico, che favorisce il clima temperato dell'Europa occidentale (Sebastián Carrasco / Europa Press)
05-08-2021 Il corso dell’AMOC atlantico, che favorisce il clima temperato dell’Europa occidentale (Sebastián Carrasco / Europa Press)

Questi indicatori indicano che L’AMOC diminuisce, rendendolo più suscettibile alle interruzioni che potrebbero portare a squilibri, l’autore dello studio ha analizzato Niklas BowersÈ ricercatore presso il Potsdam Institute for Climate Impact Sciences in Germania.

Se la circolazione si interrompe, potrebbe portare a un freddo estremo in Europa e in alcune parti del Nord America, aumentare il livello del mare lungo la costa orientale degli Stati Uniti e interrompere i monsoni che forniscono acqua alla maggior parte del mondo..

Questo è un aumento della comprensione di quanto l’AMOC sia davvero vicino al punto di non ritorno.“, ha sottolineato per spezzare Cesare, un fisico del clima dell’Università di Maynooth non è stato coinvolto nello studio.

L’analisi di Bowers non indica esattamente quando potrebbe verificarsi un cambiamento. Ma “la semplice possibilità che il punto di svolta dell’AMOC si avvicini dovrebbe essere un incentivo sufficiente per prendere contromisure”, ha detto Kaiser. “È probabile che le conseguenze del crollo siano di vasta portata“.

L’AMOC è il prodotto di un gigantesco equilibrio attraverso l’oceano. Inizia ai tropici, dove le alte temperature non solo riscaldano l’acqua di mare, ma ne aumentano il contenuto di sale favorendo l’evaporazione. Queste acque calde e salate scorrono da nord-est dalla costa degli Stati Uniti in Europa, creando la corrente che conosciamo come Corrente del Golfo.

È probabile che le conseguenze del crollo siano di vasta portata (David Ramos / Europa Press)
È probabile che le conseguenze del crollo siano di vasta portata (David Ramos / Europa Press)

Ma All’aumentare della latitudine attuale, si raffredda, aggiungendo densità all’acqua già salata. Quando raggiungi la Groenlandia, è abbastanza denso da affondare in profondità nella superficie. L’acqua sommersa si spinge più a sud verso l’Antartide, dove si mescola con altre correnti oceaniche come parte di un sistema globale noto come ilCircolazione del sale termale“.

READ  Gli Stati Uniti hanno superato 800.000 morti per COVID-19 dall'inizio della pandemia

Questa circolazione è al centro del sistema climatico terrestre e svolge un ruolo importante nella ridistribuzione del calore e nella regolazione dei modelli meteorologici in tutto il mondo..

Finché esistono le temperature e i gradienti di salinità necessari, hanno spiegato i boeri, l’AMOC è autosufficiente. La fisica prevedibile che fa affondare l’acqua più densa e “alzarsi” dell’acqua più leggera mantiene la circolazione in un ciclo infinito.

Ma Il cambiamento climatico ha cambiato gli equilibri. Le temperature più elevate rendono le acque oceaniche più calde e leggere. L’afflusso di acqua dolce proveniente dallo scioglimento delle calotte glaciali e dei ghiacciai diluisce la salinità dell’Atlantico settentrionale e ne riduce la densità. Se quest’acqua non fosse abbastanza pesante da penetrare, l’AMOC sarebbe completamente spento.

Le correnti marine sono state studiate a fondo da un team di scienziati argentini, più precisamente dell'Istituto Balseiro e degli Stati Uniti.
Le correnti marine sono state studiate a fondo da un team di scienziati argentini, più precisamente dell’Istituto Balseiro e degli Stati Uniti.

È già successo. Gli studi dimostrano che alla fine dell’ultima era glaciale, un enorme lago glaciale ha sfondato la calotta glaciale in ritirata nel Nord America.. Inondazioni di acqua dolce si sono infiltrate nell’Oceano Atlantico, bloccando l’AMOC e facendo precipitare gran parte dell’emisfero settentrionale, in particolare l’Europa, nel freddo pungente. Le bolle di gas intrappolate nel ghiaccio polare indicano che l’ondata di freddo è durata 1.000 anni. Le analisi dei fossili di piante e delle antiche rovine indicano che il cambiamento climatico ha alterato gli ecosistemi e sconvolto le società umane.

“Questo fenomeno è intrinsecamente separabile”, ha affermato Peter de Menocal, presidente della Woods Hole Oceanographic Institution, dell’AMOC. “È acceso o spento.”

Ma sta per uscire adesso? Questa è la domanda centrale che ci riguarda tuttiSaid de Menocal, che non era coinvolto nelle indagini sui boeri.

READ  Lavrov, l'irresistibile ministro degli Esteri di Putin, la chiave dell'immagine oscura della Russia nel mondo di oggi

Nel suo rapporto speciale del 2019 sull’oceano e la criosfera in un clima che cambia, il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite ha previsto che l’AMOC si sarebbe indebolito nel corso di questo secolo, ma un crollo completo nei prossimi 300 anni era probabile solo nel peggiore dei tempi . scenari di riscaldamento.

Amok sarà indebolito durante questo secolo, ma il collasso totale nei prossimi 300 anni era probabile solo nei periodi peggiori.  Scenari di riscaldamento (Reuters/Mike Segar)
Amok sarà indebolito durante questo secolo, ma il collasso totale nei prossimi 300 anni era probabile solo nei periodi peggiori. Scenari di riscaldamento (Reuters/Mike Segar)

La nuova analisi indica che “la soglia critica è probabilmente molto più vicina di quanto ci aspettassimo”.ha detto Boero.

Ha detto che le “forze riformatrici” o i circuiti di feedback che fanno muovere l’AMOC stanno diminuendo. Tutti gli indicatori analizzati nel loro studio, compresa la temperatura della superficie del mare e le concentrazioni di sale, stanno diventando sempre più variabili.

È come se l’AMOC fosse il nuovo arrivato al pronto soccorso, ha detto de Menocal, e Boers avesse dato agli scienziati una valutazione dei suoi segni vitali. “Tutti i segni corrispondono a un problema reale potenzialmente letale“.

Gli oceani stanno diventando più stratificati a causa del riscaldamento globale (EPA/NIC BOTHMA/File)
Gli oceani stanno diventando più stratificati a causa del riscaldamento globale (EPA/NIC BOTHMA/File)

Anche gli oceanografi fisici come lui stanno cercando di confermare la decelerazione dell’AMOC attraverso osservazioni dirette.. Ma l’AMOC è così grande e complesso che probabilmente ci vorranno anni di attento monitoraggio e raccolta di dati prima che sia possibile una misurazione definitiva.

Tuttavia, tutti sono anche consapevoli del pericolo di aspettare questo test.Detto de Menocal.

Dopotutto, ci sono molte altre indicazioni che il clima della Terra si trovi in ​​una regione senza precedenti. Quest’estate, il nord-ovest del Pacifico è stato colpito da un’ondata di caldo che secondo gli scienziati sarebbe stata “praticamente impossibile” senza il riscaldamento causato dall’uomo. La Cina, l’Europa centrale, l’Uganda e l’India hanno subito inondazioni massicce e mortali. Gli incendi si sono diffusi dalla California alla Turchia e alle foreste ghiacciate della Siberia.

Il mondo è più caldo di più di 1°C (1,8°F) rispetto a prima che gli umani iniziassero a bruciare combustibili fossili.E sta diventando sempre più caldo.

Lo schianto dell'aereo militare cileno C-130 ha mostrato i pericoli di attraversare una delle strade più pericolose del mondo, dal Cile all'Antartide, è necessario attraversare il Passaggio di Drake, il collegamento più meridionale tra gli oceani Pacifico e Atlantico.  Con una delle maree più tempestose del pianeta, che dal XVII secolo è diventata un cimitero per più di 10.000 marinai e 800 navi.
Lo schianto dell’aereo militare cileno C-130 ha mostrato i pericoli di attraversare una delle strade più pericolose del mondo, dal Cile all’Antartide, è necessario attraversare il Passaggio di Drake, il collegamento più meridionale tra gli oceani Pacifico e Atlantico. Con una delle maree più tempestose del pianeta, che dal XVII secolo è diventata un cimitero per più di 10.000 marinai e 800 navi.

Le ovvie conseguenze del rallentamento dell’AMOC iniziano a farsi sentire. Si ritiene che il persistente “punto freddo” nell’oceano a sud della Groenlandia sia dovuto all’acqua meno calda che raggiunge quella zona.. La Tarda Corrente del Golfo ha causato uno straordinario innalzamento del livello del mare lungo la costa orientale degli Stati Uniti. Le principali attività di pesca sono state interrotte da rapidi cambiamenti di temperatura e le specie amate stanno lottando per adattarsi ai cambiamenti.

READ  Il Regno Unito ha imposto sanzioni alle figlie di Vladimir Putin e al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov

Se l’AMOC dovesse chiudere completamente, ha detto Boyers, il cambiamento sarebbe irreversibile nelle vite umane. La natura ‘bistabile’ del fenomeno significa che troverà un nuovo equilibrio nel suo stato ‘fuori’. Il riavvio potrebbe richiedere un cambiamento climatico molto maggiore rispetto ai cambiamenti che hanno portato allo spegnimento.

È uno di quegli eventi che non dovrebbero accadere e dobbiamo fare tutto il possibile per ridurre le emissioni di gas serra il più rapidamente possibile.Allerta boera. “Questo è un sistema con cui non vogliamo scherzare“.

© Washington Post

La scrittrice, Sarah Kaplan, è una giornalista climatica che si occupa della risposta dell’umanità a un mondo in via di riscaldamento che in precedenza ha scritto di scienze della Terra e dell’universo.

Variabile delta: quali strategie dovrebbe puntare l’Argentina per evitare la circolazione comunitaria