Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il settore agroalimentare ha contribuito all’economia con quasi 100.000 milioni nel 2021 e ha creato 2,3 milioni di posti di lavoro

Il settore agroalimentare, compresa la distribuzione, ha contribuito all’economia spagnola con quasi 100.000 milioni di euro nel 2021, rappresentando il 9,2% del valore aggiunto totale, creando 2,3 milioni di posti di lavoro, ovvero l’11,5% del totale nazionale.

Il Gruppo Cajamar e Ivie hanno presentato questa mattina l'”Osservatorio del settore agroalimentare spagnolo nel contesto europeo”. Rapporto 2021, in cui compare Crescita dello 0,5% del valore aggiunto nel settore, per raggiungere una cifra di 99.792 milioni di euro, il 9,2% del prodotto interno lordo dell’economia spagnola. comunque Il peso del settore nell’economia è diminuito di quattro decimi Nel 2021 era di quattro decimi superiore rispetto a prima della pandemia nel 2019 (8,8%).

Se nel 2021 il settore è cresciuto meno del totale dell’economia (0,5% vs 5,1%), nel 2020 ha resistito all’impatto della crisi pandemica (-3,1% vs -10,8%), dovuto alla natura strategica del settore. Il settore primario, che ha visto un aumento del suo valore aggiunto del 4,3%. Nel 2021, invece, Il settore dell’agricoltura, dell’allevamento e della pesca ha registrato una diminuzione del valore aggiunto del -5,6% (secondo Eurostat, che è la fonte utilizzata nel confronto europeo e si discosta dal -3,7% di INE), che contrasta con un aumento del 4% nell’industria di trasformazione e del 3,8% nella distribuzione dei prodotti agroalimentari.

Nonostante questa bassa crescita nel 2021, La Spagna rimane la quarta economia del settore agroalimentare nell’Ue-27, che rappresenta il 12% del PIL della società in questo settore, ha spiegato questa mattina Joaquin Modus, vicedirettore di Ivie e autore del rapporto, insieme all’economista di Ivie, Jimena Salamanca.

L’evento ha visto la presenza e la partecipazione del Segretario Generale del Ministero dell’Agricoltura, Fernando Miranda, e di Eduardo Bamondi, Presidente di Cajamar, che hanno valutato la continua crescita delle esportazioni agroalimentari: “Nel 2021 un nuovo ricordo, quello Evidenzia la straordinaria competitività del settore sui mercati esteri“; l’aumento degli investimenti in R+S+i,” “sebbene siamo ancora al di sotto della media comunitaria,” e la crescente consapevolezza del settore verso la gestione ambientale” con il trend crescente dell’area adibita ad agricoltura e allevamento ambiente e la riduzione delle emissioni di gas serra”.

Prodotto principale suino

La Spagna è il principale produttore europeo di suini, ortaggi freschi, frutta fresca, olio d’oliva e agrumi con quote di mercato rispettivamente del 24,7%, 20,9%, 21%, 51,7% e 55,9%. Inoltre, lo è anche la Spagna La sesta economia che contribuisce ad aumentare le opportunità occupazionali nel settore agroalimentare europeo10,4% del totale. Tuttavia, sebbene la ripresa dell’economia dopo l’anno della pandemia iniziasse a farsi sentire, non è stata in grado di impedire un calo dell’occupazione totale nel settore in Spagna del -0,4% nel 2021. Il settore primario ha aumentato il numero di lavoratori di 1,9 % (che contrasta con la diminuzione del suo valore aggiunto totale), mentre nell’industria e nella distribuzione è diminuito rispettivamente del -2,3% e del -1,1%. In totale, il numero di posti di lavoro è diminuito di 8.300, portando il numero di persone occupate in questo settore a 2.999.142 persone, che rappresentano l’11,5% delle persone occupate nell’economia spagnola totale.

READ  Il G7 si impegna a condividere i vaccini e un'economia globale equa

L’invecchiamento della forza lavoro nel settore agroalimentare è un tratto distintivo Sia nell’UE-27 che in Spagna, dato che oltre il 30% delle persone impiegate in questa attività ha più di 50 anni (40% nell’UE-27 e 33,8% in Spagna). Le donne sono una minoranza nel mercato del lavoro del settore agroalimentare in entrambi i casi, ma è più acuto in Spagna, dove solo il 29% di tutti i lavoratori sono donne, rispetto al 36,3% nell’Unione Europea.

inflazione

Già alla fine del 2021, l’effetto combinato delle difficoltà di trasporto dovute alla carenza di container, alla crescente domanda di cereali e all’aumento dei prezzi dell’olio vegetale e dell’energia, ha comportato la perdita di posti di lavoro a causa del COVID -19 e un aumento dei imposta sul valore aggiunto sulle bevande zuccherate in Spagna ha portato a Un processo inflazionistico per alimenti e bevande alcoliche che porta il suo tasso di crescita al 4,9% in Spagna e il 4,3% nei 27 paesi dell’UE.

In ogni caso, I produttori non hanno trasferito al consumatore l’intero aumentoI prezzi registrati nella produzione di alimenti e bevande, dove il costo di produzione nel 2021 è aumentato dell’8,2% in Spagna e del 7,1% nell’Unione Europea -27, che è significativamente superiore rispettivamente all’1% e al -0,2% del inflazione registrata a fine 2020 a prezzi alla produzione.

Carrello della spesa

Nonostante il peso di cibi e bevande nel carrello della spesa degli spagnoli sia diminuito nel 2021 (dopo il forte aumento nel 2020 durante l’epidemia), Continuano a guadagnare più peso di quello che c’è nel carrello della spesa europeo (23,3% contro 19,6%). Inoltre, ha superato il suo peso pre-pandemia (23,3% nel 2021 contro 19,7% nel 2019). La spesa pro capite per cibo e bevande in Spagna è stata di 2.300 euro nel 2020 (l’ultimo anno disponibile), l’8,4% in meno rispetto a quella dell’Unione Europea (2.510 euro). Sia in Spagna che nell’UE27, questa spesa è aumentata rispettivamente del 7% e del 4,6%.

READ  Stiglitz e Monty hanno chiesto più peso del governo e la riattivazione delle misure per superare la crisi

produttività e competitività

Nella presentazione, Modus ha evidenziato che la produttività del settore agroalimentare (valore aggiunto per dipendente) è superiore del 29,1% a quella dell’UE27 e che è più competitivo del settore europeo a causa del costo del lavoro di ciascun prodotto. L’unità (CLU) è inferiore del 29%. Rispetto alla media europea, spicca soprattutto l’elevata competitività del settore primario (le spese uniformi approvate (ULC) sono ridotte del 70%). Anche l’industria della trasformazione è più competitiva (con un ULC inferiore dell’11% rispetto all’UE-27). Al contrario, il settore della distribuzione di alimenti e bevande in Spagna è del 3% meno competitivo rispetto alla media europea.

Massimo nelle esportazioni

Per quanto riguarda le esportazioni, nel 2021 è proseguito il trend di crescita, con un nuovo massimo storico di 61.646 milioni di euro, in crescita dell’11,6% rispetto all’anno precedente. La Spagna è la quarta economia esportatrice nel settore agroalimentare dei 27 paesi dell’UE e contribuiscono per il 10,5% del totale. L’Unione Europea è anche la principale destinazione delle sue esportazioni. In particolare, Francia, Germania, Italia e Portogallo rappresentano il 45,9% delle vendite estere di prodotti agroalimentari spagnoli.

Il nostro Paese ha registrato due decenni consecutivi di surplus commerciale nel settore agroalimentare, che nel 2021 è cresciuto del 2,2%, raggiungendo 18.831 milioni di euro, il secondo surplus più alto della 27a Ue, dopo solo i Paesi Bassi.

Nel 2021, frutta e frutti commestibili erano i principali prodotti agroalimentari esportati dalla Spagna e rappresentavano il 17,1% delle esportazioni totali, mentre pesce, crostacei e molluschi erano il principale prodotto importato (15,5% delle esportazioni totali). importazioni alimentari).

Scorre con Russia e Ucraina

Il rapporto analizza anche le implicazioni del conflitto tra Russia e Ucraina sul mercato agroalimentare internazionale. Mentre la percentuale delle esportazioni agroalimentari spagnole verso entrambi i paesi è simile (0,3% in Ucraina e 0,4% in Russia), le importazioni sono basse nel caso del mercato russo, ma più significative nel caso degli acquisti dall’Ucraina (2,4% delle importazioni totali). I due principali prodotti importati da quel paese sono i cereali (53,1%) ei grassi e oli animali o vegetali (41,2%). Il 27,4% del mais e il 62% dell’olio di girasole importato dalla Spagna provengono dall’Ucraina.

READ  La resa delle olive diminuirà del 40%, il che prevede che i prezzi del petrolio continueranno a salire | Economia

Dati demografici aziendali

L’impatto della crisi del COVID-19 ha causato una diminuzione del -1,8% del numero di aziende del settore agroalimentare spagnolo nel 2020 (l’ultimo anno disponibile), a causa della distruzione di aziende del settore alimentare (-0, 6%), ma principalmente da quelle dedicate alla produzione di bevande (-7,7%). Nonostante ciò, la Spagna resta il terzo Paese più importante del settore agroalimentare nell’UE27 per numero di imprese, dopo solo Francia e Italia, con una concentrazione del 10,1% di tutte le imprese.

Tessile commerciale per l’industria agroalimentare spagnola È costituito principalmente da piccole imprese e aziende senza dipendenti (78,5% del totale), mentre solo lo 0,8% delle aziende sono considerate grandi. Le aziende dell’industria agroalimentare spagnola rappresentano il 17,4% di tutte le aziende manifatturiere del paese.

Sforzo di investimento in ricerca e sviluppo

In termini di investimenti commerciali in ricerca e sviluppo nel settore agroalimentare, l’Osservatorio colloca nel 2020 373 milioni di euro (ultimi dati disponibili), che rappresenta una crescita del 2,1% rispetto all’anno precedente ed è già un aumento di cinque anni. Questo leggero aumento nell’ultimo anno Non è consentito ridurre il divario con l’Unione Europea 27 negli sforzi per investire in ricerca e sviluppo Ciò è stato mantenuto per più di un decennio, poiché mentre in Spagna l’investimento nell’innovazione in questo settore rappresenta lo 0,63% del PIL del settore, nell’Unione Europea si attesta allo 0,75%. Dei 27 paesi dell’UE, solo gli sforzi di investimento della Spagna sono superiori a quelli dell’Italia.

Sostenibilità e ambiente

Lo studio lo evidenzia La Spagna ha convertito l’8,5% della sua intera superficie agricola all’agricoltura biologica Il totale nel 2020, rispetto al 5,8% nel 2012. Inoltre, la Spagna è il terzo produttore europeo di carne biologica, contribuendo con il 12,2% del totale nei 27 paesi dell’UE. In termini di emissioni di gas serra di questo settore, la Spagna è riuscita a ridurle del 2,2% nel 2020, quasi il doppio delle emissioni dei 27 paesi dell’UE (-1,3%). L’agricoltura e la pesca hanno rappresentato l’89,7% delle emissioni del settore, che rappresenta il 25,6% delle emissioni totali dell’economia spagnola.

CommentiIl WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn