Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sacco a pelo spaziale potrebbe essere la soluzione per gli astronauti per smettere di soffrire di danni agli occhi

La visibilità degli astronauti è un aspetto importante per prendersi cura di una missione su Marte (Immagine: Europa Press)

vivere o viaggiare a Marte Rimangono un sogno e un compito eccezionale per i ricercatori che non si arrenderanno finché non lo raggiungeranno. Tuttavia, non sono solo concentrati sul compito di costruire un razzo spaziale Dotato di abbastanza da trasportare astronautiMa in tutto ciò che il viaggio comporta: dove dormire e prendersi cura della propria salute.

È vero che senza navicella spaziale Non sarai in grado di completare Missione su Marte o qualsiasi altra destinazione al di fuori la terra, Tuttavia, un’altra parte essenziale è che il tuo equipaggio sia abbastanza comodo e abbia tutti gli accessori necessari perché il viaggio, secondo alcune stime, durerà più di nove mesi.

In questo modo, in modo che sia Forma fisica dell’astronauta Per essere tenuti per tutto il tempo che rimarranno nello spazio, devono avere un posto dove dormire adeguatamente, il che significa anche che questo spazio deve prendersi cura dei loro occhi.

I ricercatori hanno scoperto che la vista degli astronauti è significativamente ridotta dopo il loro ritorno sulla Terra. Ciò li ha portati a scoprire che la gravità zero influisce sulla loro visione.

Gli astronauti soffrono di varie malattie dopo essere stati a gravità zero per molto tempo (Immagine: NASA)
Gli astronauti soffrono di varie malattie dopo essere stati a gravità zero per molto tempo (Immagine: NASA)

secondo BBC, la NASA ha scoperto che un file mancanza di gravità Contribuisce all’inizio dell’emergenza degli astronauti problemi di vista, perché fa I fluidi corporei esercitano pressione sul bulbo oculare.

Questa prova è stata confrontata con più della metà degli astronauti che hanno trascorso almeno sei mesi in Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Alcuni avevano difficoltà a leggere o avevano bisogno di aiuto per completare gli esami.

READ  Il fotografo ha catturato una veduta aerea nel mezzo di un'eclissi solare

Si scopre che un file assenza di peso Fa sì che i fluidi corporei si accumulino nella testa, causando una maggiore pressione del bulbo oculare, con conseguente condizione chiamata . privo di O anche conosciuto come Sindrome del nervo ottico Associato a voli spaziali che colpiscono il nervo ottico e compromettono la vista.

Gli astronauti hanno bisogno di oggetti diversi per le missioni spaziali (Immagine: REUTERS/Joe Skipper)
Gli astronauti hanno bisogno di oggetti diversi per le missioni spaziali (Immagine: REUTERS/Joe Skipper)

Uno di questi casi è stato registrato nel 2005 con l’astronauta John Phillips che è arrivato alla Stazione Spaziale Internazionale con una vista 20/20 (ideale), tuttavia, sei mesi dopo l’inizio della missione, è tornato sulla Terra con una vista 20/100.

Quindi, sono preoccupati per questo Viaggio su Marte, che sarebbe molto più lungo, potrebbe danneggiare gravemente gli occhi dei missionari spaziali.

In questo senso, hanno sviluppato lo Space Bed Project per aiutare gli astronauti a mantenere la loro salute visiva. Stranamente, non si rivolge a occhiali, caschi o altro, ma piuttosto a un sacco a pelo.

Un prototipo del letto spaziale che aiuterà gli astronauti a vedere (Foto: UT SouthWestern Medical Center)
Un prototipo del letto spaziale che aiuterà gli astronauti a vedere (Foto: UT SouthWestern Medical Center)

Sebbene gli astronauti avranno bisogno di dormire comodamente, ora è anche importante mantenere la loro salute visiva, motivo per cui stanno cercando di risolvere il problema con un sacco che fa la differenza nella pressione.

Il suo design è particolare, in quanto è attaccato alla vita e tiene nascoste le gambe dell’astronauta per creare una pressione diversa dal resto del corpo; Da questa parte, Il fluido è attratto dai piedi E non nella testa.

Questo progetto è ancora in fase di sviluppo, perché prima vogliono perfezionarlo per dare il miglior risultato agli astronauti che si avventurano nello spazio. Sebbene l’obiettivo al momento sia la cura degli occhi, vogliono anche aiutare gli altri Malattie tipiche degli astronauti come la fibrillazione atriale.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Continuare a leggere: