Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ruolo di Miguel Frigente sarà compreso molto di più ora che è uscito da ‘The Secret Story’.

L’intrattenimento per bambini torna a Boing lunedì 4 ottobre, grazie a ‘The House of Challenges’, la cui terza stagione andrà in onda alle 20:20 con David Moreno ancora una volta al timone alla ricerca di nuove famiglie che mettano in campo la loro agilità la prova delle capacità mentali e fisiche e la migliore strategia possibile per conquistare la vittoria finale. Nuovi arredi, nuove sfide e molte altre sorprese arriveranno in questo spazio Dopo essere stato nominato miglior programma televisivo per bambini agli Aqui TV Awards.

FormulaTV ha parlato con il presentatore, attore e cantante di Logroño per scoprire i dettagli delle nuove puntate che conterranno una canzone che ha composto lui stesso per l’intestazione e come ha vinto l’accoglienza del format. È stato esportato in altri paesi come l’ItaliaMoreno conferma che vorrebbe lavorare con Mediaset. Inoltre, raccontaci quanto sia stato impegnativo questo ritratto, oltre che speciale, per l’intero team in tempi di pandemia.

David Moreno, presentatore

David Moreno, conduttore di “House of Challenges”

Quest’estate hai registrato nuove puntate di “House of Challenges” mentre mostri la prima stagione. Cosa puoi dirci della terza stagione?

Le nuove puntate manterranno l’essenza di “The House of Challenges” tanto amata nella stagione precedente, e avremo anche molte nuove sfide e concorrenti molto diversi che sorprenderanno, perché la selezione è molto buona. Tieni presente che i nuovi partecipanti hanno visto lo spettacolo e hanno più familiarità con le sfide, quindi escogitano strategie per vincere e, soprattutto, hanno una sportività che adoro. Sanno che la grande sfida e il grande dono di venire a questo programma è proprio essere qui; Per loro è un sogno che diventa realtà. Come dico, avremo lo stesso di sempre, ma con tanti incentivi. Abbiamo anche dipinto la casa. Ci sono alcune altre correzioni di decorazioni che adorerai. Sembra più luminoso e spazioso.

Oggi, con così tanti spettacoli disponibili su TV e piattaforme digitali, è sempre più difficile vedere spazi rinnovati per diverse stagioni. Secondo te, quale componente ha avuto successo la serie The House of Challenges all’interno del canale?

È complicato, vero, e lo è ancora di più in tempi di pandemia. Nella seconda stagione, quando sono entrato, ho dovuto registrare i suoni in casa mia, perché eravamo ancora in isolamento. Poi passò molto tempo prima che venisse trasmesso. Siamo di fronte a una registrazione in una nuova normalità che sarà molto diversa. Lo volevamo davvero, tutto è cambiato molto, fatto sta che è stato così bello ricevere così tanto amore dalle persone che hanno deciso di fare una nuova stagione in circostanze incerte. Da Mediaset Spagna è sempre stato chiaro che vogliono creare nuovi programmi da “La casa de los Challenges”, quindi è un sogno che diventa realtà. Il primo giorno di riprese, quando sono tornato sul set, ho visto la casa molto ristrutturata e l’entusiasmo di tutta la squadra nel ritrovarci, nonostante ci nascondessimo dietro le maschere, mi ha reso molto irritabile. Recuerdo que me puse en el centro del plató a darles las gracias a todos, a decirles que me moría de ganas de volver a verles a todos, que era muy feliz y que les dedicábamos el programa a toda la gente que se noqued hab The Road . È stato fantastico incontrarci di nuovo e sono così grato a tutti coloro che ci hanno visto e hanno reso House of Challenges un programma speciale che ti consente di riconnetterti con il bambino interiore che sei. Inoltre, è uno spazio che va oltre la televisione, perché i giochi da tavolo, ad esempio, hanno spazzato le vendite. Infatti, ad ottobre e novembre, prima di Natale, i giochi erano già esauriti ed era impossibile ottenere di più. È un successo, ed essere parte di qualcosa di così travolgente, così bello e orientato alla famiglia, mi riempie di orgoglio. Mi hanno lasciato qui così posso sentirmi a casa.

READ  L'amica di L-Ganti Tamara Baez ha condiviso il suo primo libro di foto e video del suo bambino in Giamaica: "Piango"

Considero Mediaset un gruppo molto impegnato per l’infanzia

“House of Challenges” va in onda su Boing, canale di attualità del DTT. Perché secondo te è così difficile per le televisioni pubbliche scommettere sui loro format di produzione rivolti ai bambini?

Penso che le persone responsabili della programmazione siano molto intelligenti e sappiano esattamente cosa stanno facendo. Sono contento che su un canale come Boing ci sia un programma come “La casa de los Challenges”, una produzione speciale al 100% creata in Spagna ed esportata in altri paesi come l’Italia, dove hanno realizzato la loro versione. cosa incredibile. Considero Mediaset un gruppo molto impegnato sull’infanzia, lo mostrano sempre in campagne come “Dodici mesi” o su canali come Boing. Vorresti che lo spettacolo andasse in onda anche su Telecinco? Certo, più persone raggiungiamo, meglio è, ma Boing è dove si trova la “Casa delle Sfide”, dove è nato e dove dovrebbe essere. Poi siamo anche su HBO, dove puoi guardare l’intera stagione precedente; Le piattaforme di trasmissione sono molto importanti. Sono molto contento di far parte di un gruppo come Mediaset, che si impegna per l’infanzia, e una serie come Boing, che è impegnata in un proprio programma che si rivolge ai bambini e trasmette una serie di valori tanto necessari attraverso la pura divertimento.

Abbiamo anche avuto modo di vederti in “Toc, toc… puoi?” , su Telemadrid. Cosa significa per te partecipare al programma?

Grande cosa, è così divertente. Inoltre, ogni volta che il programma viene trasmesso, diventa il programma più visto sulla rete.

Sappiamo che hai seguito The Secret Story. Come valuti l’inizio del reality show? Pensi che sia un degno successore del “Grande Fratello”? I tifosi non sono così grandi…

Tutta la realtà dimostra che Mediaset è un riflesso completo e assoluto della realtà sociale in cui viviamo

Mi sembra che “Secret Story” sia un programma e che dietro ci sia una grande squadra che lavora. Mi sembra che gli abitanti della casa diano assolutamente tutto; Sono molto consapevoli di dove sono e cosa devono fare. Penso che il tema dei segreti sia fantastico. E poi, che persone come Sofia Christo ci parlino di cose molto utili e utili a tutti noi come nazione e come Paese, mi sembra che dia l’esempio. È molto importante condannare gli abusi sui minori in modo molto chiaro, diretto e affidabile, e penso che sia bello avere un programma in prima serata che ne parli con tanta libertà e serva anche da esempio. La realtà mostra che Mediaset è un riflesso completo e assoluto della realtà sociale in cui viviamo, e lo è anche la “storia segreta”. Mi piace anche il tema del programma. Quando guardi la TV puoi scegliere cosa tenere, se è solo intrattenimento, che alla fine è acqua, o se vuoi stare con ciò che c’è oltre, e penso che in questo spettacolo ci siano molte cose oltre le amicizie che sono riunioni o problemi che hanno risolto questioni più serie come Sofía Cristo, alla quale mando il mio pieno appoggio.

READ  Il leader di destra italiano Salvini sarà processato per non essere stato autorizzato ad attraccare una barca di migranti

In questo tipo di reality show, i concorrenti che assumono il ruolo della vittima tendono a distinguersi. Questa volta Miguel Frigente e Cristina Porta hanno adottato questa posizione, ma forse molto coercitiva. cosa ne pensi?

Penso che il ruolo di Miguel Frigente sarà compreso molto di più ora che se ne è andato e si è scusato per tutto ciò di cui si parla, perché come ha detto il suo partner, era un maniaco che ha commesso molti errori in passato, e penso che noi spettatori dello spettacolo hanno informazioni che non aveva. Non sapeva o non riusciva a capire perché pensava che i suoi tassi di espulsione fossero i più alti. Non ne aveva idea, e penso che ora che ha lasciato la casa avrebbe permesso alle persone di conoscerlo meglio e avrebbe potuto rimediare agli errori che avrebbe potuto fare in passato. Vittime o no, bisogna essere molto coraggiosi per entrare in un reality show. Non posso assolutamente, sto impazzendo. Mi sentirei più a mio agio a offrirne uno, come un reality show di “House of Challenges”. Lì mi vedrà.

David Moreno con i concorrenti di

David Moreno con i concorrenti a “House of Challenges”

Per te, cosa dovrebbe avere un buon pilota di realtà?

Un buon pilota, non importa se si tratta di un reality show o di uno spazio come “House of Challenges”, cosa dovrebbe essere trasparente con quello che è, come ci si sente e cosa fa. La televisione ha questa magia e questo potere, incarna la realtà delle persone. Non puoi essere in uno show televisivo e fingere di essere qualcuno che non sei, a meno che tu non sia un grande attore. Non puoi mentire, devi lasciarti andare, essere te stesso e goderti quello che sta succedendo, e nella Casa delle Sfide succede la stessa cosa. Quando un concorrente arriva senza una strategia e vuole cedere alla formula e divertirsi, è allora che brilla di più e quando si diverte di più, quindi, più divertimento trasmette agli spettatori e più successo ha dentro . un programma. Questa è la chiave di tutto, ma anche della vita. Devi essere come tutti, goderti al massimo e vivere il momento e le esperienze. È inutile essere a strati e diventare personaggi che non siamo. Dobbiamo essere onesti con chi siamo, cosa sentiamo e cosa vogliamo. Questa è la chiave del successo in qualsiasi modo, che tu sia un concorrente o, diciamo, un giornalista seduto in redazione.

READ  F1 Esports Pro Championship 2021 di STAR +

Penso che sia molto positivo che prendano sul serio l’Eurovision

Entrando nel campo musicale, il ritorno del Festival di Benidorm dopo 16 anni sarà una delle più grandi novità. Cosa ne pensi di scommettere di nuovo su questo metodo di scelta?

In effetti, una delle grandi innovazioni musicali è che ho composto il tema per il titolo House of Challenges, e l’ho anche cantato. E riguardo al festival, per dire che lo adoro, sono un amante della musica e della televisione, e l’Eurovision è esattamente questo, la musica e la televisione sono unite, quindi penso che sia molto bello che lo prendano sul serio e facciano un grande pre- selezione con tanti artisti che sono disposti a dare tutto ciò che possono e rappresentano il nostro paese.

Inoltre, di recente sono andato alla Coca-Cola Music Experience…

Sì, lo stavo presentando. Sono state otto ore di vita frenetica con artisti come Sebastian Yatra, Tino o Anna Mina e mi sono divertito moltissimo. È qualcosa che unisce le mie due passioni, che sono la televisione e la musica; È stata un’esperienza straordinaria e ne sono molto grato. Spero che conteranno ancora su di me l’anno prossimo. Ed è un lusso farlo con Tony Aguilar, che adoro e che seguo tantissimo sin da quando ero piccola. In effetti, il figlio maggiore di Tony è un grande fan di “The House of Challenges” e non si perde mai uno spettacolo. Ogni volta che lo guarda, Tony mi manda una foto, ed è qualcosa che mi entusiasma così tanto, perché per me è un riferimento assoluto in radio, musica e televisione musicale, e il fatto che suo figlio mi segua è fantastico.

Sei un giornalista, attore, cantante e presentatore. Che consiglio daresti a chi sta valutando una carriera in una di queste aree?

Studiano e lavorano sodo. Il mondo dello spettacolo e della televisione è molto difficile, non è facile arrivarci. Ad esempio, ci sono molte persone che amano il giornalismo e lo fanno molto bene, ma è molto complesso. La chiave è non smettere di studiare o imparare, rinnovarsi e lavorare sodo; Non cadere mai, comprendi il “no” come una nuova porta che si apre nel futuro per qualcos’altro. Adesso sto studiando italiano, e sono già al terzo anno, e chissà se domani presenterò anche lì la “Casa delle Sfide”. Mi piacerebbe, o addirittura essere, a Mediaset in Italia e mi vedrei come la nuova Natalia Estrada, anche se probabilmente sarei come Raffaella Carrà in stile spagnolo.